Consiglio acquisto citycar con frenata automatica d'emergenza

La frenata automatica d'emergenza è disponibile anche sulle citycar, vediamo quali sono le "piccole" con il sistema anticollisione di serie e optional

1 marzo 2017 - 11:30

Dopo avere analizzato vari segmenti di mercato e selezionando le migliori offerte del mercato in base alla categoria e al prezzo (Qui la guida acquisto utilitarie fino a 10.000 euro), le guide all'acquisto SicurAUTO.it proseguono con le automobili equipaggiate con i sistemi di frenata automatica d'emergenza. Noti anche come AEB (Autonomus Emergency Braking) sono oggi disponibili su tutte le categorie di vetture, citycar comprese. I dispositivi di sicurezza attiva AEB arrestano la vettura in caso di emergenza, diminuendo sensibilmente il rischio di collisioni (Leggi la guida SicurAUTO.it sull'AEB). È opportuno distinguere almeno due differenti tipologie di sistemi di frenata automatica, i City pensati per un utilizzo cittadino a velocità moderate, solitamente basati sulla tecnologia LIDAR (Light Detection and Ranging), e i cosiddetti Inter-Urban pensati per un impiego extraurbano e a velocità sostenute. Vi ricordiamo che, presto, questi sistemi di assistenza alla guida saranno obbligatori su tutte le auto nuove – leggi qui per apprfondire la questione. Guida aggiornata il 01/03/2018

SISTEMI AEB CITY A TECNOLOGIA LIDAR

I cosiddetti AEB City prevedono l'impiego di sensori ottici installati in cima al parabrezza grazie ai quali monitorare continuamente lo spazio di fronte la vettura. Il raggio d'azione di questa tipologia di sensori è di circa 6/8 metri e permette di identificare i potenziali ostacoli tipici del traffico cittadino. Data l'esigua distanza coperta i sistemi City possono operare correttamente a velocità moderate, solitamente inferiori a 50 chilometri orari (Qui il nostro test del dispositivo anticollisione sulla Fiat 500L).

SISTEMI AEB INTER-URBAN RADAR

I dispositivi di frenata automatica d'emergenza pensati per l'utilizzo extra-urbano impiegano dei radar a lungo raggio grazie ai quali è possibile monitorare e riconoscere eventuali ostacoli fino a 200 metri di distanza dall'anteriore della vettura. I sistemi AEB più evoluti combinano i radar a lungo raggio con sensori video e possono intervenire, ad esempio nella guida in autostrada, sui dispositivi di cruise control adattivi, regolando la velocità del veicolo.

CITROEN C1 La citycar del Double Chevron è lunga 3,47 metri, dispone di 4 posti ed è proposta in versione a 3 o 5 porte. Nel 2014 è stata testata da Euro NCAP ottenendo 4 stelle, l'attuale modello dispone di 6 airbag, dell'ESC e dell'assistenza alla frenata d'emergenza AFU (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Proposta con la motorizzazione base 3 cilindri da 1.0 litri e 68 cavalli, vanta un consumo nel ciclo misto di 4.1 L/100 km e 95 g/km di emissioni di CO2. Con gli allestimenti Shine è proposto come optional, al costo di 500,00 euro, l'Active City Brake. Il dispositivo agisce fino a 30 km/h di velocità e prevede anche l'avviso per il superamento di carreggiata. Il prezzo di listino parte da 12.450 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

FIAT PANDA L'inossidabile tuttofare torinese è lunga 3.65 metri, offre fino a 5 posti ed è proposta in versione 5 porte. Testata da Euro NCAP nel 2009 ha ottenuto 4 stelle, dispone di serie di ESP + Hill Holder (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). Proposta con varie e assortite motorizzazioni offre già dalla versione più economica Easy, equipaggiata con un 4 cilindri da 1.2 litri da 69 cavalli che consuma nel misto 5.2 L/100 km con 120 g/km di CO2, il sistema opzionale City Brake Control. Il dispositivo anticollisione è attivo ed efficace fino a 30 km/h di velocità. Il prezzo di listino parte da 11.800 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

KIA PICANTO La city car del Marchio coreano è lunga 3,60 metri, ha 3 o 5 porte e 5 posti, co un volume minimo del bagagliaio di 255 dm3. Testata nel 2017 da Euro NCAP ha ottenuto 3 stelle (79%, 64%, 54%, 25%). Nella sua versione base è equipaggiata con un motore 1.000 cc turbo benzina 3 cilindri da 67 cavalli, con un consumo medio nel misto di 4,4 l/100 km e 101 g/Km di CO2. La frenata automatica di emergenza è di serie su questo modello. La versione base parte da 10.850 euro.

 

 

PEUGEOT 108 Alter ego a marchio del Leone francese della C1 è lunga 3, 48 metri, dispone di 4 posti ed è proposta a 4 o 5 porte. Testata nel 2014 da Euro NCAP ha ottenuto 3 stelle e dispone di 6 airbag, ESP e assistenza alla frenata d'emergenza AFU (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). La motorizzazione base è un 3 cilindri da 1.0 litri e 68 cavalli, il consumo dichiarato nel misto è di 4.1 L/100 km e 95 g/km di CO2. Con l'allestimento Allure è proposto come optional, al costo di 500,00 euro, l'Active City Brake che comprende anche il Lane Departure System. Il prezzo di listino parte da 12.650 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

SKODA CITIGO La citycar ceca è lunga 3.56 metri dispone di 4 posti ed è proposta a 4 o 5 porte. È stata testata da Euro NCAP nel 2011 ottenendo le 5 Stelle, dispone di serie di 6 airbag e dell'ESP (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). La motorizzazione base è un 3 cilindri da 60 cavalli il cui consumo dichiarato nel misto è di 4.5 L/100 km con 105 g/km di emissioni di CO2. Fin dalla più economica versione Active la Casa offre come optional, a 135,00 euro, il City Safe Drive; il sistema anticollisione è attivo fino a 30 km/h e funziona a distanze inferiori a 10 metri. Il prezzo di listino parte da 9.620 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

SMART FORFOUR La versione “lunga” della city car per eccellenza, nei suoi 3,50 metri dispone di 3 o 5 porte e 4 posti. È stata testata nel 2014 da Euro NCAP ottenendo 4 stelle (78%, 77%, 65%, 56%). L'entry level è disponibile con un propulsore 1.000 3 cilindri turbo benzina da 71 cavalli, con consumi dichiarati nel misto di 4,2 l/100 km e 97 g/km di CO2. Di serie dispone della frenata automatica di emergenza, con un prezzo di partenza di 14.132 euro. 

SMART FORTWO È lunga 2,74 metri, ha 3 porte e 2 posti, con un volume del bagagliaio di 190 dm3. Testata nel 2014 da Euro NCAP ha ottenuto 4 stelle (82%, 80%, 56%, 56%). La versione base è equipaggiata con un 1.000 3 cilindri turbo benzina da 71 cavalli, 4,1 l/100 km di consumo dichiarato nel misto e 93 g/km di CO2. La SMART Fortwo ha di serie il sistema di frenata automatica di emergenza. Il listino parte da 13.392 euro. 

TOYOTA AYGO La citycar nipponica è lunga 3.43 metri, ha 4 posti e fino a 5 porte. È stata testata da Euro NCAP nel 2014 ed ha ottenuto 4 stelle (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video), dispone di serie di 6 airbag e l'ESC. L'auto è offerta con un'unica motorizzazione, il 3 cilindri da 1.0 litro e 69 cavalli, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 4.1 L/100 km con 95 g/km di emissioni di CO2. Fin dall'allestimento base X-Cool la Casa offre il dispositivo anticollisione X-Safety, costo 600,00 euro, il quale comprende anche l'avviso per il superamento di corsia. Il prezzo di listino parte da 11.000 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

Volkswagen UP! La più piccola vettura di Wolfsburg è lunga 3.60 metri e dispone di 4 posti e fino a 5 porte. È stata testata da Euro NCAP nel 2011 ottenendo le 5 Stelle, dispone di serie di 6 airbag e dell'ESC (qui la scheda del crash test con i risultati completi ed il video). L'auto è offerta con la motorizzazione base 3 cilindri da 1.0 litro e 60 cavalli, con un consumo dichiarato nel ciclo misto di 4.4 L/100 km con 101 g/km di CO2. La UP! è l'unica vettura di questa guida ad offrire di serie il City Emergency Brake, attivo fino alla velocità di 30 chilometri orari. Il prezzo di listino parte da 11.000 euro (qui trovi tutti gli optional e le dotazioni di serie).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno