Car2go è boom a Roma: 20.000 iscritti in un mese

Nella capitale, Car2go a quota 20.000 iscritti nel primo mese di attività

14 aprile 2014 - 9:00

C'è sempre un po' di enfasi politica quando i Comuni danno annunci di questo genere, ma i freddi numeri sono indisucitibili. Il sindaco Ignazio Marino ha presentato in Campidoglio i dati del primo mese di Car2go, il servizio pioniere e leader di mercato nel campo del car-sharing a flusso libero. In un mese, si contano più di 20.000 iscritti nella capitale, con circa 700 romani che si registrano ogni giorno. “Vogliamo una città che rispetti di più l'ambiente, e la strategia dello sharing è fondamentale per noi, sia nel settore delle bici che delle automobili. Oggi abbiamo dimostrato che è possibile arrivare in poco tempo a risultati importanti. La riduzione delle auto private è un imperativo prioritario per la salute delle persone e per i nostri spazi urbani”, ha sottolineato il sindaco.

QUANTI NOLEGGI – Le 300 Car2go disponibili sono utilizzate con una media di circa 10.000 noleggi settimanali, dato in continua crescita. Questi numeri dimostrano come la capitale fosse pronta ad usufruire del servizio di car-sharing free floating di car2go. La flotta di automobili a disposizione degli iscritti 24 ore su 24, 7 giorni su 7, è composta attualmente da 300 Smart fortwo, veicoli “Enviromental-friendly”, con una emissione di solo 98 g CO2/km, che diventeranno a breve 500. Grazie alle sue dimensioni compatte, la smart è inoltre un veicolo perfetto per trovare facilmente un parcheggio disponibile. Le auto di Car2go possono essere noleggiate in qualunque momento e il sistema opera senza stazioni di noleggio dedicate. Le smart possono essere utilizzate quando necessario ed essere lasciate in qualsiasi parcheggio pubblico all'interno dell'area operativa di 100 chilometri quadrati, senza canoni aggiuntivi mensili o annuali. Gli utenti registrati pagano solamente il reale utilizzo che fanno del servizio con un costo al minuto all-inclusive (tasse, assicurazione, benzina, parcheggio, i primi 50 chilometri e IVA). Nella capitale tutti i veicoli di Car2go possono varcare le Zone a traffico limitato e parcheggiare nelle strisce blu gratuitamente o negli spazi Arac “park and ride” presso Angelo Emo, Battistini, Elio Rufino, Ostiense Eur Magliana, Nomentana e Tiburtina. I clienti possono registrarsi su car2go.com/it/roma e ritirare la propria tessera presso: il car2go shop di via Cipro 23/31 alla fermata Cipro della Metro A; lo sporting club all'EUR – Piscina delle Rose in viale America 20; i punti Atac presso le stazioni metro Bologna, Termini e Flaminio; alcune sedi locali di Legambiente; il parcheggio Faravelli in zona Teulada a Prati;i due punti itineranti di registrazione; a breve presso i punti di noleggio Europcar.

QUALI REQUISITI MINIMI – Per iscriversi occorre avere almeno 18 anni compiuti e possedere una patente di guida valida. Il pagamento del servizio avviene tramite carta di credito o carta prepagata. L'iscrizione è gratuita durante il periodo di lancio (fino al 15 aprile), dopo tale periodo la registrazione avrà un costo di 19 euro una tantum (comprensivi di 30 minuti di noleggio) pagando solo l'utilizzo effettivo del veicolo in maniera chiara e trasparente. Gli iscritti Car2go di Roma possono utilizzare il servizio anche a Milano, e viceversa. Presto i clienti Italiani potranno utilizzare Car2go in tutte le città europee in cui è attivo il servizio, mentre tutti i clienti europei potranno noleggiarle a Milano e Roma.

I MOTIVI DEL SUCCESSO – L'iscrizione è stata gratuita l'iscrizione e lo sarà ancora per poco: è probabile che gli iscritti siano alti anche per questo. Ma sicuramente il numero di noleggi è un buon inizio. Perché indubbiamente Car2go rappresenta un modo di muoversi molto comodo e pratico. Intanto a Milano, Car2go totalizza ben 25.000 noleggi a settimana con una flotta di 600 Smart. Secondo una recente indagine di AlixPartners, a spingere gli automobilisti verso l'auto condivisa è, in primis, il fattore economico: oltre la metà (56%) degli utenti indica come principale motivo della scelta il costo elevato di acquisto dell'auto e gli ingenti oneri connessi alla sua gestione e manutenzione; solo il 23% fa riferimento alla riduzione dell'inquinamento atmosferico. Altro punto di forza del car sharing, oltre alla convenienza economica, è la facilità di accesso al servizio, evidenziato dal 36% degli utenti. Non mancano le aree critiche da migliorare, tra le quali i clienti indicano la non disponibilità di un veicolo sempre e comunque (46%), la mancata presenza della propria auto preferita (25%) e il dubbio che il car sharing non porti effettivamente a un risparmio nel lungo periodo (21%). Quello economico resta il fattore chiave su cui puntare anche per aumentare la diffusione del servizio: oltre il 53% inizierebbe a utilizzarlo o lo userebbe più spesso se fosse meno costoso, mentre il 18% lo userebbe se gli operatori offrissero qualità più alta e veicoli più affidabili. Comunque il 64% degli utenti prevede di incrementarne l'utilizzo nel prossimo anno. Per saperne di più, potete leggere la comparativa fra Car2go ed Enjoy, l'altro car sharing (Eni) che sta andando fortissimo a Milano, con le Fiat 500. Inoltre, qui c'è la nostra prova sul campo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multe stradali ai minorenni

Multe stradali ai minorenni: chi paga le sanzioni?

Auto bloccata in un passaggio a livello

Auto bloccata in un passaggio a livello: cosa fare

Guidare in montagna: i consigli per un weekend in sicurezza