Auto: la sicurezza non é un optional

Si é svolta sabato mattina, presso la sede centrale ACI Roma, la conferenza sulla sicurezza delle auto. Assegnati i SicurAUTO Safebuy 2011

2 aprile 2012 - 17:12

Si é svolta ieri mattina, presso la sede centrale ACI Roma, l'attesa conferenza stampa “Auto: la sicurezza non é un optional”, durante la quale si sono dati appuntamento i principali rappresentati italiani ed europei della sicurezza dei veicoli. Durante l'evento sono stati assegnati i SicurAUTO Safebuy 2011, premio istituito da SicurAUTO.it e organizzato insieme all'Automobil Club d'Italia.

NUOVE PROSPETTIVE – All'evento, finalizzato a tracciare una nuova guideline comune per la sicurezza dell'industria automobilistica italiana, hanno partecipato oltre a SicurAUTO.it, i massimi rappresentanti di ACI e ACI Vallelunga, Euro NCAP, Remak e CSI. Il primo a prendere la parola è stato il padrone di casa, il neo-presidente ACI Angelo Sticchi Damiani, che ha sottolineato l'esistenza di tre anelli deboli nella sicurezza stradale: l'uomo, con le sue distrazioni ed imperfezioni; le decadenti infrastrutture stradali italiane, per le quali ACI si è sempre battuta; ed, infine, la sicurezza delle auto che, seppure in crescita, presenta ancora un largo margine di miglioramento in Italia. “La sicurezza è un elemento sempre più predominante nell'acquisto dell'auto perché le quattro ruote sono e devono restare un simbolo positivo, sintesi di divertimento e passione senza preoccupazioni. In quest'ottica l'ACI contribuisce allo sviluppo di veicoli più sicuri impegnandosi da tempo nel programma internazionale di crash-test Euro NCAP, all'interno del quale sediamo nel board dal 2011. Oggi ampliamo il nostro raggio d'azione cercando anche in questo campo nuove sinergie integrate con partner altamente innovativi, come ad esempio SicurAUTO.it”.

FATTORE UMANO – Anche Ruggero Campi, presidente di ACI Vallelunga, è intervenuto affermando che oggi serve un ampio dialogo tra i vari enti preposti alla sicurezza stradale, affinchè gli automobilisti possano essere formati ed informati al meglio. Questa è l'arma migliore per diffondere una maggiore consapevolezza dei rischi che si corrono a bordo di un'auto, ma soprattutto è importante che chi acquista un'auto abbia chiara la funzione che hanno le strumentazioni di bordo e sia adeguatamento formato sul loro utilizzo.

EURONCAP FA SQUADRA – La sicurezza delle auto è la mission di Euro NCAP, ha sottolineato la sua Communication Manager Marie Brasseur, che si è detta felice di questa nuova join venture italiana. L'occasione è stata anche utile per comunicare le novità in arrivo dal 2013: “Nel 2009 Euro NCAP ha introdotto un nuovo schema di valutazione che riunisce le aree chiave della sicurezza automobilistica in un'unica graduatoria che assegna le ‘stelle' – ha dichiarato Marie Brasseur. Dal 2013, dopo aver contribuito alla sempre maggiore diffusione dell'ESC, Euro NCAP valuterà anche la presenza a bordo di ulteriori tecnologie salva-vita, come essenziale elemento di sicurezza per tutti i veicoli del prossimo futuro, e utilizzerà manichini di diverse taglie per riprodurre gli utenti più vulnerabili con punteggi più severi per la sicurezza dei pedoni e dei bambini. Infine, dal 2013, sarà introdotta una nuova prova di crash test frontale con overlap al 100%”.

IL LABORATORIO ITALIANO CSI – A questo proposito è stata centrale la presenza della CSI, nella persona di Fausto Mozzarelli, un centro italiano di certificazione e analisi, che coadiuva Euro NCAP nell'effettuazione dei crash test e negli studi sulla sicurezza. L'ing. Mozzarelli ha spiegato quali sono le strumentazioni messe in campo dal CSI per il monitoraggio e lo sviluppo della sicurezza degli autoveicoli, nonchè il futuro ampliamento dei servizi messi a disposizione dei clienti. Il centro, infatti, si sta accreditanto per l'effettuazione dei crash test sul rischio da colpo di frusta e sull'efficacia dell'ESC.

LA SICUREZZA NON E' UN OPTIONAL – A chiusura della conferenza, l'intervento del direttore editoriale di SicurAUTO.it, Claudio Cangialosi che ha dichiarato: “per SicurAUTO la sicurezza stradale è sempre stata una priorità, oggi poter contribuire con questo premio al miglioramento delle auto italiane è un grande onore per noi. La sicurezza non deve essere un optional, tutte le auto dovrebbero offrire il massimo in termini di sicurezza sin dal modello base. Ecco perché noi valutiamo solo le versioni più economiche. Questo è appena l'inizio di un progetto più ampio che, grazie alla partnership con ACI, ACI Vallelunga e Remak, puntiamo a rendere nel tempo sempre più completo e partecipato”. Appuntamento al prossimo evento, organizzato nella scuola di Guida Sicura ACI di Vallelunga con i clienti delle auto vincitrici che riceveranno alcuni corsi gratuiti.

Per maggiori informazioni sui corsi di guida sicura cliccate qui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più