Auto senza assicurazione: controlli a tappeto della Stradale

Prima di Natale, sono state 167 le pattuglie Polstrada impiegate nelle verifiche: su 3.000 veicoli, il 6% è risultato non in regola

27 dicembre 2012 - 6:00

Ricordate l'allarme RCA di cui vi parlavamo qui? In Italia, circolano 4 milioni di veicoli sprovvisti di copertura assicurativa, di cui 2,8 milioni sono vetture. Sono più dell'8% del totale e il mancato incasso per le Compagnie sfiora i 2 miliardi di euro (statistiche fornite dall'Automobile Club d'Italia). E i recentissimi controlli della Polizia stradale (sotto Natale) confermano quei dati.

SETTE REGIONI – La maxi operazione della Stradale contro le assicurazioni false o mancanti ha coinvolto, il 20 dicembre, ben sette Regioni, ed è destinata a essere ripetuta su tutto il territorio nazionale. Una task force che ha dato luogo a controlli mirati nelle Province di Roma e Frosinone, Napoli e Caserta, Bari e Foggia, Cosenza e Crotone, Catania e Messina, Palermo e Caltanissetta, Padova e Verona. La circolazione di veicoli senza la prevista copertura assicurativa, infatti, si presenta come fenomeno che riguarda lo Stivale intero, in alcune circostanze accompagnato da attività illecita di rilevanza penale laddove la relativa documentazione è oggetto di alterazione o contraffazione. Insomma, non solo auto senza tagliandino e certificato, ma anche macchine con documenti farlocchi o clonati. In totale, sono state 167 le pattuglie impiegate. Al setaccio oltre 3.000 veicoli e, di questi, il 6% è risultato non in regola: 185 vetture erano prive di RCA, per sette i documenti erano falsi. Ora, per questi casi di contraffazione, è prevista la confisca del veicolo intestato al conducente, e nei confronti di chi ha falsificato i documenti assicurativi viene disposta la sospensione della patente per un anno.

ANTI PIRATERIA – I controlli della Polstrada sono utili anche per prevenire la pirateria stradale: parecchi casi nascondono mancate coperture assicurative dei veicoli, con il conducente che scappa da responsabilità patrimoniali a cui non riuscirebbe a far fronte (senza RCA, sarebbe obbligato a risarcire di tasca propria le vittime). Proprio al fine di ottimizzare i controlli su strada, l'Associazione nazionale Assicurazioni (Ania) ha fornito la propria collaborazione attraverso personale degli Uffici antifrode a cui gli operatori della Stradale potranno rivolgersi per gli approfondimenti che si rendessero necessari.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe