Bridgestone: 50 anni di attività a Bari

Lo stabilimento barese di Bridgestone festeggia 50 anni di attività e 14 mesi di attività lavorativa senza infortuni

16 maggio 2012 - 8:00

Il 50° compleanno dello stabilimento di Bari è stato festeggiato lo scorso 10 maggio da Bridgestone con un “porte aperte” che ha accolto oltre mille dipendenti e le loro famiglie nel comprensorio della fabbrica. Durante la giornata si è tenuta una cerimonia alla quale ha partecipato, oltre ai manager locali, anche Ryutaro Ishii, vice presidente della produzione dell'azienda nipponica. Sono stati premiati i dipendenti con la maggiore anzianità aziendale e, con l'occasione, si sono anche celebrati 14 mesi senza alcun incidente sul lavoro.

IL RISPETTO DELLE NORMATIVE DI SICUREZZA – Raúl Bluhn, il direttore generale dello stabilimento pugliese, ha sottolineato che “14 mesi senza infortuni, cioè 2,5 milioni di ore lavorate, rappresentano un record storico per il nostro stabilimento, che non avrebbe potuto essere conseguito senza l'incessante attenzione di tutti i dipendenti alle normative di sicurezza”.

MEZZO SECOLO DI STORIA – Lo stabilimento Bridgestone di Bari fu inaugurato il 16 giugno 1962 quando era di proprietà della Brema, un gruppo a partecipazione statale che non ha dato dato molto alla storia degli pneumatici in quanto, per qualche anno, semplicemente vendette quelli importati dall'americana Seiberling. All'epoca, la fabbrica aveva una capacità produttiva di 2.800 pneumatici al giorno e serviva i mercati dell'auto, dei mezzi agricoli e di quelli pesanti. Quattro anni dopo Firestone, un altro produttore di gomme poi unitosi a Bridgestone nel 1988, acquisì la maggioranza della azioni Brema in conseguenza dell'assorbimento della Seiberling e nello stesso anno iniziò a Bari la produzione di pneumatici radiali. Il primo pneumatico con marchio Bridgestone è uscito dalla fabbrica nel 1991. Due anni dopo è stata conseguita la certificazione ISO 9002 e nel 1994 lo stabilimento è passato al ciclo produttivo di di 7 giorni alla settimana. Nel 2002 è arrivata la certificazione ISO 14001 e nel 2003 quella ISO/TS 16949. Due anni fa è entrato in funzione il nuovo magazzino per le materie prime e l'anno scorso è stata conseguita la certificazione BMW. Oggi la cadenza produttiva, con una forza di circa un migliaio di dipendenti, è di 20mila pneumatici al giorno, destinati sia al mercato del primo equipaggiamento, sia all'aftermarket.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 24 ottobre 2020

DPCM 24 ottobre 2020: spostamenti ‘sconsigliati’ (ma non vietati). Testo PDF

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché