COMO: IN ARRIVO IN CITTA' I SEMAFORI «INTELLIGENTI»

COMO - Entreranno in funzione tra circa un mese e mezzo i semafori «intelligenti» che multano in caso di infrazione, ovvero al passaggio con il colore rosso. I lavori per l'installazione...

3 febbraio 2006 - 10:20

COMO – Entreranno in funzione tra circa un mese e mezzo i semafori «intelligenti» che multano in caso di infrazione, ovvero al passaggio con il colore rosso.

I lavori per l'installazione dell'apposita apparecchiatura sono partiti nei giorni scorsi, dopo la stipula del contratto avvenuta tra Comune di Como e la ditta vincitrice dell'appalto. Sempre in settimana è stata firmata, alla presenza dell'assessore alla Viabilità, Umberto D'Alessandro (nella foto), la convenzione che regola il funzionamento del sistema. «Il provvedimento – ha voluto precisare l'assessore – ha una funzione esclusivamente preventiva». La scelta dei luoghi dove verranno posizionati gli impianti è stata presa, d'intesa con il Comando della Polizia Locale di Como, sulla base della pericolosità delle strade e sul numero degli incidenti avvenuti. In questa prima fase entreranno in funzione in tutto tre sistemi: uno in via Paoli all'altezza del distributore Esso, uno all'inizio di viale Masia, poco prima dell'Aci, e uno in viale Innocenzo XI, all'incrocio con via Borsieri. In pratica il sistema funziona con il semaforo che scatta due foto successive al momento del passaggio dell'automobile con il colore rosso. «La presenza dell'impianto, tuttavia – aggiunge l'assessore D'Alessandro – sarà opportunamente segnalata e pertanto l'automobilista, che peraltro deve rispettare di per sè il Codice della Strada, sarà avvisato della presenza del sistema e di conseguenza della possibilità di essere multato in caso di infazione».
Per il Codice della Strada (comma 1 bis e 1 ter dell'articolo 201) nel caso di attraversamento di un incrocio con semaforo rosso, non è necessaria la contestazione immediata della violazione e non è altresì necessaria la presenza degli agenti in caso di avvenuto accertamento della violazione attraverso un impianto omologato. Il documentatore fotografico Photored F17 A, questo il nome tecnico dell'impianto, è stato omologato con decreto del Ministero dei Lavori pubblici nel 2000, e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2004.

L'utilizzo delle apparecchiature avrà una durata minima di sei ore giornaliere e una massima di dodici, a discrezione della Polizia locale di Como. L'installazione e la manutenzione straordinaria dei semafori che multano gli automobilisti è stata affidata alla ditta Tec Service srl di Francavilla Fontana, sulla base della migliore offerta pervenuta. Il contratto ha una durata di tre anni e prevede che il Comune di Como corrisponda all'azienda 20 euro (Iva esclusa) per ogni infrazione rilevata dalle apparecchiature e incassata dall'amministrazione. La contravvenzione per il passaggio con semaforo rosso è di 138 euro più la decurtazione di 6 punti dalla patente. La decisione se multare o meno in presenza di requisiti di legge spetterà comunque sempre alla Polizia Locale, che riceverà copia degli accertamenti.

Fonte: Giornale di Como

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni