Retro del segnale privo di ordinanza: multa valida

La Cassazione conferma: il cartello senza ordinanza sul retro non fa annullare la multa

16 aprile 2012 - 7:11

SicurAUTO è spesso dalla parte degli automobilisti in materia di tasse, strade dissestate, sicurezza; ma talvolta c'è chi esagera, andando a caccia di cavilli pur di non pagare multe sacrosante. È il caso di un guidatore di Verona che nel 2006 ha ricevuto 33 verbali per accesso alla Zona a traffico limitato della sua città, impostando il mega ricorso su un dettaglio: sul retro del cartello indicante la Ztl, mancava l'ordinanza del sindaco. Ovviamente, come già in passato, la Cassazione, con la sentenza 5809 del 20 marzo 2012, depositata il 12 aprile, ha bocciato il ricorso.

CHE BATTAGLIA – Così adesso l'automobilista, entrato diverse volte in poche settimane nella Ztl, dovrà pagare un conto salatissimo: sui 3.000 euro. Però la questione è andata avanti per lungo tempo. In primo grado, sei anni fa, il Giudice di pace di Verona conferma le 33 multe; in appello, il Tribunale veronese stabilisce che le multe sono nulle, in base all'articolo 77 del Regolamento del Codice della strada. Ma ora, con la Corte suprema, c'è un altro ribaltone: le sanzioni sono valide. Purché il Comune abbia adottato un provvedimento per creare l'area riservata, dimostrandolo con copia da esibire in sede di giudizio. Proprio come fissato dalla Cassazione, con sentenza 7125 del 29 marzo 2006: “In mancanza di una disposizione specifica che stabilisca le conseguenze della mancata indicazione, sul retro del segnale di prescrizione, degli estremi dell'ordinanza di apposizione, ritiene il Collegio che l'inosservanza della norma di cui all'articolo 77, del Regolamento del Codice della strada non determini l'illegittimità del segnale”, e che quindi le multe siano valide.

MULTE SERIALI? NON CONTA – Allo stesso modo, chi prende più contravvenzioni nel tempo, a causa di un'identica infrazione, dovrà pagare tutti i verbali. Le multe seriali (abbastanza diffuse per gli ingressi nelle Ztl) vanno pagate. Purché, ovviamente, i cartelli siano ben chiari e leggibili.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento