Passo carrabile

Voltura passo carrabile: come si richiede

Quanto costa e come si richiede la voltura di un passo carrabile, che consiste nel trasferimento della titolarità della concessione

23 settembre 2020 - 14:00

Come funziona la voltura di un passo carrabile? Non tutti sanno che la concessione si può trasferire a un altro intestatario mediante una procedura piuttosto semplice, esattamente come si fa per il trasferimento di un contratto dell’energia elettrica o del gas. Nello specifico occorre presentare una richiesta all’ufficio di riferimento del proprio Comune pagando un costo tutto sommato accettabile.

CHE COS’È LA VOLTURA DI UN PASSO CARRABILE

In una precedente occasione abbiamo già spiegato in cosa consiste e come si richiede la concessione per il passo carrabile, e in un’altra come si richiede la revoca. Stavolta ci occupiamo invece della voltura, ossia la procedura con la quale è possibile modificare l’intestazione del passo lasciando invariato il numero e la data originaria della concessione, così da non dover sostituire il cartello esposto. La richiesta dev’essere effettuata dal volturante (nuovo intestatario) previo assenso del precedente titolare del passo carrabile.

VOLTURA PASSO CARRABILE: COME SI RICHIEDE

La richiesta di voltura di un passo carrabile si presenta seguendo le modalità stabilite da ciascun Comune. Informazioni più dettagliate si possono trovare sui portali istituzionali dei vari Comuni oppure rivolgendosi di persona agli uffici preposti. Indicativamente la richiesta va inoltrata con consegna a mano, a mezzo raccomandata A/R o tramite posta elettronica certificata (PEC) utilizzando un modulo cartaceo o digitale messo a disposizione dal municipio. Sul modulo il volturante deve indicare tra le altre cose:

– il motivo del subentro (successione nella proprietà o in altro diritto reale di godimento sul bene immobile, variazione della titolarità o della gestione di una attività commerciale o economica, ecc.);

– l’eventuale nuova destinazione d’uso dell’immobile/area a cui dà accesso il passo carrabile.

Deve inoltre allegare:

originale della concessione del passo carrabile intestata al precedente titolare;

– copia dell’atto di proprietà o del contratto di locazione registrato, comprovante la disponibilità dell’unità immobiliare o dell’area interessata dalla richiesta;

– atto di assenso dei proprietari dell’unità immobiliare o dell’area, se diversi dal richiedente; oppure copia della deliberazione dell’assemblea del condominio attestante la volontà di volturare il passo carrabile (nel caso in cui il richiedente sia un condominio).

VOLTURA PASSO CARRABILE: TEMPI E COSTI

Insieme alla richiesta occorre consegnare una marca da bollo di 16,00 euro e l’attestazione del pagamento dei diritti d’istruttoria (importo variabile da Comune a Comune). Al momento del ritiro della nuova concessione viene richiesta una seconda marca da bollo di 16,00 euro, da apporre sul documento. E il pagamento del canone dell’anno corrente del passo carrabile, se ancora non versato dal precedente intestatario. La voltura viene in genere rilasciata entro trenta giorni dalla domanda, salvo l’eventuale periodo di sospensione dei termini in caso di richiesta di integrazioni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020