Concluso progetto sicurezza stradale Comune Santeramo-Scuola media

Si è concluso il progetto di educazione alla sicurezza stradale, inserito nell'attività di prevenzione condotta dal Corpo di Polizia Municipale di Santeramo e rivolta a tutti gli studenti della ...

2 marzo 2010 - 7:34

Si è concluso il progetto di educazione alla sicurezza stradale, inserito nell'attività di prevenzione condotta dal Corpo di Polizia Municipale di Santeramo e rivolta a tutti gli studenti della scuola media “San Giovanni Bosco”, risultato della sinergia tra le istituzioni presenti sul territorio.

Il progetto denominato “A scuola in ….. sicurezza”, ormai giunto al quarto anno, è frutto della collaborazione tra la dirigente scolastica, Rosa Scarcia e il comandante della Polizia Municipale, maggiore Mario Santoro.

Il progetto, scaturito dalla consapevolezza del ruolo centrale che assume l'istituzione scolastica nella formazione dei giovani e dalla necessità di far comprendere ai ragazzi l'importanza di conoscere le regole della strada, ha posto in primo piano il rispetto delle norme, quale premessa indispensabile per una migliore convivenza civile. Si è voluto evidenziare che le norme devono essere rispettate non solo per timore della sanzione. Il tentativo è stato quello di infondere negli studenti una cultura della sicurezza stradale.
L'attività si è sviluppata attraverso un itinerario immaginario, quale quello casa-scuola, che ha visto come protagonista l'utente debole della strada (pedone, ciclista, ciclomotorista).
Le tematiche sono state approfondite durante vari incontri, della durata complessiva di 4 ore per ogni classe, tenuti dal referente per l'educazione stradale, l'agente della Polizia Municipale Giuseppe Leo. Gli studenti, oltre a venire a conoscenza delle caratteristiche dell'ambiente strada, del significato della segnaletica stradale e delle regole di comportamento, hanno scoperto quali sono i rischi connessi agli incidenti stradali e i sistemi di sicurezza attiva e passiva che li prevengono o ne riducono gli effetti. Hanno affrontato i temi della dinamica del movimento (velocità, distanza di sicurezza, distanza d'arresto, forza centrifuga, energia cinetica,) in relazione ai veicoli a motore e il rischio di porsi alla guida in condizioni psicofisiche alterate da assunzione di alcool o di sostanze stupefacenti.

Attraverso la visione di filmati, i ragazzi sono stati sensibilizzati a riflettere sul valore della vita propria ed altrui, per evitare che acquisiscano luoghi comuni (“gli incidenti coinvolgono solo e soltanto gli altri”; “la nostra macchina è molto robusta”), tipici degli adulti che, non considerando se stessi come potenzialmente a rischio di incidente stradale e minimizzandone la gravità delle conseguenze, sono portati a sottovalutare il pericolo e ad adottare comportamenti di guida poco corretti. Sono stati stimolati ad incentivare la viabilità ciclabile al fine di contribuire alla riduzione dell'inquinamento acustico ed atmosferico e migliorare la qualità della vita.

È stato analizzato il “problema writers” senza demonizzare il fenomeno, ma spiegando che, attraverso il rispetto delle regole ed il confronto con le autorità preposte, è possibile dare sfogo comunque alle proprie capacità artistiche. E' stato affrontato anche il tema dei fuochi d'artificio evidenziando la differenza fra quelli legali ed illegali e le modalità di utilizzo sicuro di quelli consentiti.
Prosegue così l'attività di prevenzione e formazione del Comune di Santeramo in Colle sul tema della sicurezza stradale. Nell'anno 2009 si è registrata una riduzione sostanziale degli incidenti stradali pari al 16,67% rispetto all'anno 2008. Il dato si riferisce agli incidenti rilevati su tutto il territorio comunale dalla Polizia Municipale e dai Carabinieri.

fonte – notizie-online.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?