In due sul ciclomotore: l'assicurazione non risponde

In due sul ciclomotore: l'assicurazione non risponde.G. di P. di Pozzuoli (NA) - Sentenza del 5 marzo 2003REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOL'avv. Italo BRUNO, Giudice di Pace del...

23 marzo 2004 - 18:22

In due sul ciclomotore: l'assicurazione non risponde.
G. di P. di Pozzuoli (NA) – Sentenza del 5 marzo 2003

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

L'avv. Italo BRUNO, Giudice di Pace del Mandamento di Pozzuoli, ha pronunciato la seguente

S E N T E N Z A

nella causa iscritta al n° 4407/01 R.G. – Affari contenziosi Civili – avente ad oggetto:

Risarcimento danni da circolazione stradale.

T R A

… Vittorio, elett.te dom.to in Napoli alla Via …n.. presso lo studio dell'avv. … che lo rapp.ta e difende giusta mandato a margine dell'atto di citazione; ATTORE

E

… Annalisa e … Leonilde, dom.te in Napoli alla Via…n…; CONVENUTE-CONTUMACE

NONCHÉ

S.p.A. … , in persona del legale rapp.te pro-tempore, elett.te dom.ta in Napoli alla Via …n… presso lo studio dell'avv. Marco … che la rapp.ta e difende giusta mandato in calce alla copia notificata dell'atto di citazione; CONVENUTA

CONCLUSIONI

Per l'attore: dichiarare l'esclusiva responsabilità di … Annalisa e … Leonilde in ordine al sinistro per cui è causa; condannare, per l'effetto, le medesime, in solido con la S.p.A. …, in persona del legale rapp.te pro-tempore, al pagamento in suo favore della somma di €.5.693,00 per le lesioni subite, oltre interessi e rivalutazione monetaria, nonché spese, diritti ed onorari di giudizio con attribuzione al procuratore anticipatario.

Per la convenuta: rigettare la domanda in quanto inammissibile, improponibile, infondata in fatto ed in diritto, non provata e carente di legittimazione passiva della Società per violazione delle condizioni generali di polizza; vittoria di spese, diritti ed onorari di giudizio.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

… Vittorio, con atto di citazione ritualmente notificato a …Annalisa e … Leonilde ed alla S.p.A. … il 12, 12-7/5/01, conveniva innanzi a questo Giudice i predetti soggetti, affinché – previa declaratoria dell'esclusiva responsabilità di … Annalisa e Leonilde nella produzione del sinistro avvenuto il giorno 19/7/99 in Pozzuoli (NA) alla Via Lungomare Yalta, in occasione del quale il ciclomotore Honda SH tg…. di proprietà di … Leonilde e guidato da … Annalisa, sul quale era trasportato, nel frenare scivolava e cadeva in uno agli occupanti – fossero condannate le medesime … Annalisa e Leonilde, in solido con la Spa Bnc, in persona del suo legale rapp.te pro-tempore, come da richieste in epigrafe riportate.

A tal fine nel detto atto introduttivo premetteva:

– che in dipendenza del sinistro subiva lesioni tali da essere trasportato al p.s. dell'Ospedale CTO di Napoli dove gli diagnosticavano: infrazione epifisi distale radio Dx.; escorazioni;

– che il ciclomotore su cui era trasportato era assicurato per RCA presso la S.p.A. …che, sebbene ritualmente invitata a risarcire i danni, con racc.ta a.r. n.10175923458-5 ricevuta l'1/12/99, non vi ha provveduto.

Instauratosi il procedimento; risultate contumaci le convenute … Annalisa e Leonilde, si costituiva la S.p.A. … che eccepiva la sua carenza di legittimazione passiva per violazione delle condizioni generali di polizza e contestava la domanda sia sull'an che sul quantum. Non esperito il tentativo di conciliazione per l'assenza delle parti, veniva articolata, ammessa ed espletata prova per testi, nonché disposta perizia medico-legale.

Sulle rassegnate conclusioni, all'udienza del 29/1/01, la causa veniva assegnata a sentenza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente va dichiarata la contumacia delle convenute … Annalisa e … Leonilde regolarmente citate e non costituitesi.

La domanda deve ritenersi proponibile essendo stata preceduta da rituale richiesta di risarcimento danni ex art.22 legge 990/69, ed è trascorso lo spatium deliberandi.

Nel merito, la domanda è fondata solo nei confronti delle convenute … Annalisa e …Leonilde e va accolta nei limiti di cui in motivazione.

La legittimazione attiva è stata provata con la certificazione medica; quella passiva delle responsabili civili con il certificato maschera di assegnazione contrassegni per ciclomotori della MCTC e con la deposizione della teste; quella passiva della Compagnia di assicurazione si deve ritenere carente per i seguenti motivi:

– dall'espletata istruttoria è emerso che l'attore era trasportato sul ciclomotore Honda 50 della sorella, in violazione alle norme di legge e del contratto di assicurazione;

– l'art. 170 n.2 del D.Lgsv 30/4/92 n.285 prescrive che: sui ciclomotori è vietato il trasporto di altre persone oltre al conducente;

– le “Condizioni Generali della responsabilità civile da circolazione di veicoli a motore” al n.2 lettera e) stabilisce che: non sono assicurati i rischi della responsabilità per danni subiti da terzi trasportati, se il trasporto non è effettuato in conformità alle disposizioni vigenti o alle indicazioni della carta di circolazione;

– la giurisprudenza costante della Cassazione è del parere che: il certificato dei ciclomotori presuppone una circolazione nel rispetto delle norme dettate dal codice della strada, ed in particolare quella dell'art.170 che vieta il trasporto di altra persona oltre il conducente. Pertanto, nell'ipotesi di circolazione del veicolo con due persone, la garanzia del contratto di assicurazione non opera in quanto mancano le condizioni presupposte dalla carta di circolazione (Cass. 9/7/90 n.7168).

Il contratto di assicurazione stipulato tra l'assicurata e l'assicuratore, infatti, ha inteso garantire stati di colpa derivanti da circolazione conforme al precetto legislativo, escludendo, invece, l'obbligazione del risarcimento nelle ipotesi in cui il guidatore del veicolo si pone volontariamente contro il divieto espresso in norme; limitazione, questa dell'ambito del rischio e, quindi, dell'oggetto del contratto, voluta dalle parti con una specifica clausola e la cui legittimità appare incontestabile, essendo la determinazione della portata della garanzia rimessa alla libera volontà dei contraenti.

La versione dell'incidente prospettata dall'istante ha trovato conferma nella circostanziata deposizione della teste. Essa ha dichiarato di aver assistito all'incidente per essersi trovata a bordo del proprio ciclomotore che seguiva quello della convenuta e di aver visto quest'ultimo frenare bruscamente per non tamponare un'auto che lo precedeva e scivolare sull'asfalto reso viscido dalla pioggia. Nella caduta l'attore, trasportato sul ciclomotore guidato dalla sorella Annalisa, riportava lesioni.

Il chiaro riscontro probatorio circa la tesi sostenuta dall'attore, non confutata da nessuna prova contraria, esclude l'applicazione della presunzione di cui all'art.2054, 2° c. cod.civ., non emergendo alcuna responsabilità dell'attore in qualità di trasportato.

Per quanto attiene ai danni fisici va osservato che, l'entità delle lesioni riportate dall'istante, è stata valutata con scienza ed imparzialità dal C.T.U. D.ssa Donata …, la quale ha appurato che … Vittorio ha riportato: infrazione epifisi distale del radio destro a cui è residuato un danno biologico valutato 1,5%, senza incidenza alcuna sulla capacità lavorativa del soggetto.

Dette lesioni hanno determinato un'invalidità assoluta di 25 giorni e parziale di 20 giorni al 50%.

Questo Giudice ritiene di condividere le valutazioni effettuate dal CTU ed applicando la valutazione del danno biologico effettuata con le tabelle del Tribunale di Milano, in relazione dell'età del danneggiato (anni 28), si ottiene una liquidazione del danno biologico di €.1.256,00;

– per l'invalidità temporanea totale e parziale, assumendo un valore economico di € 36,00/giorno si determina un indennizzo di € 1.260,00;

– per il danno morale, assumendo 1/3 del danno biologico, si ottiene un indennizzo di € 418,00.

Inoltre, a titolo di compenso forfettario per i disagi derivati dall'infermità e per le spese mediche documentate, si ritiene equa la liquidazione complessiva di € 66,00.

Il credito risarcitorio dell'istante …Vittorio risulta, quindi, complessivamente di € 3.000,00.

Detto importo è liquidato all'attualità, comprensivo, cioè, dell'intervenuta svalutazione monetaria e degli interessi sino alla data della presente sentenza (Cass.8517/94).

Dalla data della sentenza sino al soddisfo saranno dovuti gli interessi legali.

Le spese di giudizio seguono la soccombenza e vanno liquidate, d'Ufficio, come in dispositivo, tenendo conto della somma liquidata e della relativa tariffa per scaglioni, nonché dell'attività processuale svolta.

La sentenza è esecutiva ex lege.

P.Q.M.

Il Giudice di Pace del Mandamento di Pozzuoli, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta da SERGI Vittorio nei confronti di … Annalisa e … Leonilde, nonché della S.p.A. …, in persona del suo legale rapp.te pro-tempore, disattesa ogni altra istanza ed eccezione, così provvede:

1) dichiara la carenza di legittimazione passiva della S.p.A. …;

2) dichiara … Annalisa e … Leonilde esclusive responsabili dell'incidente per cui è causa e, per l'effetto le condanna in solido al pagamento in favore di … Vittorio della somma complessiva di € 3.000,00, oltre interessi legali dalla data della presente sentenza sino al soddisfo;

3) condanna le suddette convenute, in solido, alla rifusione delle spese processuali che liquida in complessivi € 2.500,00, di cui € 450,00 per consulenza medico-legale, € 150,00 per spese, € 1.000,00 per diritti ed € 900,00 per onorari, oltre 10% ex art. 15 L.P., IVA e CPA se ed in quanto ricorrano i presupposti per tale ripetibilità, oltre successive occorrende;

4) distrae la somma così liquidata per spese processuali a favore del procuratore anticipatario;

5) condanna … Vittorio alla rifusione delle spese processuali in favore della S.p.A. …, in persona del legale rapp.te pro-tempore, che liquida in complessivi € 400,00, di cui € 50,00 per spese, € 200,00 per diritti ed € 150,00 per onorari, oltre 10% ex art. 15 L.P., IVA e CPA se ed in quanto ricorrano i presupposti per tale ripetibilità, oltre successive occorrende;

6) sentenza esecutiva ex lege.

Pozzuoli, 5 marzo 2003

IL GIUDICE DI PACE
(Avv. Italo BRUNO)

Fonte: Piemmenews

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Constatazione amichevole: quando sono obbligatori i testimoni?

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo