Corte Cassazione Civile, sezione seconda – Sentenza n. 28155/2009

Circolazione stradale - Artt. 45 e 142 del Codice della Strada - Taratura degli apparecchi misuratori di velocità - In tema di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, le ...

27 luglio 2010 - 13:05

Circolazione stradale – Artt. 45 e 142 del Codice della Strada – Taratura degli apparecchi misuratori di velocità – In tema di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, le apparecchiature elettroniche regolarmente omologate, utilizzate per rilevare le violazioni dei limiti di velocità stabiliti, come previsto dall'art. 142 C.d.S., non devono essere sottoposte ai controlli previsti dalla L. n. 273 del 1991, istitutiva del sistema nazionale di taratura.

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che con ricorso depositato in data 7 giugno 2005 C. B. proponeva opposizione avverso il verbale n. (OMISSIS), elevato dalla Polizia stradale di (OMISSIS) in data 2 maggio 2005 e notificato in data 5 giugno 2005, con il quale le era stato contestata la violazione dell'art. 142 C.d.S., comma 8;

che la ricorrente si doleva della mancata contestazione immediata del verbale e dell'uso illegittimo del misuratore di velocità per carenza di taratura dell'apparecchio utilizzato;

che, nella resistenza del Ministero dell'Interno, il Giudice di pace di (OMISSIS), con sentenza depositata il 31 ottobre 2005, rigettato il motivo relativo alla mancata contestazione immediata della violazione, ha accolto la seconda censura e, per l'effetto, ha annullato il provvedimento impugnato sul rilievo che la strumentazione rivelatrice della velocità non era stata sottoposta a taratura periodica;

che per la cassazione della sentenza del Giudice di pace il Ministero dell'interno, con atto notificato il 6 ottobre 2006, ha proposto ricorso, sulla base di un motivo;

che l'intimata non ha svolto attività difensiva in questa sede.

Considerato che, con l'unico motivo, il Ministero dell'interno denuncia violazione e falsa applicazione della L. 11 agosto 1991, n. 273, del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, art. 45, e art. 142, comma 6, e degli artt. 192 e 345 reg. esec. C.d.S., dolendosi che il Giudice di pace abbia censurato l'attendibilità del controllo della velocità per mancanza del certificato di taratura periodica dell'apparecchiatura, che sarebbe stato richiesto dalla normativa nazionale e comunitaria;

che il motivo è manifestamente fondato;

che, secondo la giurisprudenza di questa Corte (Sez. 2^, 19 novembre 2007, n. 23978), in tema di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, le apparecchiature elettroniche regolarmente omologate, utilizzate per rilevare le violazioni dei limiti di velocità stabiliti, come previsto dall'art. 142 C.d.S., non devono essere sottoposte ai controlli previsti dalla L. n. 273 del 1991, istitutiva del sistema nazionale di taratura: tale sistema di controlli, infatti, attiene alla materia c.d. metrologica, che si distingue da quella della misurazione elettronica della velocità, ed è competenza di autorità amministrative diverse, rispetto a quelle pertinenti al caso di specie;

che da questo principio la sentenza impugnata si è discostata;

che, accolto il ricorso, la sentenza impugnata va di conseguenza cassata;

che, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, la causa può essere decisa nel merito con il rigetto della proposta opposizione al verbale;

che le spese del doppio grado, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

LA Corte accoglie il ricorso, cassa, la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, respinge la proposta opposizione al verbale; condanna l'intimata C. B. al pagamento delle spese processuali sostenute dal Ministero dell'interno, che liquida, per il merito, in Euro 500, oltre alle spese prenotate a debito, e, per il giudizio di cassazione, in Euro 400, oltre alle spese prenotate a debito.

fonte – semaforoverde.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Circolazione stradale operazioni di carico e scarico

Circolazione stradale: include anche le operazioni di carico e scarico?