DealerSTAT 2012: Volvo è la casa più gradita ai concessionari

All'Automotive Dealer Day, Volvo ha vinto il trofeo del gradimento da parte dei concessionari. Inaugurata anche l'edizione per i veicoli commerciali

17 maggio 2012 - 6:00

Durante la prima giornata dell'Automotive Dealer Day che si sta svolgendo a Verona sono stati presentati i risultati del 10° DealerSTAT, l'annuale ricerca condotta da Quintegia che misura, tramite appositi questionari, la soddisfazione dei concessionari nel rapporto con le rispettive case automobilistiche mandanti. L'indagine, giunta alla 9a edizione, ha coinvolto quest'anno 1.390 concessionari (cioè il 45% del totale) dei 34 principali marchi che operano in Italia. Questo è l'elenco completo: Alfa Romeo, Audi, BMW, Chevrolet, Citroën, Dacia, Fiat, Ford, Jaguar, Jeep, Honda, Hyundai, Kia, Lancia, Land Rover, Lexus, Mazda, Mercedes Benz, Mini, Mitsubishi, Nissan, Opel, Peugeot, Porsche, Renault, Seat, Smart, Subaru, Skoda, Suzuki, Tata, Toyota, Volkswagen e Volvo.

ECCO LE 12 AREE D'INDAGINE – Ai titolari delle concessionarie è stata sottoposta una lista con oltre 100 domande relative a 12 indici sintetici riguardanti altrettante aree d'interesse, che sono le seguenti:

  • redditività e valore del mandato;
  • prodotto;
  • politiche di marketing;
  • sistemi d'incentivazione;
  • disponibilità al dialogo;
  • management vendite;
  • management post-vendita;
  • training;
  • servizio ricambi;
  • sistema informativo;
  • business dell'usato;
  • servizi finanziari.

LA CLASSIFICA DELLA SODDISFAZIONE – Le valutazione che ciascun concessionario poteva esprimere per ogni aspetto andavano da 1 a 5, con il 3 considerato valore neutro. Al primo posto assoluto per soddisfazione della rete s'è piazzata Volvo con un punteggio di 3,60, che ha bissato il successo già ottenuto l'anno scorso. Al secondo posto, con 3,55 punti, è giunta Lexus, anch'essa già seconda nel 2011, seguita da Chevrolet (punti 3,49), Mini (3,43) e, infine Ford (3,40). La prima marca del gruppo Fiat nelle “Top Twenty” è risultata Jeep con 2,93 punti (cioè sotto la media del fatidico 3), mentre il piazzamento esatto delle marche italiane non è noto in quanto la classifica riporta le posizioni fino alla 20a, mentre dalla 21a alla 34 si piazzano i cosiddetti marchi “follower” dei quali, molto probabilmente per ragioni di delicatezza, non vengono rivelati i risultati esatti raggiunti, né il voto.

ECCO IL MANDATO PIÙ AMBITO: VOLKSWAGEN – Insieme all'indagine sulla soddisfazione per i marchi s'è svolta anche quella per il mandato più desiderato dai concessionari, che quest'anno è andato a Volkswagen, che ha raccolto il 19% delle segnazioni totali. Al secondo posto è arrivata Hyundai con il 13%, seguita da Ford (12%), Audi e Kia. È significativo che tra i primi cinque marchi più ambiti se ne siano piazzati due coreani, il che sta a dimostrare che entrambe le case non sono più le cenerentole di un tempo, snobbate dal mercato ma, al contrario, ora vengono viste dai concessionari come promettenti fonti di guadagno per gli operatori che potranno inalberare le loro insegne.

Il DEALERSTAT DEI VEICOLI COMMERCIALI – In contemporanea con l'evento dedicato alla soddisfazione dei concessionari sui marchi auto, s'è svolta anche la prima edizione del DealerSTAT per quelli dei veicoli commerciali. In questo caso gli operatori intervistati sono stati 330 (ovvero il 35% dei dealer italiani), di 10 marchi diversi (Citroën, Fiat, Ford, Iveco, Mercedes Benz, Nissan, Opel, Peugeot, Renault e la divisione commerciali di Volkswagen) ai quali è stato sottoposto un questionario simile a quello preparato per i colleghi delle vetture, ma con sole 80 domande. Le aree gestionali sulle quali è stata misurata la soddisfazione delle reti sono le stesse considerate per la auto, con l'aggiunta di una 13a, quella riguardante i servizi agguntivi. Vincitrice è risultata Renault con 3,20 punti, seguita da Opel (3,14) e Volkswagen (3,07). Il punteggio medio, 2,89, è risultato sotto il livello 3, quello neutro, e su sole tre aree gestionali i concessionari hanno espresso mediamente un voto superiore a tale livello, mentre particolarmente carenti sono risultate quelle della redditività del mandato e delle politiche di remunerazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl a Milano mappa regole orari

Ztl a Milano: mappa, regole e orari

Fumare in macchina in Italia

Fumare in macchina in Italia: legge, divieti, sanzioni

Misure anti smog 2020 Barcellona

Misure anti smog 2020: Barcellona bandisce 50 mila veicoli