Cantieri Anas: i segnali a led rischiano di abbagliare i conducenti

La denuncia del Coordinamento Camperisti: le luci a led dei cantieri Anas sono pericolose

6 novembre 2012 - 6:00

Ecco una situazione assurda che ci viene segnalata dagli amici del Coordinamento Camperisti: parliamo di segnali gialli a luce led rivolti contro i conducenti in prossimità dei cantieri autostradali Anas. Pensare di far rallentare i guidatori abbagliandoli, di fatto è una scelta senza senso.

PRIMA LETTERA – Una luce che mette a dura prova gli occhi di chi guida, causando stress per i conducenti, e facendo salire le probabilità di incidenti.  I Camperisti allora lanciano una campagna: “Contribuisci a evitarlo, scrivi al Governo e ai parlamentari. È tuo diritto-dovere intervenire, inviandoci copia delle corrispondenze”. Un esempio? La corrispondenza tra un conducente e la Società Autostrade per l'Italia. Partiamo dal guidatore: “Non so se questo è l'indirizzo giusto, eventualmente chiedo la cortesia di essere reindirizzato a chi di competenza. Sono un conducente di veicoli commerciali con esperienza da 37 anni, ma non riesco a comprendere la filosofia di chi appone da qualche anno, nelle autostrade italiane, le segnalazioni luminose e l'utilità dei segnali gialli a luce led rivolti contro il conducente in prossimità dei cantieri autostradali: luci che sono fortissime e impediscono anche la percezione della carreggiata. Naturalmente, sono costretto a difendermi da ciò, come quando sono in prossimità dei 'caselli' (illuminati fortemente anch'essi) a usare le luci abbaglianti auspicando la mancanza, come di solito, dei soggetti di cui all'articolo 12 del Codice della strada, ovvero mettere velocemente gli occhiali da Sole, anche di notte. Purtroppo, tale modalità è stata copiata, tra l'altro, sulla Statale Romea, dove a ogni curvone, sono state apposte luci con accensione progressiva rivolte al conducente che servono a tutto, fuorché a percepire la carreggiata. Tra l'altro l'intensità della luce nelle gallerie (a mio avviso, solo in Italia), diversa ognuna dall'altra, comporta seri rischi di adattamento. Preciso che non ho alcuna malformazione agli occhi, nonostante l'età, e osservo che anche gli altri conducenti giovani della mia ditta, hanno le medesime difficoltà. Posto il quesito di cui sopra, sul quale è gradita risposta per conoscere il modo di ragionare del funzionario incaricato alla scelta di tale modalità abbagliante, osservo che nel Regno Unito, i segnali stradali sono illuminati da luce interna”.

RISPOSTA DI AUTOSTRADE SPA – Così risponde Autostrade per l'Italia: “Signor … grazie per la cortese attenzione. Le luci a led risultano molto efficaci in quanto dissuadono da condotte di guida superiori ai limiti imposti. In ogni caso, teniamo conto delle osservazioni riferite, specie per quanto riguarda le gallerie, interessate dai lavori di adeguamento progressivo alle norme UNI e della UE”.

CONTROREPLICA – Infine, l'automobilista: “Grazie della risposta. Sono convinto che nella Germania attuale, si opera sulla correttezza del rispetto delle regole e sulla istruzione dei conducenti, con strade sempre ben segnalate: […] si possono permettere di viaggiare molto più veloci di noi e assolutamente con più sicurezza, anche in considerazione del servizio di Polizia stradale ivi esistente. Concludo pertanto che con tali luci vi sostituite (a mio avviso illegittimamente) alla Polizia stradale punendo soprattutto, compito non vostro, chi vorrebbe essere ed è corretto. Solo di passata, ricordo che, durante la Guerra fredda, i piloti dei velivoli americani che atterravano a Berlino Thempelhof, venivano accecati similmente, come deterrente dalla Vopo, e alcuni aerei sono anche finiti fuori pista. Quale precisazione del precedente scritto, vorrei comunicarle che, sulla Salerno-Reggio Calabria che da giovane ho percorso frequentemente di notte, molti camionisti percorrevano quella strada, che molto spesso si presentava con segnalazioni orizzontali poco marcate, sempre con i fari abbaglianti accesi: ora io stesso mi ritrovo, necessariamente ad assumere tale comportamento, in quanto la strada, come allora ma per altro motivo, non è più visibile. È mio auspicio che interveniate per copiare l'Europa, quella vera”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici in inverno: quale valore e come regolarsi

Guida distratta: il 14% delle multe in una settimana solo in autostrada

Gomme quattro stagioni: Dunlop debutta con le Sport All Season