Sarà più facile scovare chi guida in stato alterato da stupefacenti: lo prevede un Disegno di legge

27 agosto 2012 - 6:00

Il Parlamento pensa a una stretta contro gli incidenti stradali dovuti alla droga. Alla ripresa dei lavori di Camera e Senato, imminente, verrà discusso un Disegno di legge che intende potenziare le modalità di controllo dell'assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope da parte dei soggetti al volante in stato di alterazione psicofisica.

DIFFERENZE – Oggi, secondo il Codice della strada (articolo 187), chi guida in stato di alterazione psicofisica dopo aver assunto sostanze stupefacenti o psicotrope è punito (fra le altre sanzioni) con l'ammenda di 1.500 euro e l'arresto da sei mesi a un anno. Rispetto al testo vigente, il Disegno di legge prevede, in via generale, che si possa procedere ad accertamenti quando si abbia ragionevole motivo di ritenere che il conducente “abbia fatto uso” di sostanze stupefacenti o psicotrope e non quando si abbia ragionevole motivo di ritenere che il soggetto si trovi “sotto l'effetto conseguente all'uso” di tali sostanze, fattispecie evidentemente più ristretta. In termini pratici, con le norme attuali, se il guidatore ha assunto droghe molto tempo prima del controllo delle Forze dell'ordine, non scatta la multa; in futuro, invece, se la persona ha fatto uso dello stupefacente poco prima della verifica o diversi giorni prima, non ci sarà differenza, e scatterà la multa. È una regola che farà molto discutere, ovviamente, trattando di una questione così delicata (e soggettiva) come la condizione psicofisica di un individuo.

SECONDA NOVITÀ – In caso di accertamenti, si farà ricorso all'esame di campioni del fluido del cavo orale, anziché a campioni di mucosa del cavo orale. Attualmente, invece, la scelta se procedere all'esame dei campioni del fluido, in alternativa alla mucosa, era rimessa al Decreto di attuazione della disposizione. E il riferimento al “prelievo di campioni di liquidi biologici presso strutture sanitarie” verrà sostituito con il riferimento “al prelievo di campioni di fluido del cavo orale o di sangue”. Inoltre, l'esito positivo degli accertamenti determina che il soggetto sia considerato in stato di alterazione psicofisica ai fini dell'applicazione delle previste sanzioni. Infine, scatta la revisione della patente anche quando gli accertamenti abbiano fornito esito positivo ma non sia stato possibile rilevare uno stato di alterazione psicofisica correlata alla recente assunzione di stupefacenti. Se arriveranno, queste norme potranno sicuramente migliorare la sicurezza stradale; però resta da capire se i controlli su strada aumenteranno, visto che un vero test omologato per le droghe da fare non c'è, come SicurAUTO.it ha già fatto notare qui. Permangono i classici esami che tuttavia richiedono il medico, con procedure lente, lunghe, farraginose, che rendono difficile il compito delle Forze dell'ordine e quindi la prevenzione degli incidenti.

6 commenti

Amedeo
22:26, 28 agosto 2012

Evidentemente qualcuno si sente così bravo da poter confermare che prima di guidare forse una bella cannetta è meglio farsela……
Ma qua non si parla solo di canne (dire cannabis la fa sembrare una cosa seria) ma anche di abuso di farmaci o quant'altro.
Il fatto che la gente oramai non da più importanza alla guida parlando al telefono, leggendo il giornale o altro non è un valido motivo per permettere a tutti di guidare qualsiasi sia lo stato fisico/mentale momentaneo.
Per ognuno ce la giusta “punizione” (se viene beccato), idem per chi non è in condizione di guidare per altri motivi.
Invece di sperare in nuove misure di prevenzione si cercano sempre giustificazioni per cui quello che si fa è sempre giusto, anche quando questo non è vero.

riccardo
9:27, 11 settembre 2012

ripeto, a che serve tutta sta fuffa se poi vado al sud e mi compro la patente in contanti?

Davide
16:08, 11 settembre 2012

Ma che senso ha? sono d'accordo che se uno è in uno stato psicofisico alterato deve essere punito se guida.
Ma se faccio uso di stupefacenti e il giorno dopo quando sono completamente sano mi fermano e mi controllano, risulto positivo. Patente ritirata e tutte le varie sanzioni anche se in quel momento non sono sotto effetto di alcuna sostanza.
E' una cosa completamente al di fuori di un ragionamento logico tutto ciò..
Sempre piu repressione ingiustificata sempre piu leggi per fare cassa e punire il cittadino.
VERGONGNOSO!

Xaus
12:21, 12 settembre 2012

è solo un altro modo di fare cassa.
Bisogna accertare che al momento dell'incidente uno abbia sia sotto effetto di qualcosa (alcol, droga o psicofarmaci) non gliene deve fregare una cippa se uno è un consumatore abituale se al momento del tfattaccio NON è sotto effetto di sostanze. Quindi quoto in pieno Davide Freedom. xkè cmq sia pagare gli esami sono dei bei soldoni per lo stato…e gli fanno gola.. e per rispondere ad amedeo qui sopra che parla di regimi dittatoriali,, come diceva Borsellino “Lo stato e la mafia sono due entità sullo stesso territorio, o si fanno la guerra o collaborano”.. qui ogni volta che qualche esponente delle forze dell'ordine arriva vicino a qualcos di grosso viene o trasferito o smantellata la sua squadra.. quindi se tanto mi dà tanto…

Davide
12:51, 12 settembre 2012

Amedeo per quale motivo uno che si fuma una canna non dovrebbe avere la patente? un discorso è guidare sotto effetto, e un discorso è fare cio che si vuole nella vita privata..
A questo punto anche una persona non astemia non dovrebbe avere la patente perchè potenzialmente con un bicchiere di troppo ammazza gente in auto..
Hai ragione sul discorso del mercato nero, e per questo infatti ci vorrebbe una legalizzazione delle droghe leggere. In Olanda c'è il minor consumo di droga tra i giovani nonostante sia legale.
Inoltre porterebbe ingenti soldi allo stato e ne toglierebbe non pochi alla mafia.
MA qui il discorso è un altro. La guida sotto effetto di stupefacenti quindi non divaghiamo perchè il discorso sarebbe lunghissimo.
CORRETTO procedere contro uno che guida sotto effetto di stupefacenti o alcool che sia.
NON CORRETTO procedere contro uno che risulta positivo a questi test che trovano tracce di stupefacenti anche quando oramai l'effetto è svanito da tempo.

Facciamo un esempio di questa legge prendendo l'acool come se fosse una sostanza tu questa sera vai a una cena, bevi troppo e non guidi. domani mattina stai bene e vai al lavoro. Ti fermano e ti trovano tracce di alcool della sera precedente. Ti becchi tutte le sanzioni e i procedimenti, per quale motivo? tu eri sanissimo alla guida. Questo è lo schifo che va cambiato

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni