Controllo gas di scarico: dal 2013 in Svizzera non sarà più obbligatorio

Le auto più recenti con sistema di diagnosi OBD saranno esentate dal controllo dei gas di scarico periodico

3 dicembre 2012 - 10:00

Dal 2013 auto, autocarri leggeri e autobus equipaggiati del sistema di diagnosi OBD non saranno più obbligati a eseguire la manutenzione biennale del sistema antinquinamento, a stabilirlo è una nuova norma del Dipartimento federale dell'ambiente svizzero. Anche in Italia è stato abolito il bollino blu proprio per lo stesso motivo. Resta in vigore il controllo dei gras di scarico durante la revisione periodica sia in Italia che in Svizzera (dove si esegue con i seguenti intervalli 4 anni, 3 anni, 2 anni…).

COSA CAMBIA – Il Touring Club Svizzero si era già espresso contrariamente all'utilità dei controlli ai gas di scarico delle auto nuove e dal 1 gennaio 2013 quest'obbligo cesserà per le auto e gli autocarri fino a 3,5 t che dispongono del sistema OBD (On-Board Diagnostics). Dal prossimo anno, infatti, secondo l'art.59a dell'Ordinanza sulle norme della circolazione stradale elvetica, il sistema di diagnosi che controlla costantemente i parametri di funzionamento del motore, sarà uno strumento sufficiente a comunicare al conducente anche un eventuale guasto al sistema antinquinamento. Fino al 31 dicembre prossimo, tutti gli autoveicoli leggeri con catalizzatore che sviluppano una velocità di 50 km/h o superiore devono dimostrare ai controlli della polizia di aver effettuato la manutenzione del sistema antinquinamento, obbligatoria ogni 24 mesi. Se l'auto non è munita di catalizzatore l'obbligo di tenere in ordine il sistema dei gas di scarico è più frequente (ogni 12 mesi) mentre sono già esentate le auto immatricolate per la prima volta entro l'1 gennaio 1976.

CHI E' DENTRO – L'esonero dalla manutenzione del sistema antinquinamento in officina riguarderà tutte le auto e i furgoni con motori benzina che rispettano la normativa Euro3 e quelle successive o con motori diesel Euro4 e successivi. Per gli autoveicoli pesanti (autocarri e autobus) superiori a 3,5 t, l'ordinanza riguarderà i mezzi immatricolati dal 30 settembre 2006 con motori Euro4 o successivi. Riconoscere se il veicolo è dotato di sistema EOBD, è molto semplice, basta verificare la presenza nei pressi del posto guida della presa di diagnosi a 16 poli, che consente il collegamento delle centraline di bordo agli strumenti diagnostici delle officine, e della spia gialla sulla plancia raffigurante il motore dell'auto. All'accensione della spia guasto generico di “avaria motore” il conducente ha 30 giorni di tempo per recarsi in officina e far riparare l'auto se il messaggio di malfunzionamento riguarda il sistema antinquinamento dei gas di scarico.

IL LIBRETTO PARLA CHIARO – Per essere ceti che l'auto o il camion rientri nelle nuove disposizioni del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni, gli automobilisti possono verificare direttamente sulla carta di circolazione svizzera la corrispondenza delle voci 33, 36 e 72. L'esenzione sarà valida in particolare per:

  • auto e veicoli leggeri con motore a benzina o a gas di peso non superiore a 3,5 t (v.33) e un codice di emissioni allo scarico (v.72) tra B03, B04, B5a, B5b, B6a, B6b, B6c, A04, A05, A07;
  • auto e veicoli leggeri con motore diesel di peso non superiore a 3,5 t (v.33) e un codice di emissioni allo scarico (v.72) tra B04, B5a, B5b, B6a, B6b, B6c, A04, A05, A07;
  • autoveicoli pesanti di massa complessiva superiore a 3,5 t (v.33), immatricolati dopo il 30 settembre 2006 (v.36) e con un codice di emissioni allo scarico (v.72) tra E04, E05, E06, A13, A14, A15, A16, A17, A18, A19, A26.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto senza assicurazione cosa si rischia

Codice della Strada: la mini riforma slitta al 2020

Black Friday 2019: le offerte FCA durano fino al 2 dicembre

Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità