Bosch porta in pista anche le Università

Parte il progetto «Driving Campus» con Luiss e Bocconi nel rispetto della guida sicura ed ecocompatibile. L'importanza dei sistemi Esp (sicurezza) e Start/Stop messi a punto dalla ...

13 aprile 2010 - 16:57

Parte il progetto «Driving Campus» con Luiss e Bocconi nel rispetto della guida sicura ed ecocompatibile. L'importanza dei sistemi Esp (sicurezza) e Start/Stop messi a punto dalla multinazionale tedesca. Coinvolti i circuiti di Vallelunga e Balocco

Bosch, insieme a Fiat e Sava, è partner del progetto «Driving Campus» rivolto agli studenti delle università Luiss di Roma e Bocconi di Milano. Gli obiettivi principali dell'iniziativa sono quelli di coinvolgere e sensibilizzare i giovani ai temi legati alla sicurezza in auto e alla mobilità sostenibile. Da oggi, attraverso percorsi formativi fruibili online che riguarderanno aspetti teorici, normativi e comportamentali, gli studenti verranno direttamente a contatto con le tematiche legate all'ecologia e alla mobilità sostenibile, unite anche alle strategie aziendali svolte per incrementare la sicurezza stradale.

Al termine delle lezioni, attraverso un test di valutazione, i 250 studenti più meritevoli di ciascun ateneo potranno accedere a dei test drive presso l'autodromo di Vallelunga (Luiss) e il circuito di Balocco (Bocconi). I ragazzi avranno cosi modo di mettere in pratica quanto appreso, provando il sistema elettronico di stabilità (Esp) e il sistema Start/Stop, entrambi sviluppati da Bosch.

«Abbiamo aderito con entusiasmo a questo progetto – ha dichiarato Gabriele Allievi, direttore generale per il primo equipaggiamento Bosch Italia – perché per noi la sicurezza rappresenta uno dei temi principali nello sviluppo dell'auto del futuro. Tutti i risultati delle nostre ricerche giungono alla stessa conclusione: oltre il 90% di tutti gli incidenti sono causati da errori del guidatore. Il numero degli incidenti stradali può essere notevolmente ridotto equipaggiando le vetture con i sistemi di assistenza alla guida che supportano il conducente e attraverso progetti, come Driving Campus, che diffondano dettami e principi improntati alla guida sicura».

Il sistema di sicurezza attiva Esp aiuta il guidatore in quasi tutte le situazioni di guida critiche. Esp include le funzioni del sistema antibloccaggio Abs e quelle del sistema di controllo della trazione Asr. L'Esp individua l'inizio della sbandata del veicolo già nelle primissime fasi e lo contrasta rapidamente migliorando notevolmente la sicurezza di guida. Il 40% degli incidenti mortali in auto è causato dallo sbandamento delle vetture: l'Esp è in grado di prevenire l'80% degli incidenti causati dalla perdita di controllo. Per tale motivo, questa tecnologia è stata descritta dagli esperti come il contributo più significativo alla sicurezza in auto, dopo l'introduzione delle cinture di sicurezza.

Sul fronte legato all'ecologia, il sistema Start/Stop Bosch è la dimostrazione di cosa può fare la tecnologia per ridurre il consumo di carburante e allo stesso tempo le emissioni inquinanti. Il sistema funziona in maniera semplice quanto efficace: quando il veicolo si ferma e il conducente mette il cambio in folle, rilasciando la frizione, il motore si spegne. Per ripartire è sufficiente spingere la frizione e il motore si riavvia automaticamente. Questo si traduce in un abbattimento dei consumi di carburante e delle emissioni nocive, contribuendo significativamente alla salvaguardia dell'ambiente. Nel ciclo urbano, il risparmio ottenuto utilizzando il sistema Start/Stop può arrivare fino all'8%.

fonte – ilgiornale.it

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP