Svolta per i neopatentati slitta la legge-follia

Buone notizie per i neopatentati: slitta la famosa e controversa legge che dal primo luglio vietava per un anno tutte le auto con una potenza specifica (riferita alla tara) di 50 kW per tonnellata....

30 maggio 2008 - 20:37

Buone notizie per i neopatentati: slitta la famosa e controversa legge che dal primo luglio vietava per un anno tutte le auto con una potenza specifica (riferita alla tara) di 50 kW per tonnellata. Il Consiglio dei Ministri ha prorogato al primo gennaio 2009 l'entrata in vigore delle norme per i neopatentati prevista dal precedente governo al prossimo primo luglio.
“Si trattava di norme – spiega il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, che ha proposto il provvedimento – che potevano creare distorsioni irrazionali consentendo ai neopatentati, ad esempio, la guida dei SUV e non invece di auto di piccola e media cilindrata più sicure. In attesa di poter rivedere in un apposito tavolo tecnico la normativa per i neopatentati – conclude il ministro – il Consiglio dei Ministri ha approvato la deroga inserendola in un decreto legge fiscale contenente proroga di termini”.

Questa normativa, che aveva fatto infuriare il popolo dei blog, era effettivamente folle: consentiva a un neopatentato di mettersi al volante di una monovolume sette posti, lunga più di cinque metri, che pesa due tonnellate e che ha un possente motore 2800. Ma non di una Smart di 2,7 metri, di 750 kg e spinta da un microscopico 3 cilindri di 1000 cc.

Va detto però che questo slittamento non manda in pensione l'attuale normativa per cui rimane sempre valido il fatto che i neopatentati non possono superare i 100 km/h in autostrada (90 sulle strade extraurbane) per tre anni. Un divieto semplicemente ridicolo perché è impossibile controllare chi è al volante nel caso di violazione di un limite di velocità: questa rilevazione avviene sempre con sistemi automatici tipo Tutor o Autovelox e nessuno è tanto folle da dichiarare che in quel momento era alla guida un neopatentato perché si vedrebbe quasi sempre ritirata la patente con sanzioni economiche salatissime.

Rimane anche la normativa che vede i giovani automobilisti, sempre per tre anni, penalizzati del doppio dei punti della patente in caso di violazioni al codice della strada, con la possibilità a fronte di gravi infrazioni di vedersi sospesa la patente da 3 a 6 mesi.

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo