Car2go: prova su strada ed istruzioni per l'uso

Alla prova del servizio Car2go per 24 ore, tra finte chiamate al call center e i consigli agli utenti

18 dicembre 2013 - 18:05

A volte le idee più geniali sono anche le più banali, semplicemente perché rispondo alle esigenze delle persone comuni e le aiutano a rendere la vita di tutti giorni più agevole. Il servizio Car2go sembra proprio una di queste: noleggiare un'auto pagando solo i minuti effettivamente utilizzati e, ecco la vera novità, lasciarla ovunque si desideri, perfino sotto casa. E' quest'ultimo dettaglio, probabilmente, ad aver reso il servizio di car sharing Car2go subito un successo. Basta servizi con vetture disponibili solo in determinate aree o parcheggiabili solo nei posteggi riservati, i clienti cercano libertà d'uso. E così, sfruttando l'attuale tecnologia basata su smartphone, GPS e connessione 3G, Mercedes-Benz ha reso finalmente flessibile il car sharing, proprio come molti utenti desideravano. Il servizio è già attivo in varie città d'Europa, e per l'Italia si è partiti da Milano, mentre la prossima tappa sarà Roma. Incuriositi da questo servizio abbiamo deciso di provarlo, ma non con la classica “prova su strada” che avrete già letto in altri siti o giornali, no a noi di SicurAUTO.it piace fare le cose per bene. E così ci siamo immedesimati in un utente milanese per 24 ore usando il Car2go dal mattino sino a notte fonda, simulando varie chiamate al call center e presentandoci come un cliente un po' esigente. Solo così abbiamo potuto testare a fondo il servizio e scoprire che…

LA TESSERA / MEMBERCARD – Accedere al servizio Car2go è semplicissimo. Basta registrarsi sull'apposito sito, inserire i propri dati, i dettagli della patente, il PIN che useremo per il noleggio ed infine il numero della carta di credito (non sono accettate le ricaricabili). Poi bisognerà recarsi in uno dei centri Car2go presenti a Milano. Qui in realtà nasce il primo problema: i punti sono un po' pochi e non proprio centralissimi (vedi la lista completa). Urgono pertanto un paio di punti Car2go a piazza Duomo e alla stazione centrale. La tessera (costo 19 euro, ma spesso esistono delle promo) si può anche richiedere in uno dei centri di cui sopra. Noi abbiamo scelto questa seconda opzione improvvisandoci un cliente con poca dimestichezza con il PC e per di più arrivato nel punto Car2go 5 minuti prima della chiusura… Così abbiamo potuto constatate l'eventuale gentilezza e disponibilità del personale anche in una situazione come questa.

CORDIALITA' MESSA ALLA PROVA – Arrivati in Piazza XXIV Maggio, entriamo nella concessionaria smart presente all'angolo vicino ai navigli. Qui ci accoglie con gentilezza un ragazzo che ci chiede di registrarci sul sito attraverso uno dei due notebook messi a disposizione dei clienti. Tra un po' di incertezze e problemi di connessione dei due notebook, dopo 15 minuti circa riusciamo, con l'assistenza del gentile operatore, a registrarci. Subito dopo aver controllato patente e carta di credito, il ragazzo ci da la nostra MemberCard Car2go e alcuni dépliant con le istruzioni principali sul servizio. Non contenti, nonostante il negozio fosse ormai chiuso da circa 20 minuti, chiediamo che ci venga spiegato il servizio visto che lo avremmo utilizzato da li a pochi minuti. Anche qui, senza problemi, riceviamo tutte le informazioni del caso utilizzando la smart presente nel negozio come “demo”. Ottimo servizio, bravi.

LA SMART PERO' NON SI TROVA – Armati di smartphone ci mettiamo a caccia della prima smart disponibile. Accidenti è a 1,7 km, pazienza. Decidiamo quindi di prenotarla tramite l'app Car2go (in questo modo l'auto viene riservata per 30 minuti, così si ha il tempo di raggiungerla. Non ci sono costi e la prenotazione si può cancellare e/o rifare su altre auto più volte, sempre gratis). Arrivati sul posto però non troviamo l'auto. Giriamo intorno all'isolato (a dire la verità un po' buio, attenzione quindi voi donne che usate il servizio. Cercate le auto in zone più centrali possibile), ma della smart neanche l'ombra. Chiamiamo quindi il numero verde Car2go 800.835834 e l'operatore ci conferma che l'auto dovrebbe esserci. Ci da anche l'indirizzo esatto, ma appunto la smart non c'è. Guardando bene individuiamo il problema: l'auto è stata lasciata in divieto di sosta e quindi rimossa (vedy gallery). Scopriamo così un bug nel software Car2go, se l'auto viene rimossa al sistema non viene segnalato nulla poichè la smart resta spenta e quindi i clienti, come accaduto a noi, rischiano di camminare a vuoto (questo è quanto ci riferisce l'operatore, mentre secondo l'ufficio stampa in questi casi avviene una procedura standard diversa, vedi sezione domande/risposte in fondo all'articolo). Al call center si scusano e ci invitano a provare con un'altra smart in zona. Ma la più vicina è ad un altro chilometro e mezzo. Considerato il freddo ed il vento (sono le 20:15 ormai), decidiamo di prendere la metro e tornare a casa.

UN GIORNO CON IL CAR2GO – Un po' delusi per come è iniziata la nostra esperienza con il servizio di Car sharing Mercedes, l'indomani ci mettiamo a caccia della nostra prima smart. Obiettivo, recuperare un amico in zona San Babila per andare a pranzo. Questa volta la smart è vicinissima (300 m.) e per fortuna realmente disponibile. Controlliamo che l'auto non abbia danni esterni (come da consigli di Car2go), la apriamo e seguiamo le istruzioni presenti a video (nella gallery trovate tutte le fasi da seguire). In questa fase non fatevi venire l'”ansia da prestazione” perché, come ci ha confermato l'ufficio stampa Mercedes, il costo del noleggio inizia 1 minuto dopo aver aperto l'auto oppure da quando si accede il motore: così si ha tutto il tempo di sistemare bene sedile e specchietti, nonché caricare l'auto in sicurezza. Alle 13:00 circa il traffico è piuttosto intenso, quindi per fare solo 3 km ci mettiamo 12 minuti. Troviamo un posto sulle strisce blu (gratis per le auto Car2go, come quelle gialle) e posteggiamo. Alla chiusura dell'auto il sistema di rilevamento della card però si blocca, dopo alcuni tentativi chiamiamo il call center che ci invita ad accedere e spegnere di nuovo l'auto. Adesso funziona tutto, la smart si chiude e termina il noleggio. L'operatore ci chiede da quanto tempo stessimo provando a chiudere l'auto, noi diciamo “circa 5-6 minuti”. Così il gentile operatore ci storna subito 6 minuti dal noleggio. La nostra esperienza con il Car2go continua nel pomeriggio, la sera e la notte. Qui sotto trovate il dettaglio dei vari noleggi. Da notare che, a parte i problemi segnalati precedentemente, il servizio ha sempre funzionato bene, le auto sono sempre state trovare in ordine e pulite, nonchè molto vicine (sono circa 600 attualmente le smart a Milano). Da segnalare una cosa davvero incredibile, prima dell'ultimo noleggio ci trovavamo nella discoteca Old Fashion e cercando una smart disponibile ne abbiamo trovata una… davanti l'ingresso del locale!! Presa la smart siamo tornati a casa in Corso di Porta Romana in 10 minuti. Costo: solo 2,90 euro. Più comodo ed economico di così… Ecco l'elenco dei nostri principali noleggi, come si vede i costi sono sempre molto contenuti e se paragonati al prezzo del taxi stiamo parlando di importi ridicoli.

  • Via Ludovico da Viadana 2 -> Viale Regina Margherita 41 (ore 13:19, 12 minuti, 3 km = 3,48 €)
  • Via della Commenda 16 -> Piazza Quattro Novembre 3 (ore 15:04, 17 minuti, 5 km = 5,51 €)
  • Piazza Giuseppe Missori 6 -> Viale Giovanni Milton (ore 22:59, 15 minuti, 6 km = 4,35 €)
  • Viale Luigi Camoens -> Corso di Porta Romana 42 (ore 03:17, 10 minuti, 4 km = 2,90)

“MIGRANO” COME LE RONDINI – In conclusione: il servizio Car2go è semplicemente geniale, economico e comodo (spesso le smart si trovano nel giro di poche centinaia di metri). Ovviamente il suo costo non è paragonabile a quello dei mezzi pubblici (4,50 euro per un biglietto giornaliero ATM), ma offre una comodità incredibile, specialmente la sera e la notte. Per non parlare di chi si sposta dalla periferia al centro, e viceversa, magari in zone poco servite dai mezzi. A tal proposito abbiamo constatato che la mattina presto le smart si trovano quasi tutte in periferia (vicino alla zona limite dell'area operativa), mentre dalla mattina sino alla sera sono in centro, per poi spostarsi di nuovo verso la periferia di notte. Il servizio clienti, che abbiamo chiamato anche direttamente dal pulsante dell'auto, simulando diverse esigenze, si è dimostrato sempre veloce e cortese. Il navigatore dell'auto è un po' lento e potrebbe far perdere tempo “prezioso”, costringendo gli utenti ad armeggiarlo durante la guida. Anche l'app ancora ha qualche bug e ogni tanto si blocca. Ma siamo certi che nel tempo queste cose saranno risolte, dopotutto il servizio è partito da pochi mesi. Ricordatevi che se posteggiate l'auto in divieto o perdete la chiave dell'auto ci sono grosse penali da pagare. Qui di seguito alcune domande che abbiamo posto a Mercedes dopo il nostro test.

Dal numero verde ci hanno confermato che le vetture Car2go, se rimosse, restano come ghost nell'app e quindi si rischia di non trovarle. Risolverete? E quando in caso?

Il nostro sistema invia un alert quando la vettura subisce un cambio di posizione senza un noleggio attivo. Il nostro reparto flotta si attiva, verifica la posizione della vettura e se accerta che la vettura si trova in un deposito giudiziario la disattiva. Le tempistiche possono variare a seconda del momento e possono intercorrere da pochi secondi fino a qualche minuto in ogni caso questi fenomeni sono circoscritti con percentuali irrisorie (a settimana: 3 rimozioni su oltre 20.000 noleggi)

Avete pensato di dotare alcune auto già di seggiolini o rialzi per bambini in modo da permettere il trasporto di bambini in sicurezza? Una specie di Car2go “rosa”.

Purtroppo non è ammesso l'uso dei seggiolini per neonati, eccetto le alzatine che permettono al giovane passeggero di raggiungere 1,50 m. Questo perché non è possibile disattivare l'airbag lato passeggero. Sarebbe, inoltre, impossibile garantire la riattivazione dopo l'uso con baby passeggeri, dando luogo ad alti rischi per gli utenti successivi.

Se un'auto viene multata e/o rimossa, come si procede? Addebitate la multa in automatico con qualche spesa extra, o contattate prima il cliente in modo che possa eventualmente fare ricorso?

In tal caso ci viene notificata la contravvenzione dalle autorità di polizia a cui car2go comunica i dati dell'utente responsabile. A questo punto la polizia municipale rinotifica direttamente all'utente la contravvenzione con un costo di gestione di 20 € aggiuntivi, più una penale di 50 € per il costo del servizio di ritiro presso il deposito giudiziario. La rinotifica all'utente da parte delle autorità, ai fini dell'ammissibilità di un ricorso, vale come prima notifica. L'utente può fare ricorso non appena riceve la contravvenzione in quanto i termini di decorrenza partono dalla data di notifica all'utente.

Nel caso in cui la multa preveda anche la decurtazione dei punti cosa prevede il vostro standard?

Come sopra, in caso di punti il cliente dovrà comunicare entro 60 giorni dalla data in cui gli è stata notificata la multa i dati della propria patente. In caso di omissione riceverà successivamente un ulteriore contravvenzione CDS Art. 126 bis da 289 € a 1050 €.

Dopo quanto tempo una vettura che resta ferma in una zona poco usata da altri membri viene spostata più in centro? Questo servizio viene attivato spesso? Che statistiche avete?

Dopo 48 ore in cui la vettura non viene utilizzata, il nostro personale la sposta in zone della città dove il passaggio di utenti è maggiore. Nel caso specifico, accade con regolarità ma per un numero ridottissimo di vetture.

Ci sono novità sulle auto elettriche previste dal contratto?

Non abbiamo notizie provenienti da Daimler, ma alla luce dello stato delle infrastrutture di supporto alla ricarica di vetture elettriche a Milano, crediamo non possano esserci grandi novità.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Crash test Opel Corsa 2019: solo 4 stelle Euro NCAP

Incidenti stradali strade più pericolose d’Italia

Incidenti stradali 2018: le strade più pericolose d’Italia nel rapporto ACI

Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

Dispositivi antiabbandono e omologazione: come stanno le cose?