Norma UNI 11248:2007 “Illuminazione stradale – Selezione delle categorie illuminotecniche”

Le commissioni "Luce e illuminazione" e "Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture" hanno recentemente elaborato la norma UNI 11248:2007 "Illuminazione stradale - Selezione delle...

22 gennaio 2008 - 15:42

Le commissioni “Luce e illuminazione” e “Costruzioni stradali ed opere civili delle infrastrutture” hanno recentemente elaborato la norma UNI 11248:2007 “Illuminazione stradale – Selezione delle categorie illuminotecniche”, documento che individua le prestazioni illuminotecniche degli impianti di illuminazione per contribuire alla sicurezza degli utenti delle strade.
Il documento fornisce le linee guida per determinare le condizioni di illuminazione in una data zona, identificate e definite in modo esaustivo nella norma UNI EN 13201-2 “Illuminazione stradale – Parte 2: Requisiti prestazionali”.

Oltre a indicare come classificare una zona destinata al traffico (per determinare la sua categoria illuminotecnica), la norma UNI 11248 fornisce la procedura per la selezione delle categorie illuminotecniche, identifica gli aspetti che condizionano l'illuminazione stradale e – attraverso la valutazione dei rischi – permette il conseguimento del risparmio energetico e la riduzione dell'impatto ambientale.

Sono interessati dalla norma gli impianti fissi di illuminazione in zone pubbliche destinate alla circolazione, che devono offrire al cittadino condizioni di visibilità ottimali nelle ore notturne e consentire un regolare smaltimento del traffico. La categoria illuminotecnica di progetto deve essere valutata per un flusso di traffico pari al 100% di quello associato al tipo di strada, indipendentemente dal flusso di traffico effettivamente presente. La norma fornisce anche informazioni sulle caratteristiche di riflessione della pavimentazione stradale.

La UNI 11248 riporta i criteri di suddivisione delle zone di studio, che sono quelle parti di strada considerate per la progettazione di un impianto di illuminazione: zone a traffico veicolare, piste ciclabili e zone pedonali, zone di conflitto e zone per dispositivi rallentatori e attraversamenti pedonali.
Tra le raccomandazioni per l'illuminazione si fa riferimento al controllo dell'abbagliamento debilitante, alle condizioni atmosferiche, alla guida visiva, alle categorie illuminotechiche comparabili tra zone contigue e tra zone adiacenti.
Per informazioni tecniche:
UNI – Divisione Impresa e società
e-mail: servizi@uni.com

Per informazion commercialii:
Diffusione UNI
tel. 02 70024.200, fax 02 5515256
e-mail: diffusione@uni.com

Fonte: www.uni.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo

Multa per parcheggio vicino a incrocio: quanto si paga?