Codice strada: illegalita’ imperante!

Codice della strada. La cultura e la pratica dell'illegalita' e' imperante!Firenze, 11 Agosto 2009. I primi giorni di applicazione delle nuove norme sul codice della strada, oltre che incuriosire...

12 agosto 2009 - 11:08

Codice della strada. La cultura e la pratica dell'illegalita' e' imperante!

Firenze, 11 Agosto 2009. I primi giorni di applicazione delle nuove norme sul codice della strada, oltre che incuriosire per alcuni episodi prima imprevedibili ma che ora dovrebbero diventare nostra quotidianita', fanno riflettere su alcune utilita' e, soprattutto, sulla diffusa cultura e pratica dell'illegalita' che impera e che il nostro sistema alimenta.
Hanno fatto notizia le prime multe a ciclisti che, violando il codice e dotati anche di patente di guida, si sono visti decurtare i punti di questa patente. Persone che sono passate col semaforo rosso, o che avevano il mezzo privo di fanalino o che andavano sui marciapiedi. Persone che hanno protestato non tanto perche' si sono visti levare i punti, ma perche' rivendicavano il proprio diritto a violare il codice della strada: tra questi due casi esemplari:
– un imprenditore che, sulle cronache di tutti i media, ha anche annunciato un ricorso contro la multa inflittagli per il passaggio col rosso… chissa' se trovera' un giudice che gli possa dar ragione….
– il Sindaco di Venezia che ha rivendicato il proprio diritto a trotterellare a pedali sui marciapiedi di Milano.
Si potrebbe dire: “chi semina vento raccoglie tempesta”.
I seminatori di vento sono di due tipi:
1-  gli amministratori nazionali che credono di risolvere il disordine solo aumentando le pene e lacerando la Costituzione: tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, ma se sei un ciclista ed hai la patente per guidare un'automobile, sei piu' diverso di chi non ha questa patente; cioe' si viene multati non per l'illecito commesso ma anche rispetto a chi e cosa si e' e si possiede… tanto varrebbe istituire anche le multe proporzionali rispetto al redditto…
2 – gli amministratori locali che, in assenza di politiche nazionali che incentivino l'uso del mezzo non inquinante (che non c'entrano nulla con la rottamazione), accettano supinamente le logiche nazionali e, pur nella scarsa disponibilita' dei mezzi a loro disposizione, non sembrano interessati a creare condizioni infrastrutturali che incentivino una mobilita' legale (piste ciclabili, parcheggi per bici, etc).
La tempesta che si raccoglie e' quella, per l'appunto:
1 – del Sindaco di Venezia: predica altrettanto per i motoscafi contromano nei canali della sua citta'?
2 – di tutti i ciclisti che rivendicano il diritto ad infrangere il codice sempre e ovunque.
E' innegabile che tutto questo e' molto italiano: per come ci vedono all'estero e per come siamo tutti consapevoli di esserlo. Ma bisogna vivere…… dicono i piu' e lo dicono anche le istituzioni con queste stupide e incostituzionali norme!

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
Email aduc@aduc.it
Tel.055290606

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage