BMW: in arrivo un mega-richiamo mondiale

Un problema elettrico, banale ma potenzialmente pericoloso, costringerà la casa bavarese a un intervento di risanamento della durata di mezz'ora

29 marzo 2012 - 8:00

BMW ha annunciato una grande operazione di richiamo estesa a livello mondiale. Riguarderà oltre 1,3 milioni di vetture tra Serie 5 in versione berlina e familiare e Serie 6 coupé e cabriolet prodotte dal 2003 al 2010, delle quali circa 368mila sono state vendute negli Stati Uniti. La casa tedesca ha comunicato la sua intenzione di procedere al richiamo con una lettera inviata lo scorso 23 marzo alla sede dell'Nhtsa, l'ente americano che sovrintende alla sicurezza dei veicoli e delle strade, riportando la spiegazione tecnica dell'inconveniente.

DALLO STOP ALL'INCENDIO – Il difetto rilevato riguarda un banale problema elettrico. Il bullone che fissa il cavo elettrico a uno dei due poli della batteria, che sui modelli citati è collocata nel vano del bagagliaio, può svitarsi. Ciò può portare a un aumento della resistenza elettrica e nel surriscaldamento del cavo stesso. In determinati casi il motore può arrestarsi per mancanza di elettricità e in quelli più gravi il cavo surriscaldato può fondere la guaina d'isolamento. Se ciò accade, il calore intenso può anche comunicarsi al tappeto di moquette che ricopre il vano bagagli delle vetture. Insomma, oltre a provocare l'arresto improvviso dei veicoli, dal difetto potrebbe scaturire un disastroso incendio.

UN INTERVENTO MOLTO SEMPLICE – Thomas Plucinsky, un portavoce di BMW North America, ha dichiarato che la casa è a conoscenza di almeno un caso d'incendio avvenuto negli Stati Uniti, ma che in tutto il Paese non sono stati registrati incidenti, né vittime né feriti imputabili al difetto. Il problema, secondo Plucinsky, è risolvibile con un semplice intervento di risanamento della durata di circa mezz'ora. In pratica, è necessario controllare il serraggio del bullone, eventualmente ripristinarlo, ingrassare le connessioni e sostituire il coperchio del vano batteria. Tutti i proprietari di vetture dei modelli interessati verranno avvertiti della necessità di portare la macchina in un'officina autorizzata BMW per procedere all'intervento gratuito.

QUESTA VOLTA NIENTE MULTE – A giudicare dalle informazioni di cui disponiamo, BMW of America ha proceduto con estrema sollecitudine a comunicare all'Nhtsa l'esistenza del difetto e a spiegarne tutti i particolari. Questo può essere dovuto al fatto che circa nove mesi fa la casa tedesca era stata sanzionata per tre milioni di dollari proprio per non aver avvertito l'Ente nei tempi previsti in occasione di un precedente difetto scoperto sulle sue vetture. Questa volta, evidentemente, non ha voluto farsi cogliere in fallo.

PER IL MOMENTO NULLA SI SA DEI RICHIAMI EUROPEI – Nel momento in cui scriviamo il bollettino periodico dei richiami emesso dall'Nhtsa non ci è ancora pervenuto. Probabilmente la prossima edizione riporterà l'informazione con tutti i dettagli ufficiali e il numero esatto degli esemplari coinvolti. Tuttavia, proprio perché il richiamo riguarda un numero elevatissimo di vetture, la notizia ha fatto un po' di scalpore: probabilmente c'è stata qualche fuga di notizie e il tam-tam è dilagato sul web in un battibaleno. Ovviamente, nulla si sa ancora delle modalità del richiamo riguardanti gli esemplari BMW venduti in Europa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ASPI nuove colonnine di ricarica

ASPI: 400 nuove colonnine di ricarica da febbraio 2021

Tempi di guida e riposo degli autisti

Tempi di guida e riposo degli autisti di autobus extraurbani

Visione notturna: come funziona il sistema Night Vision Peugeot