BMW e Siemens alleati nella ricarica wireless

Alla Fiera di Hannover è stato esposto il prototipo di un sistema di ricarica wireless ideato dalla casa bavarese in collaborazione con Siemens. A breve avranno inizio i test

27 aprile 2011 - 9:25

La casa automobilistica e il gigante dell'elettronica tedeschi hanno presentato all'ultima Fiera di Hannover un nuovo sistema sperimentale di ricarica senza cavi per veicoli a batteria.

PRONTO PER I TEST – Il dispositivo, che sarà sottoposto a una fase di test a partire dal prossimo maggio, è composto da una bobina a terra, “annegata” sotto il manto stradale, e da un'altra collocata a bordo del veicolo a una distanza variabile dagli 8 ai 15 cm dalla prima, quindi sotto il pianale. Secondo i dati dichiarati, il potente campo magnetico generato dall'unità a terra, della potenza di 3,6 kW, è in grado di ricaricare la batteria di bordo con un'efficienza del 90%. Il ministero dell'Ambiente tedesco ha finanziato in parte l'iniziativa e il caricabatterie wireless verrà progressivamente installato su un parco veicoli abbastanza ampio da permettere una sperimentazione il più possibile “a prova d'errore”. Nel caso i test abbiano esito positivo, il sistema potrebbe divenire operativo nel giro di qualche anno.

CAMPO MAGNETICO SICURO – Le unità di ricarica di questo tipo non richiedono collegamenti fissi tra la stazione e il veicolo e la loro diffusione faciliterebbe molto l'operazione di “rifornimento” elettrico. Per esempio, sarebbero preziosi per i tassisti, che potrebbero ricaricare comodamente l'auto anche durante le soste brevi tra una corsa e l'altra. È importante sottolineare che il campo magnetico necessario alla ricarica è fortemente localizzato tra le due bobine e rispetta i limiti imposti a livello internazionale per salvaguardare la salute di chi si trova a bordo dell'auto o nelle immediate vicinanze, stabiliti in 6,25 microTesla.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno