Con la Scatola nera risparmi sull'RC Auto

Fino all'80% per Incendio e Furto e 20% per l'RC Auto secondo i dati diffusi dal Presidente di Viasat Group

2 febbraio 2012 - 11:00

Come vi abbiamo già anticipato, il DDL “Liberalizzazioni” ha introdotto per legge la scatola nera. In realtà non si tratterebbe di una novità assoluta, questo strumento era stato già installato, in forma sperimentale, su migliaia di veicoli assicurati già nel 2007. Successivamente è stato adottato da alcune compagnie che, tuttavia, non lo hanno mai più di tanto pubblicizzato. Adesso la sua esistenza viene sancita per legge, anche se non è chiaro a quanto ammonteranno i risparmi. Secondo Viasat, una delle aziende che produce questi sistemi, i risparmi saranno consistenti.

CONTRASTO ALLE FRODI E AI FURTI – “Finalmente ciò che andiamo dicendo e dimostrando da tempo viene riconosciuto a livello legislativo – spiega Domenico Petrone, Presidente e CEO di Viasat Group -. L'istallazione della scatola nera sulle auto è indispensabile per contrastare efficacemente non solo i furti ma anche i furbi; le grandi Compagnie assicurative collaborano da tempo con Viasat ed è ormai dimostrato che l'utilizzo della tecnologia satellitare sulle auto è molto utile non solo per prevenire e contrastare i furti ma anche per fornire sostanziali vantaggi alle Assicurazioni nella gestione dei sinistri r.c.a. che, con l'entrata in vigore della nuova legge si trasformano obbligatoriamente in riduzioni dei costi delle polizze per l'utente finale. Nell'ordine dell'80% per Incendio e Furto e il 20% per l'RC Auto secondo le nostre stime”.

SINISTRI PIU' CHIARI – “La telematica satellitare – aggiunge Petrone – oltre all'originaria funzione di antifurto, permette oggi di ridurre i costi operativi per le compagnie assicurative grazie al contributo oggettivo per la ricostruzione e la liquidazione dei sinistri (furti ed incidenti) e consente alle compagnie stesse di offrire ai propri clienti nuovi prodotti personalizzati e più convenienti quali le polizze pay per use (costo della polizza calcolato in base ai km percorsi) o alle più evolute polizze pay as you drive con il premio costruito in base al profilo di rischio specifico del cliente e determinato non solo dal kilometraggio ma anche dallo stile e dalle abitudini di guida: tipologie di strade percorse (urbane, extraurbane, autostrade), orari di percorrenza (notte, giorno, feriali o festivi), durata dei tragitti, pericolosità delle strade e dalla condotta di guida (più o meno prudente ) oltre ad altri parametri”.

ALLERTA I SOCCORSI – “Inoltre, è importante ricordare – continua Petrone –  che la cosiddetta scatola nera non serve solamente a pagare meno l'assicurazione ma può salvarti la vita! Svolge infatti una funzione fondamentale nell'ambito della riduzione dei rischi stradali perché protegge ed assiste gli automobilisti rilevando automaticamente un incidente, inviando un allarme che indica l'entità dell'impatto e la posizione del veicolo e permettendo quindi alle Centrali Operative di Viasat di inviare immediatamente sul luogo i soccorsi necessari. Tutto questo, unito alla gestione degli allarmi e relativi soccorsi in caso di aggressione, contribuisce a rendere più sicure le strade determinando una sensibile riduzione dei costi sociali”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici