Comfort e sicurezza dei sedili auto a prova di manichino

Johnson Controls ha realizzato un manichino per testare la sicurezza dei sedili auto durante la progettazione

27 febbraio 2013 - 7:00

Johnson Controls , il principale fornitore di elementi di arredo interno e sedili per automobili, ha sviluppato un manichino che consente di progettare i sedili delle auto nel rispetto delle più severe norme di sicurezza internazionali.

NON SOLO PER I CRASH TEST – Costruire un sedile che rispetti una molteplicità di differenti norme di sicurezza può comportare un dispendio di tempo e risorse, per questo Johnson Controls ha realizzato un unico manichino punto H, uno strumento che consentirà di disegnare e realizzare un sedile per auto e capire se può ospitare in sicurezza i passeggeri prima della prototipazione vera e propria. “La nostra società, leader tecnologico in ambito di sedili automobilistici, misura e testa i nostri prodotti ogni giorno per garantire il massimo livello di sicurezza e un comfort ottimale”, spiega il Dr. Wilfried Beneker, Vice President Engineering, Product Business Unit Metals and Mechanisms di Johnson Controls Automotive Seating. “Fino ad oggi non esisteva sul mercato un unico modello di manichino punto H che soddisfacesse tutti e tre gli standard e le nostre sofisticate esigenze. La conseguenza logica di ciò è stata la progettazione da parte dei nostri ingegneri di un proprio manichino”.

MISURA LA CORRETTA POSIZIONE – Il manichino punto H Johnson Controls soddisfa gli standard definiti dalla Society of Automotive Engineers (standard SAE J 826), la specifica principale di manichini punto H a livello mondiale, lo standard GLORIA dei test EuroNCAP e le direttive dell'Associazione tedesca dell'industria automobilistica VDA (raccomandazione VDA 304). In pratica, il nuovo manichino punto H consente di realizzare dei modelli digitali che includono la distanza rispetto al volante di guida, al pedale dell'acceleratore e la misura del campo visivo del conducente. E' dotato di un tronco in carbonio e uno strumento di misura della distanza del capo dal poggiatesta, definendo la posizione del guidatore e del passeggero rispetto ad auto o prototipi già esistenti per confrontarli con modelli non ancora industrializzati.

SCOPERTA DA CONDIVIDERE – L'Azienda di sedili punta ad offrire il manichino punto H a produttori automobilistici, altri produttori concorrenti e organizzazioni esterne di test e per questo motivo l'ha sottoposto da giugno 2011 ad oltre un anno di prove. Inoltre per verificare se il tronco in carbonio soddisfa tutti gli standard anche dopo la produzione è stato realizzato un processo di calibrazione con un sistema ottico di scansione 3D. “La reazione al nostro manichino è stata estremamente positiva. Diversi produttori automobilistici hanno già segnalato il loro interesse”, afferma il Dr. Beneker.

1 commento

Lorenzo
14:08, 20 giugno 2014

qualora ne dovessi avere necessità, quanato verrebbe a costare la calibrazione del manichino sae 2?

grazie
Lorenzo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici in inverno: quale valore e come regolarsi

Guida distratta: il 14% delle multe in una settimana solo in autostrada

Gomme quattro stagioni: Dunlop debutta con le Sport All Season