Questo sito contribuisce alla audience de

Auto elettriche: con il freddo l’autonomia cala del 41%

Una ricerca di dimostra che a -6 gradi centigradi l'autonomia delle batterie delle auto elettriche cala del 41%

Auto elettriche: con il freddo l’autonomia cala del 41%
Uno studio mette in guardia sul cattivo rapporto tra freddo ed auto elettriche. Le batterie delle auto soffrono molto il freddo invernale motivo per cui la carica rischia di svanire in un attimo. Nel dettaglio la ricerca mette in luce come le batterie lavorino meglio tra i 5 ed i 46 gradi centigradi. Sotto zero gli accumulatori vengono sottoposti ad un notevole shock termino che ne determina il crollo della durata. Il risultato è eclatante con le auto che a -6 gradi arrivano veder svanito il 41% della loro autonomia. Insomma una problematica nota alle case auto che stanno correndo ai ripari con test specifici in condizioni climatiche estreme per isolare al meglio le batterie dall'esterno. Ma non tutto è perduto, i conducenti possono usare una serie di attenzioni per evitare di vedere la ricarica esaurirsi in fretta, vediamo quali.

ELETTRICHE E GELO

Il troppo caldo ed il troppo freddo fanno male alle auto elettriche. In particolare i climi temperati sono quelli che vedono le batterie delle elettriche funzionare al meglio. Lo studio condotto da AAA conferma questo assunto e mette in luce evidenti criticità quando la temperatura scende. Utilizzando cinque auto campione, ciascuna di un produttore diverso e con un raggio d'azione minimo di 185 km ne sono state verificate le prestazioni a tre temperature diverse: - 6 gradi sotto zero, 23°C e 35°C. I risultati ottenuti difficilmente sorprenderanno i molti e spesso frustrati possessori di EV. Lo studio mostra con assoluta evidenza che le batterie delle auto elettriche perdono il 41% della loro autonomia potenziale a riscaldamento acceso quando la temperatura esterna è di -6°C. Insomma le batterie delle auto elettriche fanno del loro meglio a temperature comprese tra 5°C e 46°C (Leggi la ricarica su strada costa meno del pieno).

CARICA A PICCO

In media le auto del test hanno perso 12% del loro range, rispetto alla temperatura di base di 23°C, mentre hanno riportato un calo di autonomia minimo, -4%, nello scenario più caldo a 35 gradi centigradi. Accendere il riscaldamento o l'aria condizionata ha influenzato di molti i risultati. Questo ha portato, alla temperatura esterna di -6°C, un calo di batteria pari al 41%, mentre al caldo, e sempre l'aria condizionata accesa, hanno perso il 17%. Di conseguenza, le auto elettriche consumano maggiore energia al freddo che a temperature moderate. Ciò nonostante, i costi energetici medi di un'auto elettrica sono ancora inferiori della metà rispetto a quelli delle auto a benzina. Ad onor del vero va detto che essi dipendono anche dai costi locali dell'elettricità e della benzina (Leggi Volkswagen Passat ecco la ibrida IQ drive).

CONSIGLI UTILI

I conducenti però possono fare la differenza; il report fornisce una serie di consigli su come ottimizzare la carica nei mesi invernali. Nei fatti si consiglia di preriscaldare la propria auto elettrica durante la ricarica. Altra soluzione è tenere l'auto al riparo in garage per evitarle sbalzi termici che potrebbero intervenire tra il giorno e la notte. Si tratta di una problematica nota nel settore dell'auto a cui gli ingegneri stanno cercando rimedio. Tra questi spiccano materiali alternativi per alimentare le celle, molte auto elettriche sono anche dotate di un sistema di raffreddamento/riscaldamento a liquido del proprio pacco batterie.

Pubblicato in Auto elettriche il 07 Febbraio 2019 | Autore: Redazione


Commenti


Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri