Cellulari in automobile. Aumentano le sanzioni

Aumentano le sanzioni per l'uso del cellulare senza auricolare mentre si guida. Si parla di un 20,3 per cento in più - secondo i dati della Polizia Stradale - nei primi 4 mesi del 2007, il che...

16 maggio 2007 - 21:38

Aumentano le sanzioni per l'uso del cellulare senza auricolare mentre si guida. Si parla di un 20,3 per cento in più – secondo i dati della Polizia Stradale – nei primi 4 mesi del 2007, il che significa quota 15.891 rispetto alle 13.212 dello stesso periodo dello scorso anno.

In particolare 6.667 sono state contestate nella rete autostradale, più 24,2%, e 9.224 nella restante rete ordinaria con l'incremento del 17,6%. La sanzione per gli irriducibili del telefonino è di 70 euro col prelievo di 5 punti. La sola Stradale nei primi 4 mesi del 2007 ha prelevato complessivamente 79.455 punti per questa infrazione.

“Purtroppo telefonare in auto senza viva voce o auricolare – commenta l'Aspas, l'Associazione Amici Polizia Stradale – ormai parte della “cultura” automobilistica di questo Paese. Non solo, sta anche dilagando l'utilizzo degli SMS al volante. I “messaggini”, in entrata e uscita, sono ancor più incompatibili con una minima condizione di sicurezza alla guida.”

“Una distrazione di soli 2 secondi ad appena 100 km/h fa percorrere alla nostra macchina 56 metri prima che percepiamo un ostacolo, poi fra tempo di reazione (un secondo) e frenata in condizioni ottimali ne servono altri 71 (28 43). Totale 127 metri.”

“Forse sarebbe il caso che i gestori della telefonia cominciassero a spiegarlo bene anche nelle loro pubblicità – conclude l'Aspas – tanto per dare una mano alla sicurezza.”

http://www.repubblica.it/2007/05/motori/motori-maggio-2007/motori-sanzioni-cellulari/motori-sanzioni-cellulari.html?ref=mothpstr8

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Passo carrabile

Voltura passo carrabile: come si richiede

Test Gomme Invernali 2020: 2 bocciati per lacune su asciutto

Auto incastrata in una strada stretta

Auto incastrata in una strada stretta: chi paga i danni?