Come scegliere gli pneumatici giusti per l'auto?

La scelta degli pneumatici auto varia a seconda delle esigenze dell'automobilista e delle condizioni in cui sarà impiegato.

16 maggio 2013 - 15:00

Sgombriamo subito il campo da equivoci dicendo che non esiste uno pneumatico che soddisfi ogni necessità, perchè ogni gomma è il frutto di un compromesso. Quindi, a secondo della vostra guida, potrete trovare quella che vi garantisce il miglior compromesso. Se per molti prodotti il prezzo d'acquisto elevato può essere una garanzia di prestazioni in assoluto, per gli pneumatici auto il discorso è diverso, perché non esiste uno che batte tutti gli altri. Non basta la semplice etichettatura europea (tanto discussa) ad aiutarci, servono tanti altri parametri. Parametri che solo le comparative sugli pneumaticiriescono a considerare per intero.

COME UNA COPERTA CORTA – Una gomma è come una coperta corta, che tirata dal capo scopre i piedi, ma con un lembo in più. Bisogna anche considerare che vi sono caratteristiche che confliggono tra loro: il grip su asciutto e bagnato, la resistenza al rotolamento, l'usura del battistrada, etc. Ad esempio uno pneumatico specifico per il bagnato dovrebbe avere una mescola morbida, che possa produrre un elevato livello di aderenza e capace di scaldarsi in fretta (isteresi). Ma produrre calore richiede energia di rotolamento, fa salire i consumi di benzina e riduce anche la vita del battistrada stesso. In ogni caso, gli pneumatici hanno sempre un ruolo determinante per la vostra sicurezza e non devono essere sottovalutati, in quanto sono loro a garantire l'aderenza dell'auto con il fondo stradale; anche l'auto migliore può ridurre drasticamente la sicurezza di marcia se le coperture non lavorano correttamente. Quindi scegliere le gomme auto giuste è molto importante per la propria ed altrui sicurezza. Le comparative indipendenti sono molto importanti, così come i consigli che si possono trovare sulle riviste di settore (anche se non sempre queste sono obiettive…) e sui forum.

COMPRARLI ONLINE – Una volta individuato il prodotto che fa per noi, le gomme si possono anche acquistare da un rivenditore di pneumatici online, riuscendo a risparmiare discrete somme di denaro. Per il montaggio, invece, è necessario affidarsi a una officina specializzata (di norma lo stesso rivenditore vi darà l'indirizzo di un'officina convenzionata), mettendosi d'accordo sul prezzo di eventuali operazioni aggiuntive come la convergenza.

QUALI MISURE? – Ma come si sceglie un pneumatico da acquistare per il cambio gomme sulla nostra auto? Prima di tutto teniamo presente che ogni pneumatico può viaggiare ad una determinata velocità massima, che dipende dal codice di velocità e dal massimo carico che può sopportare. È vietato usare un indice di velocità o di carico inferiori a quelli specificati sulla Carta di Circolazione, mentre è possibile montare uno pneumatico con valori superiori. Poi, una volta scelta la misura preferita, sempre tra quelle riportate sul libretto di circolazione dell'auto, bisogna valutare i chilometri che si percorrono annualmente e, soprattutto le condizioni meteo che si affrontano, per decidere se puntare su solo sugli pneumatici estivi (tipo in buona parte del Sud Italia), oppure se affrontare una parte dell'anno con gli estivi e un'altra con gli invernali. Le coperture invernali (o termiche) M+S si differenziano da quelle estive perché sono più efficienti quando il termometro scende sotto i 7 °C. La differenza sta nelle caratteristiche fisiche e chimiche. Gli pneumatici termici adottano scolpiture più profonde solcate da sottili lamelle, dritte o a zig zag, ricavate sui tasselli principali. Le lamelle funzionano come una ventosa, trattenendo la neve fresca e utilizzandola per aumentare il grip, poiché il contatto tra neve e neve ne genera di più. La composizione chimica (ricca di silice), invece, conferisce più elasticità rispetto alla gomma estiva, che, con temperature inferiori ai 7 °C, si cristallizza e perde grip anche in assenza di acqua o di neve sull'asfalto. Per lo stesso motivo, però, la mescola morbida degli invernali si consuma in fretta e perde efficacia col caldo. Quindi, è meglio non utilizzare le gomme termiche con temperature superiori ai 10/15 °C, perché non garantirebbero le stesse prestazioni e lo stesso livello di sicurezza delle estive, oltre al fatto che si consumerebbero molto in fretta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Esame patente: come funziona e quanto costa nei vari Paesi del mondo

Taxi NCC Decreto Cura-Italia

Decreto Ristori: indennizzi anche per taxi e NCC, ecco quali

Cambio gomme invernali: solo il 34% va in officina in Germania