Droga, arriva il test obbligatorio per gli autisti

ROMA - Obbligo di test antidroga per una lunga lista di lavoratori: la norma potrebbe essere varata prima di agosto dalla Conferenza Stato-Regioni ed è contenuta nella bozza di intesa voluta dal...

22 giugno 2007 - 9:11

ROMA – Obbligo di test antidroga per una
lunga lista di lavoratori: la norma potrebbe essere varata prima di agosto dalla Conferenza Stato-Regioni ed è contenuta nella bozza di intesa voluta dal ministro della Salute Livia Turco subito dopo la tragedia di Vercelli, dove morirono due bambini che viaggiavano su un bus guidato da un autista che aveva fumato uno spinello. Così, dall'autista di taxi al pilota, dal controllore di volo a quello addetto al traffico dei treni, il controllo antidroga potrebbe presto diventare operativo.

A realizzare i controlli saranno i Sert che hanno giudicato “buona” la notizia dell'arrivo della nuova normativa che ha già avuto un primo sì da parte degli assessori alla Salute. Per il presidente di Federserd (federazione dei Sert), Alfio Lucchini, quelle interessate dal provvedimento, sono “categorie importanti per la sicurezza dei cittadini” e il ruolo dei Sert che si delinea “è un giusto ruolo tecnico, che attiene alla consolidata professionalità del personale, all'interno delle competenze sanitarie complessive delle aziende sanitarie”. Per Riccardo De Facci, responsabile tossicodipendenze del Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza (Cnca), “in una logica di sicurezza pubblica, gli strumenti di controllo, come gli etilometri, vanno potenziati. Ma il rischio che si corre è di ridurre il tema al solo controllo, trascurando l'aspetto fondamentale della prevenzione”.

I lavoratori coinvolti sono quelli che svolgono mansioni particolarmente rischiose per la sicurezza propria e di altri, come tutte le attività di trasporto, chi lavora nell'impiego di gas tossici, con i fuochi di artificio o gli esplosivi. In caso di esito positivo del test il lavoratore, che sarà avvisato tre giorni prima del controllo, non perderà il posto di lavoro ma, se sarà accertata la tossicodipendenza, potrà essere spostato ad altre mansioni. Il testo è stato già inviato al ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e dovrà ora passare all'esame della Conferenza Stato Regioni.

Il provvedimento di fatto applica questo prevedeva già la normativa Iervolino Vassalli, cioè la nascita di una norma da emanare di concerto da parte del ministero della Salute e del Lavoro e delle Politiche Sociali con l'indicazione delle mansioni a rischio e le modalità dei controlli. Se il lavoratore non si dovesse presentare verrà invitato entro 10 giorni ad un nuovo controllo. Nel caso in cui il lavoratore non si presenti nuovamente e in assenza di un giustificato motivo il datore di lavoro sarà tenuto a sospenderlo dalle mansioni comprese nell'elenco stilato nella bozza, mansioni che per loro natura sono rischiose e che se svolte in condizioni mentali e fisiche alterate possono mettere in pericolo non solo la salute dello stesso lavoratore ma anche di altre persone.

Gli accertamenti riguarderanno anche tutti i lavoratori previsti nell'elenco delle categorie coinvolti in un infortunio sul lavoro che ha causato una lesione con prognosi superiore ai 20 giorni e anche in tutti i casi in con il medico competente lo ritenga necessario. Sempre i Sert potranno attestare successivamente l'avvenuto recupero del lavoratore che potrà tornare alla sua mansione anche se potrà subire nuovi e ripetuti controlli. Le procedute diagnostiche e medico legali dovranno essere indicate da un accordo successivo. Nel caso in cui il test dovesse risultare positivo il lavoratore potrà chiedere entro 10 giorni la ripetizione dell'esame. Norme speciali vengono indicate per i controlli per il personale delle forze armate e di polizia e del corpo nazionale dei vigili del fuoco così come per il personale marittimo.

http://www.repubblica.it/2007/06/sezioni/cronaca/droga/droga/droga.html

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Passo carrabile

Voltura passo carrabile: come si richiede

Test Gomme Invernali 2020: 2 bocciati per lacune su asciutto

Auto incastrata in una strada stretta

Auto incastrata in una strada stretta: chi paga i danni?