Contromano, allarme rosso

In Italia, gli episodi di contromano sono in aumento

29 agosto 2014 - 10:00

Il più recente episodio di contromano mette i brividi, con un guidatore che ha percorso una trentina di chilometri controsenso in autostrada: la tragedia (un frontale mortale) è stata evitata solo grazie alla freddezza degli automobilisti che viaggiavano nella direzione giusta. E al pronto intervento della Polizia stradale. Il fatto è che non trattasi di un caso isolato, perché in Italia è allarme rosso contromano: secondo i dati Asaps (Amici Polstrada), nel primo semestre del 2014 si sono registrati 170 episodi significativi: 124 sono avvenuti di giorno (73%) e 46 di notte 27%. In dettaglio, 78 episodi sulle autostrade e superstrade (46%) e 92 sulle strade ordinarie (54%).

NUMERI IN CRESCITA – Occhio: il contromano è in crescita rispetto al primo semestre del 2013, quando furono 159 (+7%). Con netto incremento delle vittime mortali: nel primo semestre 2014 sono state 17, cioè 10 in più (+143%) rispetto ai 7 morti del primo semestre 2013. I feriti sono stati complessivamente 128, rispetto agli 82 ingressi al pronto soccorso dei primi sei mesi dello scorso anno (+56%). È anche strano che, con la crisi e con il conseguente calo di numero di veicoli in circolazione, questi episodi crescano. D'altronde, con la riduzione degli organici di polizia sulle strade, è anche meno probabile che gli automobilisti vengano intercettati e bloccati in contromano. Ricordiamo che la multa per guida contromano è di 154 euro, più un taglio di quattro punti della patente (articolo 143 del Codice della strada): forse, il potere deterrente di questa norma non è molto forte, senza considerare che sono scarsi i controlli effettivi da parte delle Forze dell'ordine (peraltro incolpevoli, visto l'esiguo numero di pattuglie a disposizione).

CHI LO PROVOCA – I conducenti stranieri coinvolti in 45 episodi, pari al 26,5% del totale. Seguono le cosiddette gli episodi di fuga dall'alt delle forze di polizia, certificate in 43 casi pari al 24,7%. Senza dimenticare i guidatori in stato di ebbrezza, presenti in 34 eventi (20%) di cui 5 casi sotto l'effetto di stupefacenti. Seguono poi 18 episodi con anziani alla guida 10,6%. Sono stati 5 gli episodi “fantasma”, quelli per i quali è iniziata l'intercettazione ma il veicolo non è stato bloccato perché è riuscito a dileguarsi rientrando nella circolazione normale. In 49 casi (28,8%) c'è stato l'intervento salvifico delle forze di polizia che sono riuscite a bloccare il veicolo, evitando le gravi conseguenze. Per prevenire il contromano, l'Asaps, oltre a una segnaletica verticale e orizzontale adeguata, propone un sistema di allarme acustico e visivo, attivato da apposite fotocellule, che entri in funzione quando il veicolo percorre il primo tratto controsenso di una corsia di immissione da un casello o da un'area di servizio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Renault ZOE 2019: nuovi interni hi tech e autonomia a 390 km

USA: la pizza a domicilio arriverà con la guida autonoma di Nuro

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 16.000 euro