Codice della strada: le quattro grandi novità

Multe, omicidio colposo, caravan, segway: passo in avanti in Parlamento

23 ottobre 2012 - 8:38

La mini-riforma del Codice della strada fa un passo avanti: il Disegno di legge ha appena avuto l'ok prima della commissione Bilancio, e poi della commissione Giustizia. SicurAUTO.it prevede che il tutto diventi operativo prima di Natale 2012, ma che si debba invece aspettare per il pagamento delle multe con i POS, giacché dovranno essere stipulate convenzioni con la posta e le banche.

NUOVA CULTURA – Secondo il presidente della commissione Trasporti, Mario Valducci (PDL), proponente del Disegno di legge, “si tratta di un testo snello e molto avanzato che costituisce un altro tassello importante per consolidare la 'nuova cultura della guida responsabile' su cui ormai lavoriamo da anni. Grazie al consenso trasversale tra le forze parlamentari presenti in commissione, contiamo di ottenere speditamente la sede legislativa per concludere definitivamente i lavori nel giro di poche settimane”.? Gli fa eco la relatrice Silvia Velo (PD), vicepresidente della commissione: “Questo testo testimonia l'impegno costante della commissione sul tema della sicurezza stradale”.

MULTE AL VOLO – Le modifiche al Codice della strada possono essere raggruppate in quattro aree. È anzitutto prevista una riduzione del 20% dell'importo se il pagamento avviene entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica. Una norma senz'altro positiva per l'automobilista, che potrà risparmiare, dopo i numerosi rincari delle multe (il prossimo, a inizio 2013) e le batoste a livello di accise, bollo, Iva. Una regola che farà la gioia, questo va detto, anche dei Comuni (e dello Stato), i quali potranno incassare immediatamente il denaro, senza correre il rischio di ricorsi da parte dei guidatori. È consentito il pagamento anche con moneta elettronica a mezzo POS, ma – come accennato inizialmente – sono necessarie convenzioni con le banche e Poste italiane per favorirne la diffusione: occorrerà del tempo prima che il sistema diventi effettivo. Ci sarà la possibilità della notifica anche a mezzo posta elettronica certificata (PEC), cì che si abbia un risparmio di costi, mancando la normale notifica cartacea.

PATENTE, RITIRO LUNGO – Omicidio colposo in caso di grave incidente stradale: è allungato il ritiro della patente, che potrà essere riacquisita solo a seguito di un nuovo esame, decorsi 5 anni dalla data di accertamento del reato (con sentenza di condanna passata in giudicato), elevati a 15 anni in caso di reato commesso con oltre 1,5 grammi di alcol per litro si sangue (pesante ebbrezza, visto che il limite è di mezzo grammo) o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti/psicotrope. Previsti 15 anni anche in caso di omicidio colposo commesso dai pirati della strada, automobilisti in fuga dopo un incidente omettendo il soccorso.? La differenza è che il ritiro della patente, oggi, scatta solo in caso ebbrezza o di assunzione di sostanze stupefacenti/psicotrope, mentre il  nuovo esame va sostenuto dopo 3 anni. Viene invece accantonata l'idea di introdurre il reato di omicidio stradale, simile al volontario, con sanzioni penali molto dure.

AUTOCARAVAN E SEGWAY – Per gli autocaravan (guidabili con patente B) viene introdotto un nuovo calcolo della massa massima: la “massa a pieno carico tecnicamente ammissibile” (3,5 t) che non tiene conto del peso delle apparecchiature interne entro il limite di 1,5 tonnellate. In quanto ai segway (veicoli elettrici almeno a 2 ruote, altamente tecnologici, indirizzati dai movimenti del corpo del guidatore), verranno equiparati alle biciclette elettriche a pedalata assistita e non più assimilati ai pedoni, così da evitare che circolino sui marciapiedi.

IL TESTO – Ed ecco il testo del Disegno di legge, appena aggiornato:

“Art. 1 ?(Mezzi elettrici con bilanciamento assistito)

1. Al comma 1 dell'articolo 50 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: , nonché i mezzi elettrici, concepiti per il trasporto di una sola persona di età non inferiore a sedici anni, con bilanciamento assistito ovvero dotati almeno di due ruote in asse, con sistemi e sottosistemi di sicurezza ridondanti, che hanno una velocità massima di 20 km/h con possibilità di autolimitazione a 6 km/h.

Art. 2 ?(Calcolo della massa limite degli autocaravan)

1. Dopo il comma 3-bis dell'articolo 167 del codice della strada di cui al decreto legislativo n. 285 del 1992, e successive modificazioni, è inserito il seguente: ''3-ter. I veicoli categoria M1 ad uso speciale autocaravan di cui al comma 3, se conformi alle norme sulle emissioni inquinati Euro 5 e successive, e dotati di controllo elettronico della stabilità, utenze interne alimentate a GPL o Metano e pannelli solari, possono circolare con una massa complessiva a pieno carico che non superi del 15 per cento quella indicata nella carta di circolazione. Si applicano le sanzioni di cui al comma 3'';

Art. 3.?(Guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti)
Soppresso

Art. 4 ?(Pagamento delle sanzioni)

1. All'articolo 202 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:? a) al comma 1 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: Tale somma è ridotta del 20 per cento se il pagamento è effettuato entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notificazione; ?b) al comma 2:? 1) al primo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ovvero mediante strumenti di pagamento elettronico; ?2) al secondo periodo sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ovvero mediante strumenti di pagamento elettronico;? c) dopo il comma 2 è inserito il seguente:? 2.1. Qualora l'agente accertatore sia munito di idonea apparecchiatura, il conducente, in deroga a quanto previsto dal comma 2, è ammesso ad effettuare immediatamente, nelle mani dell'agente accertatore medesimo, il pagamento mediante strumenti di pagamento elettronico, nella misura ridotta di cui al secondo periodo del comma 1. L'agente trasmette il verbale al proprio comando o ufficio e rilascia al trasgressore una ricevuta della somma riscossa, facendo menzione del pagamento nella copia del verbale che consegna al trasgressore medesimo;? d) al comma 2-bis:? 1) al primo periodo, le parole: al comma 1 sono sostituite dalle seguenti: al secondo periodo del comma 1;? 2) è aggiunto, in fine, il seguente periodo: Qualora l'agente accertatore sia dotato di idonea apparecchiatura, il conducente può effettuare il pagamento anche mediante strumenti di pagamento elettronico. ?2. Il Ministro dell'interno, sentito il Ministro dell'economia e delle finanze, promuove la stipulazione di convenzioni con banche, Poste Italiane Spa e con intermediari finanziari al fine di favorire, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, la diffusione dei pagamenti mediante strumenti di pagamento elettronico previsti dall'articolo 202 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, come modificato dal comma 1 del presente articolo. ?3. Con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri della giustizia, delle infrastrutture e dei trasporti, dell'economia e delle finanze e per la pubblica amministrazione e la semplificazione, sono disciplinate, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, entro quattro mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le procedure per la notificazione dei verbali di accertamento delle violazioni del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, tramite posta elettronica certificata nei confronti dei trasgressori abilitati all'utilizzo della posta medesima, escludendo l'addebito delle spese di notificazione a carico di questi ultimi.

Art. 5 (Revoca della patente)

1. Dopo il comma 3-ter dell'articolo 219 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, sono inseriti i seguenti:? 3-ter. 1. Quando la revoca della patente di guida è disposta per il conducente che ha commesso il reato di cui all'articolo 589, secondo comma, del codice penale per un fatto commesso con violazione della disciplina sulla circolazione stradale, il soggetto non può conseguire una nuova patente di guida prima di cinque anni decorrenti dalla data di accertamento del reato, salvo il caso in cui il fatto sia stato commesso in violazione degli obblighi di cui ai commi 6 e 7 dell'articolo 189 del presente codice. In tal caso, il soggetto non può conseguire una nuova patente di guida prima di dieci anni decorrenti dalla data di accertamento del reato.? 3-ter. 2. Quando la revoca della patente di guida è disposta per il conducente che ha commesso il reato di cui all'articolo 589, terzo comma, del codice penale, il soggetto non può conseguire una nuova patente di guida prima di dieci anni decorrenti dalla data di accertamento del reato.? 2. Al comma 2 dell'articolo 222 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: ?a) il terzo periodo è soppresso; ?b) al quarto periodo, le parole: o al terzo sono soppresse; ?c) è aggiunto, in fine, il seguente periodo: La revoca della patente è sempre disposta in caso di omicidio colposo”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sanzioni penali

Sanzioni penali del Codice della Strada: quali sono

Tesla: auto fuori garanzia, 8 mila dollari per il motore bruciato

Mini Cooper 2021: vince facile nel test dell’alce, ma a quale prezzo?