Le infrazioni stradali contestate a qualche chilometro di distanza sono valide

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 22364/08) ha stabilito che le violazioni del Codice della Strada possono essere contestate anche in un secondo momento ovvero anche a...

11 settembre 2008 - 21:08

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 22364/08) ha stabilito che le violazioni del Codice della Strada possono essere contestate anche in un secondo momento ovvero anche a qualche chilometro di distanza dal punto in cui sono avvenute. I Giudici hanno infatti precisato che “occorre poi osservare che l'immediatezza della contestazione, che l'articolo 200 del codice della strada impone 'quando è possibile', non comporta l'arresto repentino del veicolo mediante il quale è stata commessa l'infrazione, ma esige che vi sia una ragionevole continuità temporale e spaziale dal momento in cui si è verificata la violazione della infrazione a quello in cui il trasgressore viene reso edotto dell'accertamento e posto in condizioni di esporre le sue eventuali ragioni”.
“Nel caso di specie non può ritenersi che vi sia stata soluzione di continuità temporale e spaziale tra l'accertamento e la contestazione, seppur avvenuta a qualche chilometro di distanza, risultando idonee le ragioni della contestazione operata a qualche chilometro di distanza”.

Fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

IIHS, Alcol e Marijuana: il 33% si mette al volante subito dopo il mix

Multe stradali: nel 2023 l’importo aumenterà di oltre il 10%

Cinture di sicurezza sui camion: il 17% non le usa in Europa