Basta proposte senza provvedimenti: Assosegnaletica denuncia i ritardi al Senato sul provvedimento1720

Roma, 16 Aprile 2010 - ...

16 aprile 2010 - 21:03

Presentazione del saggio “Vite Sicure”- Viaggio tra strade e parole

Roma, 16 Aprile 2010 – <<La stampa segue e non anticipa: alle imprese il compito di sensibilizzare e accompagnare i giornalisti nel mondo della segnaletica>>. Questo l'invito del Presidente di Assosegnaletica, Paolo Cattorini, in occasione della presentazione del libro di Ilaria Guidantoni, “Vite sicure” alla Camera dei Deputati. <<Parto proprio dalla riflessione dell'autrice per lanciare un appello alla responsabilità all'informazione. In effetti la segnaletica ce l'abbiamo sempre sotto gli occhi e spesso la diamo per scontato>>.

La segnaletica langue anche nell'incertezza dei fondi per la manutenzione, mentre ritarda l'approvazione al Senato del disegno di legge 1720 per la revisione del Codice della Strada.

<<Si parla di sicurezza stradale, si fanno proposte per garantirla ma nessun risultato può essere raggiunto se non si mette a norma l'infrastruttura stradale>>: questa la denuncia che lancia Paolo Mazzoni, Responsabile Centro Studi per la sicurezza stradale Fondazione 3M rispondendo al Senatore Angelo Maria Cicolani, intervenuto al dibattito e relatore del Provvedimento in oggetto. <<Un'occasione mancata quella di Cicolani – continua Mazzoni – non aver ascoltato il punto di vista delle imprese. Non ci sono più fondi per segnaletica, barriere, asfalto perché i proventi delle multe sono stati spesso utilizzati per “spese correnti”.

L'Italia registra un ritardo spaventoso rispetto agli altri Paesi europei sulla sicurezza stradale: una perdita del 2% del Pil ogni anno alla quale occorre porre rimedio urgentemente>>.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe