Colpo di frusta: altro giro di vite, Ania vince ancora

Il colpo di frusta sarà risarcito solo se accertato con strumenti: lo prevede la possibile riforma Rca

17 dicembre 2013 - 9:00

La riforma della Rc auto voluta dal Governo Letta (dovrebbe essere operativa a gennaio 2014) riguarda anche le lesioni lievi. Primo fra tutti il colpo di frusta, che molti lamentano dopo un tamponamento. Stando a indiscrezioni del Sole 24 Ore (articolo a firma Maurizio Caprino), che si basa su un testo non ufficiale del decreto legge Destinazione Italia uscito da Palazzo Chigi e comunque soggetto a modifiche in Parlamento, il danno biologico per queste lesioni potrà essere risarcito solo se emergerà da un accertamento fatto con strumenti. Peseranno parecchio i dati registrati dalla scatola nera, anche ai fini della valutazione della compatibilità delle lesioni lamentate con la dinamica dell'incidente.

LA SECONDA MODIFICA IN DUE ANNI – Se questa regola divenisse realtà, sarebbe – in due anni – la seconda modifica al risarcimento del colpo di frusta. Infatti, la prima volta, in sede di conversione in legge del Dl 1/2012 (quello del governo Monti sulle liberalizzazioni), fu stabilito che il danno biologico per le lesioni fisiche di lieve entità (cioè quelle che comportano un massimo di nove punti percentuali di invalidità permanente) è risarcibile soltanto quando c'è un riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l'esistenza della lesione. Adesso, sempreché la bozza di decreto legge sia attendibile, si stabilisce che il riscontro può essere solo strumentale. Insomma, un giro di vite pesantissimo. Che era poi quello che voleva l'Ania, l'Associazione delle Assicurazioni.

RIMBORSI IN CALO – Già con la norma del Governo Monti, i risarcimenti del colpo di frusta, più difficili, sono calati di circa un quarto; con le regole del Governo Letta, c'è da attendersi un'ulteriore diminuzione dei rimborsi, a tutto vantaggio delle Compagnie. È invece da dimostrare che gli assicurati abbiano un significativo ribasso tariffario. Anche perché i costi di questi esami spesso non sono indifferenti: secondo l'esito del risarcimento, andranno a carico dell'assicurazione (se deve effettuare il rimborso) oppure del danneggiato (se la lesione non emerge). Questo consiglia prudenza nel decidere di sottoporsi a esami, quantomeno quando si è consci di non aver riportato lesioni importanti. Occhio: nell'agosto 2012, l'ex Isvap (oggi Ivass, l'Istituto che vigila sulle Assicurazioni) ha chiesto alle Imprese di conoscere le iniziative adottate per uniformarsi ai nuovi criteri di valutazione del danno biologico, unitamente a copia delle circolari e delle direttive impartite alle strutture liquidative e ai medici legali fiduciari. Su 55, rilevava l'ex Isvap, ben 32 hanno inviato circolari ai medici fiduciari e ai liquidatori con indicazioni conformi a quelle formulate dall'Autorità, 12 hanno diramato istruzioni non conformi, richiedendo anche per semplici invalidità temporanee costosi e complessi accertamenti diagnostici. Le altre Imprese hanno diramato generiche linee guida alle sole strutture liquidative. Attenzione, questa è una bacchettata bell'e buona alle Compagnie. Soprattutto, l'ex Isvap dice che, pure “di fronte a norme che vanno nel senso voluto dall'industria assicurativa, le Imprese riescono a darne un'applicazione che si spinge oltre, non tenendo in considerazione l'impatto sui consumatori. Sono in corso verifiche e interventi per ricondurre a conformità i comportamenti delle Imprese”.

L'IMPORTANZA DELLA BLACK BOX – La portata del nuovo obbligo di esame strumentale, evidenzia Caprino, andrà valutata anche alla luce du un'altra delle tante novità sulla Rc auto contenute nel Dl Destinazione Italia: il riconoscimento esplicito delle risultanze della scatola nera (e di altri elementi emersi in sede di perizia) tra i parametri che autorizzano le Compagnie a ritenere sospetta una richiesta di risarcimento e quindi a sospendere le procedure di liquidazione per ulteriori approfondimenti. La scatola nera misura l'accelerazione subita da un veicolo tamponato, e così si può capire se l'impatto è stato tale da causare il colpo di frusta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl a Milano mappa regole orari

Ztl a Milano: mappa, regole e orari

Fumare in macchina in Italia

Fumare in macchina in Italia: legge, divieti, sanzioni

Misure anti smog 2020 Barcellona

Misure anti smog 2020: Barcellona bandisce 50 mila veicoli