Bambini come pacchi della spesa

Ecco un bambino stivato nel bagagliaio di una Smart

2 dicembre 2013 - 12:44

Guardate bene questa foto, osservate il lunotto posteriore della Smart, che cosa vedete nel cerchio rosso? No, non state sognando, quella piccola massa di capelli è attaccata alla testa di un bambino, che è stato stivato all'interno del bagagliaio della due posti tedesca. Al volante dell'auto si trova la madre che, probabilmente ha ritenuto più sicuro mettere il bimbo nel baule anziché sul sedile anteriore, dove non era installato alcun tipo di seggiolino. Inoltre, quello della Smart è un caso piuttosto particolare. Infatti, l'auto è predisposta per montare un solo tipo di seggiolino contromarcia, venduto nella linea accessori ufficiale e molto costoso. Questo seggiolino disattiva automaticamente l'airbag del passeggero. Molti proprietari, per risparmiare, fanno disattivare l'airbag in officina – scelta comunque sconsigliabile – e montano un seggiolino di altre marche. La mamma in questione non ha adottato nessuna delle due soluzioni.

TRASPORTI PERICOLOSI – Ovviamente il comportamento del genitore è assolutamente censurabile e pericolosissimo. Infatti, in caso di impatto il bambino non sarebbe trattenuto da nessun sistema di sicurezza e potrebbe impattare contro qualsiasi parte dell'auto, senza considerare le conseguenze di un tamponamento posteriore. Su SicurAUTO.it abbiamo parlato spessissimo di questo tema, realizzando anche un'indagine su scala nazionale e una guida completa all'uso del seggiolino. Ma purtroppo questi comportamenti sono all'ordine del giorno. Basta passare pochi minuti in una strada trafficata, di una grande città come di un paese, per vedere bambini trasportati in qualsiasi modo: in braccio sul sedile del passeggero, seduti sopra le gambe del guidatore, sui sedili anteriori senza cintura o su quelli posteriori, ma senza alcun seggiolino e lasciati liberi di muoversi all'interno dell'auto.

STATISTICHE IMPIETOSE – Peraltro, quando si tratta di fare un uso sbagliato dell'automobile non c'è differenza tra uomini e donne. Il risultato è il medesimo: troppi automobilisti usano l'auto in maniera inappropriata, spesso anche pericolosa. Ogni anno in Italia muoiono più di 4.000 persone in incidenti stradali e tra queste ci sono circa 80 bambini. In proporzione al numero di bambini presenti in Italia e alla scarsa frequenza con cui viaggiano in auto, sono cifre altissime. Specialmente perché stiamo parlando di decessi assolutamente evitabili. Infatti, gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per i bambini dai 5 ai 14 anni e farli viaggiare senza seggiolino aumenta il rischi di morte di ben 7 volte. Anche osservando il numero dei feriti, non c'è da stare allegri. Infatti, sono ben 11.000 i bambini fino a 14 anni che restano feriti, ogni anno, in un incidente stradale.

IL COMPORTAMENO CORRETTO – Eppure solo un terzo dei bambini italiani viaggia in modo sicuro, il tutto per colpa esclusiva delle famiglie. Il posto migliore per trasportare un bambino è quello posteriore centrale, ma solo nel caso in cui l'auto sia dotata anche in questo della cintura a tre punti. Diversamente il posto migliore è quello posteriore lato marciapiede. Molti genitori tuttavia preferiscono trasportare il bimbo accanto a sé sul sedile anteriore, una scelta permessa dall'articolo 172 del C.d.S, ma assolutamente non consigliata, nemmeno dalla motivazione di voler tenere sotto controllo il bebè durante il viaggio. 

1 commento

andrea
14:38, 2 dicembre 2013

ieri sera lungo la statale da VR a Peschiera si è verificato un banale tamponamento, che ha coinvolto una Smart: il conducente deve aver subito lesioni non…proporzionate all'entità della deformazione delle lamiere ed è stato prelevato dall'ambulanza. meglio viaggiare su auto con adeguate zone deformabili ant e post

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione sorpasso contromano

Cassazione: il sorpasso contromano comporta due infrazioni

Autobus a fuoco: l’80% si incendia a causa del motore

Monopattini elettrici a numero chiuso

Monopattini a Milano: troppi incidenti, arrivano gli steward