Cristalli di seconda scelta? Ecco che cosa ne pensa Carglass

Dopo l'articolo sulla gara Carglass "Best Of Belron Italia 2012", un lettore ha criticato l'azienda. Che risponde così

3 aprile 2012 - 11:17

Il 13 marzo scorso avevamo pubblicato un articolo nel quale parlavamo del resoconto di una giornata trascorsa con Carglass, il noto specialista nella sostituzione e riparazione dei cristalli per auto, in occasione della premiazione del miglior installatore di vetri d'Italia, selezionato dalla stessa Carglass tra gli operatori dei suoi centri convenzionati.

UN LETTORE CRITICA CARGLASS…- Nell'articolo avevamo ovviamente parlato di ciò che avevamo visto, spiegando anche le modalità che Carglass dichiara di utilizzare per garantire la qualità degli interventi e la loro sicurezza, sia a favore dei suoi operatori, sia dei clienti. Un lettore, però, che evidentemente lavora nel settore della sostituzione-riparazione dei cristalli o in settori collegati, ha inviato via e-mail le sue osservazioni sulle procedure di Carglass spiegate nell'articolo. Eccole:

“Purtroppo a chi non conosce il settore (della sostituzione dei cristalli-ndr) sembrano delle belle cose. Però chi lo conosce sa che Carglass, a differenza di Glass Drive o Doctor Glass, usa solo vetri, dove possibile, di seconda o terza scelta, molto spesso cinesi se non addirittura “demarchiati” con fiori e croci gigantesche per far vedere che sono di seconda scelta di marca Pilkington, e non utilizza, se non su richiesta, i vetri che rappresentano il 50 % di quelli prodotti dal leader eurpeo per la sicurezza (Saint-Gobain) e nemmeno quelli che sono quasi allo stesso livello (Agc-Splintex). La salute è la vostra: non conta la velocità nel montare i vetri, ma come li monti e che cosa monti”.

…E CARGLASS RISPONDE – A questo punto, abbiamo “girato” le osservazioni del lettore (che, stranamente, non siamo riusciti a ricontattare in quanto la sua e-mail respinge costantemente i messaggi) direttamente a Carglass, la quale ha replicato come segue:

Per Carglass, non esistono vetri di “seconda o terza scelta”, ma solo vetri che rispettano i più elevati standard qualitativi internazionali e che superano i controlli di Carglass stessa. A tal proposito, Carglass si impegna a segnalare eventuali difetti ai fornitori a seguito della consegna. Qualora il difetto fosse confermato sia da Carglass, sia dal produttore, quest'ultimo ritira immediatamente i vetri che non hanno superato i controlli di Carglass e intensifica il controllo qualità allertando il processo di produzione. Sono montati da Carglass, quindi, solo ed esclusivamente vetri che rispondono a requisiti di qualità e omologazione certificata, provenienti dai principali fornitori internazionali. È bene ricordare infine che la qualità del vetro non è data dal marchio della casa automobilistica, ma dalle relative sigle di omologazione e certificazione. In casi particolari il cliente ha comunque la possibilità di richiedere un vetro con la personalizzazione della casa automobilistica”.

13 commenti

Giuliano
13:02, 3 aprile 2012

Forse Carglass dovrebbe fare delle ispezioni a sorpresa all'interno delle carrozzerie affiliate (perché al Sud Italia hanno dei carrozzieri affiliati e non centri Carglass di proprietà).

Sono sicuro che rimarrebbero anche loro di stucco nel vedere cosa viene montato sulle auto dei clienti canalizzati.

Antonio
18:19, 3 aprile 2012

Sei anni fa ho dovuto far sostituire il parabrezza originale (Saint-Gobain) danneggiato da una pietra caduta dal cassone di un camion. Portato l'auto nell'officina di fiducia (a Verona), mi fissarono l'appuntamento per la sostituzione. Non ho assistito all'operazione, quindi non so chi abbiano chiamato, comunque mi hanno montato un Pilkington… vedevo tutto deformato ed a onde se guardavo dalla parte del passeggero. Per quanto mi riguarda, uno schifo.

Resto
10:55, 16 aprile 2012

Ho il vetro della mia auto da sostituire per un evidente scheggiatura.
Preventivo Carglass. 1360 euro
Concessionaria ufficiale. 800
Altri: 700/900

Beh, fate voi.

Katia
10:43, 20 aprile 2012

Raccontare la mia storia è un po complicato, ma vi assicuro che assicurare l'auto con doctor glass è tutta una grande truffa organizzata con le assicurazioni. Dopo aver pagato per anni il servizio assicurativo alla mia agenzia (per fortuna, senza averne mai usufruito), mi sono ritrovata a dover sostituire il cristallo anteriore della mia toyota a mie spese. Tutto perchè il centro doctorglass voleva montare un vetro “origniale non marchiato”. Cosa significa un “vetro origniale non marchiato”? Un consiglio spassionato: NON Assicurate l'auto con doctorglass. Mi sono recata presso un'autocarrozzeria e dopo qualche giorno avevo il cristallo anteriore “ORIGINALE E MARCHIATO TOYOTA”.

tra
5:55, 3 giugno 2012

anch'io ri recente presso un centro convenzionato carglass zona Avellino, mi sono ritrovato a sentirmi dire, naturalmente DOPO la 'riparazione', che la scheggiatura subita per un sassolino in autostrada, non potrà mai essere riparata (13 mm iniziali…. ora si sta allargango) e che loro non promettono nessun risultato definitivo. L'unica cosa definitiva è che si sono presi il denaro della riparazione. Al momento della visione che la scheggiatura continua nonostante il forellino che praticano con tanto di 4 gocce, letterali, di resina 'speciale' (dicono..), reclinano ogni responsabilità…… Per me, quindi, rientrano nella pubblicità ingannevole e vanno sanzionati. Infatti sto portando avanti degli esposti e segnalazioni alle autorità competenti. DIFFIDATE dai 'miracolosi interventi professionali'.., se il problema comunque non incide sulla sicurezza stradale e dell'automobilista…forse ce la caviamo meglio con 'atac' sigilla-tutto, e a livello personale,

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tergicristalli auto: come rimetterli in sesto e prepararli all’inverno

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”