Dacia Duster 2014, resta al passo coi tempi

Il SUV campione di vendite si rinnova, arriva la Dacia Duster M.Y. 2014

2 settembre 2013 - 16:25

Con oltre 142.000 unità vendute in tutta Europa nel 2011, la Duster è stata un successo indiscusso e inaspettato, seconda solo alla “cugina” Nissan Qasqhai, con la quale condivide parte della meccanica. Dacia è infatti il brand “low-cost” del Gruppo Renault-Nissan, rinato nel 2004 con la berlina Logan e che ora conta ben sei modelli. Tutte le auto del marchio rumeno sono progettati per costare poco, per questo sono prodotti in Romania sfruttando il più possibile le parti meccaniche già disponibili nel Gruppo. Ma i successi sui mercati europei hanno trasformato la prima SUV low-cost in un'auto di tendenza.

FIGLIA DELLE SINERGIE – La Dacia Duster sfrutta parte del pianale della Sandero Stepway e lo schema di trazione integrale della Nissan X-Trail (a sua volta condiviso con la Qasqhai e la Renault Koleos) con il differenziale centrale bloccabile. In questo modo è possibile offrire un prezzo d'attacco che non ha rivali: la versione 2WD con il 1,6 litri benzina parte da 11.900€, mentre per la 4WD si sale a 14.900€. La Duster è un'auto pratica, con interni molto spaziosi, in cui cinque persone trovano posto comodamente, mentre il bagagliaio ha una capacità minima di 443 litri, che salgono a 1.636 abbattendo tutti i sedili.

LOW-COST MA ANCHE ESCLUSIVA – Ma il mercato ha dimostrato di apprezzare anche le versioni più equipaggiate della Duster, come la 4WD motorizzata con il diesel 1.5 dCi da 110 CV, che supera i 18.000€. Così sono nate versione personalizzate, come la Delsey, per conquistare anche chi non vede il SUV Dacia solo come prodotto low-cost. Ora, la Duster si rinfresca nella linea e negli allestimenti per rimanere sulla cresta dell'onda. La SUV rumena, con il nuovo model year 2014 che vedremo al Salone di Francoforte, assume un aspetto più fuoristradistico, enfatizzando alcune parti della carrozzeria.

LOOK PIU' GRINTOSO – Le nuove barre da tetto siglate Duster, con supporti traforati, aumentano la grinta del disegno globale del veicolo, mentre i nuovi cerchi in lega 16 pollici “dark metal” associati a pneumatici “Mud and Snow” rendono il profilo della fiancata più dinamico e leggero. Al posteriore, troviamo nuovi gruppi ottici con dettagli cromati, così come il terminale di scarico. Tutto il resto rimane invariato, non sono state annunciate novità per la gamma motori. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa