Dal 1° gennaio aumentano anche i pedaggi

Ci mancava solo questa: autostrade più care dal 1° gennaio 2012. Ennesima batosta

30 dicembre 2011 - 19:58

Sono stati firmati i Decreti di concerto dei ministri dell'Economia e Finanze e dello Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti, sulla base dell'istruttoria condotta dall'Anas, l'ente che gestisce strade e autostrade d'interesse nazionale. Così, dopo tutti i rincari dei carburanti, il superbollo, l'Iva al 21%, l'Ipt più pesante, ecco un'altra stangata per chi ha un'auto.

TUTTO OK – Dopo aver effettuato i relativi controlli e verifiche, l'Anas ha proposto la misura degli adeguamenti delle tariffe autostradali applicabili dal prossimo anno, in attuazione dei vigenti atti convenzionali stipulati con le Società concessionarie. Sono “contratti” che legano lo Stato (proprietario delle autostrade) ai gestori. Quasi tutti hanno rispettato gli impegni assunti, come gli investimenti realizzati e le attività di manutenzione effettuate sulla rete. Ma è stata adeguatamente considerata la riduzione della mortalità in autostrade?

I RINCARI –  Ecco l'elenco. Occhio: non tutti i gestori hanno mantenuto gli impegni. Risultato, niente aumenti. Addirittura, c'è qualche segno meno. Asti – Cuneo S.p.A. 0,00%; Ativa S.p.A. 6,66%; Autostrade per l'Italia S.p.A. 3,51%; Autostrada del Brennero S.p.A. 1,22%; Autovie Venete S.p.A. 12,93%; Brescia-Padova S.p.A. 7,45%; Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%; CAV S.p.A. (A4 Venezia Padova, Tang. Ovest di Mestre e Racc. con aeroporto Marco Polo -1,00%; Passante di Mestre -1,18%); Centro Padane S.p.A. 5,62%; Autocamionale della Cisa S.p.A. 8,17%; Autostrada dei Fiori S.p.A. 5,22%; Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 1,85%; Tangenziale di Napoli S.p.A. 3,49%; RAV S.p.A. 14,17%; SALT S.p.A. 5,68%; SAT S.p.A. 4,82%; Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. 0,31%; SATAP Tronco A4 S.p.A. (Novara Est – Milano 6,80%; Torino – Novara Est 6,32%); SATAP Tronco A21 S.p.A. 9,70%; SAV S.p.A. 11,75%; SITAF S.p.A. (Barriera di Bruere 4,15%; Barriera di Avigliana 5,62%; Barriera di Salbertrand 5,12%); Torino – Savona S.p.A. 1,47%; Strada dei Parchi S.p.A. 8,06%.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto usate: gli italiani preferiscono ancora le diesel

Pneumatici nuovi: emettono idrocarburi per 3.000 km

Incidenti stradali in Europa: 6 mila bambini, le vittime in 10 anni