Citroën Cactus: prefigura la C-Line

La Citroën Cactus è una concept che anticipa la futura C-Line, di serie nel 2014

5 settembre 2013 - 8:01

Tutto ha inizio con la presentazione della concept Citroën C-Cactus al salone di Francoforte 2007: un esercizio di stile che è scaturito nella Cactus, un prototipo che preannuncia i futuri modelli della C-Line. Appuntamento nel 2014.

SI BADA ALL'ESSENZIALE – Non parliamo di una low cost, però la Citroën Cactus risponde alla ricerca di un preciso equilibrio tra volumi mirati ed efficienza, da applicare fino ai minimi dettagli. Tenere solo l'essenziale e ottimizzare, per arrivare a una forma di perfezione naturale: questo approccio ha permesso ai designer di staccarsi dai codici tradizionali dell'auto per esplorare soluzioni ingegnose e prestazioni efficienti. La Cactus ha superfici essenziali e lisce, color bianco perla, volumi fluidi, che allontanano qualunque forma di aggressività: un crossover non dall'aria cattiva.

HA L'AIRBUMP – C'è un elemento grafico è situato sulle fiancate e sui paraurti, espressione di un nuovo approccio, che restituisce una funzione al design: l'airbump. Le superfici morbide sono trattate con materiali soft-touch, per resistere alle rigature, e integrano delle capsule d'aria che assorbono gli urti. Questo potenzia lo stile di della Cactus, ne accentua il carattere con la sua originalità e apre la strada ad ampie possibilità di personalizzazione. Inoltre, offre una reale protezione contro i micro-impatti quotidiani.

STILE FUTURO – La Cactus ha le dimensioni da berlina compatta (lunghezza: 4,21 metri; larghezza: 1,75 m), un profilo icon 1/3 di superfici vetrate e 2/3 di superfici lamierate, assetto rialzato (21 cm) ma altezza ottimizzata di solo 1,53 metri; e sbalzi ridotti, che posizionano le ruote “ai quattro angoli”. Dentro, il cruscotto sottile e flottante libera totalmente il pianale, il passeggero anteriore beneficia nella parte superiore di un vano portaoggetti generoso e di facile accesso. Questo risultato è stato ottenuto adottando un'interfaccia 100% digitale, e ottimizzando il posto di guida. Intressante il nuovo approccio strutturale, che si estende anche ai sedili anteriori: disegnati come un sofà, confortevoli e conviviali. Obiettivo, offrire un'atmosfera elegante e rilassata a bordo. Gli allestimenti interni sono studiati per liberare uno spazio notevole nell'abitacolo, e utilizzano materiali autentici e naturali. I sedili e le porte sono rivestiti con una combinazione di due materiali, ispirati agli arredi contemporanei: Tessuto di cotone blu chiné e pelle color cammello, a colorazione vegetale, che ritorna anche sulla plancia e sul volante.

QUALE MOTORE – La nuova catena di trazione Hybrid Air s'inserisce in questa tendenza. Questa soluzione full hybrid associa l'aria compressa e l'idraulica a un motore benzina a 3 cilindri. Una tecnologia propria del Dna della marca, che offre prestazioni inedite: consumi inferiori a 3l/100 km. Questa tecnologia, a ridotta impatto ambientale (senza batteria supplementare) è accessibile al grande pubblico grazie a costi di utilizzo contenuti (consumi ridotti del 45% su percorso urbano), oltre a una manutenzione e interventi di riparazione – dice la Casa – facilitati grazie all'abbinamento di tecnologie già ampiamente collaudate.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe