Chevrolet: la gamma GPL per il 2012

L'impianto GPL è disponibile per i modelli Spark, Aveo, Cruze e Orlando

26 marzo 2012 - 16:29

Per far fronte ai continui rincari dei carburanti tradizionali, Chevrolet punta sull'impianto GPL che è disponibile con la gamma Model Year 2012 composta dai modelli Spark, Aveo, Cruze e Orlando. L'impianto GPL è stato progettato, sviluppato ed omologato direttamente dalla Casa costruttrice, in joint venture con l'azienda italiana BRC di Cherasco (CN), specializzata nelle trasformazioni a gas dei veicoli. Grazie all'omologazione “Fase 2”, anche l'impianto a gas gode della garanzia di 3 anni o 100.000 km prevista per i relativi modelli con il brand Chevrolet.

SPARK ED AVEO – La Chevrolet Spark è la citycar proposta nella versione GPL con i motori 1.0 da 68 CV e 1.2 da 82 CV. Il prezzo base è stato fissato in 10.685 euro e la dotazione comprende 6 airbag di serie. Il propulsore 1.0 da 68 consuma 6,8 litri di gas per percorrere 100 km ed emette 110 g/km di CO2, mentre il motore 1.2 da 82 CV consuma 7 litri di gas per 100 km ed emette 113 g/km di CO2. Il serbatoio toroidale da 31 litri può essere riempito con soli 21 euro di spesa, garantendo un'autonomia supplementare di 456 km per il motore più piccolo e 443 km per il propulsore più potente. La Chevrolet Aveo è l'utilitaria che ha conquistato 5 stelle nel test Euro NCAP ed è disponibile nella versione GPL solo con il motore 1.2 da 86 CV che consuma 7,4 litri di gas per 100 km ed emette 119 g/km di CO2. La dotazione di serie comprende 6 airbag, il controllo elettronico della stabilità ESP, il controllo elettronico della trazione, il regolatore di velocità Cruise Control e il climatizzatore. Il serbatoio a ciambella della Aveo GPL ha la capacità di 42 litri che garantiscono un'autonomia supplementare di 567 km con 28.50 euro di spesa.

CRUZE ED ORLANDO – La Chevrolet Cruze è proposta nella versione GPL con il motore 1.8 da 141 CV, sia nella variante berlina a 4 porte che con la carrozzeria Hatchback a 5 porte. I consumi di gas vanno dagli 8,5 litri per 100 km della Cruze Hatchback GPL ai 9,1 litri per 100 km della Cruze GPL a 4 porte, mentre le rispettive emissioni di CO2 ammontano a 139 e 147 g/km di CO2. I prezzi di listino sono stati fissati in 18.620 euro per la Cruze Hatchback GPL e in 18.970 euro per la Cruze GPL. La dotazione di entrambi i modelli comprende 6 airbag, ESP, controllo di trazione, cerchi in lega, climatizzatore manuale e fendinebbia. L'autonomia varia dai 604 km della berlina ai 647 km della Hatchback, con 37 euro di spesa per riempire il serbatoio di GPL. La Chevrolet Orlando è la crossover a 7 posti che è disponibile nella versione GPL con il motore 1.8 da 141 CV di potenza. Consumi ed emissioni ammontano rispettivamente a 9,6 litri di gas per 100 km e 156 g/km di CO2. Il prezzo di listino della Orlando GPL è stato fissato in 22.245 euro e la dotazione di serie comprende 6 airbag, ESP, controllo di trazione, cerchi in lega, fendinebbia, comandi audio al volante e climatizzatore elettronico con aerazione posteriore e sensore qualità aria. L'autonomia supplementare ammonta a 469 km grazie al serbatoio di 45 litri, il cui pieno costa 30,50 euro.

IMPIANTI GPL SICURI – Chevrolet attesta la sicurezza delle proprie vetture a GPL con la presenza del robusto fissaggio del serbatoio del gas alla scocca e tramite specifici crash test interni. Grazie allo sviluppo ed alle nuove tecnologie dei moderni impianti a GPL, l'uso di una vettura a GPL è sicuro e del tutto analogo a quello di un'auto a benzina o diesel. Infatti, due valvole di controllo assicurano la corretta pressione nel serbatoio. La prima arresta automaticamente il rifornimento del combustibile una volta raggiunto l'80% della capacità di riempimento del serbatoio. In questo modo, quando con l'aumentare della temperatura il gas liquido si espande, può riempire il restante 20%. Se si dovessero raggiungere valori di pressione critici, ad esempio in caso di incendio o incidente, un'ulteriore valvola, superata una soglia di pressione predefinita, si apre, mettendo in contatto il serbatoio con l'ambiente esterno. All'aperto, il gas si disperde rapidamente nell'aria. Le auto a GPL possono parcheggiare al primo piano seminterrato nei posteggi sotterranei grazie alla presenza della valvola appena descritta, di una ulteriore elettrovalvola intercettratrice posta sul serbatoio e di una valvola  “fusibile” che, in caso di rilevante innalzamento delle temperature , consente la fuoriuscita controllata del GPL evitando quindi possibili esplosioni. Inoltre, le auto a GPL sono ammesse anche su traghetti e nell'attraversamento di lunghi tunnel, come ad esempio quello del Monte Bianco. In questi casi è solo richiesto di segnalare la propria auto perchè venga posizionata vicino alle porte, sui traghetti, o venga dotata di un semplice contrassegno colorato da agganciare allo specchietto interno. Infine, la sicurezza raggiunta dalle auto a GPL è confermata dal fatto che le compagnie assicurative non richiedono alcun tipo di supplemento per le polizze per le auto con questa alimentazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo