Incidenti stradali, Cassazione: la famiglia non residente dell'immigrato va risarcita

Gli immigrati non vanno trattati comecittadini di serie B. Quindi, in caso di morte per incidente stradaledi uno straniero, i familiari hanno diritto di chiedere e ottenere ilrisarcimento danni...

7 febbraio 2009 - 19:52

Gli immigrati non vanno trattati comecittadini di serie B. Quindi, in caso di morte per incidente stradaledi uno straniero, i familiari hanno diritto di chiedere e ottenere ilrisarcimento danni anche se sono residenti all'estero. In casocontrario, «ne conseguirebbe che la vita di uno straniero senzacongiunti in Italia varrebbe molto meno di quella del cittadinoitaliano».

Con queste motivazioni la Quarta sezione penale della Cassazione haaccolto il ricorso di 9 familiari di un cittadino straniero residente aSant'Arcangelo di Romagna morto nel giugno del 1997 in seguito ad unincidente stradale. La Suprema Corte quindi ha riconosciuto loro ilristoro dei danni per lucro cessante e per gli oneri delle spesefunerarie. 

Il diritto anche dopo la morte. La Cassazione  nell'accogliereil loro ricorso  ha sottolineato che un mancato risarcimentoequivarrebbe a negare il diritto di un immigrato ad essere «tenuto inconsiderazione anche dopo la morte per la perdita che i suoi congiuntisubiscono anche sotto il profilo economico». Insomma, concludono aPiazza Cavour, «la perdita della vita umana non troverebbe alcuna formadi risarcimento, nonostante il rapporto del cittadino con lo Statoitaliano non sia stato occasionale, ma dovuto ad una richiesta dilavoro di cui lo Stato italiano si è giovato».

In appello i parenti dell'uomo si erano visti negare dal tribunale diBologna la richiesta di risarcimento danni per la morte del lorocongiunto sulla base del fatto che essi non erano residenti in Italia.

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni

Auto incidentata: si possono contestare i rilievi della polizia?

Auto usate con danneggiamenti: Ferrari e Porsche in testa