Audi spicca il volo: accordo con la Germania per testare gli Aereo-taxi

La Germania e Audi insieme nel progetto Urban Air Mobility: la città di Ingolstadt farà da sfondo ai test per auto volanti e Aereo-taxi

Audi spicca il volo: accordo con la Germania per testare gli Aereo-taxi
Che la mobilità stia cambiando è un dato di fatto, ma quella che vogliono proporre in Germania in accordo con Audi sembra una vera e propria rivoluzione. Nei pressi della città di Ingolstadt, patria di Audi, sarà allestita una zona per sperimentare le auto volanti, o meglio, gli Aereo-taxi che rientrano nel progetto Urban Air Mobility sostenuto dall'Unione Europea. Ovviamente è solo una fase sperimentale, ma rappresenta il primo passo di una mobilità definita 3D che potrebbe abbattere il problema del traffico nei piccoli centri urbani.

QUATTRO...ELICHE 

L'accordo è stato appena ufficializzato con la firma del CEO ad interim di Audi Bram Schot e del ministro federale dei trasporti tedesco Andreas Scheuer; un impegno che sottolinea l'impegno della Casa tedesca pochi giorni dopo i recenti fatti che hanno rovinato l'immagine del Marchio (sapevi che anche Audi è coinvolta nel dieselgate?). Potremmo anche pensare ad una strategia per recuperare la fiducia dei consumatori, fatto sta che la Casa dei Quattro Anelli è seriamente intenzionata a puntare sullo sviluppo delle "Quattro eliche". All'interno del progetto saranno presenti anche Italdesign e Airbus, ed infatti le operazioni di collaudo saranno effettuate utilizzando il veicolo Pop.Up Next mostrato allo scorso Salone di Ginevra (guarda i modelli più innovativi della kermesse Svizzera).

L'AUTO VOLANTE 

Concepito principalmente sulla teoria che vede l'auto del domani come un oggetto di utilizzo più che di possesso, il progetto di Urban Air Mobility si inserisce nell'iniziativa dell'Unione Europea che vuole l'affermazione delle Smart Cities (parcheggeremo grazie ai lampioni?). Ma da città intelligenti a auto che volano il passo è tutt'altro che breve, Audi con la sua associata Italdesign e Airbus era già a lavoro per raggiungere un obiettivo del genere ed ora potrà contare anche sul supporto del Governo tedesco e dell'UE. Il Pop.Up Next farà da "cavia", è un piccolo veicolo terrestre a due posti completamente elettrico ed autonomo, che rientra perfettamente in quella visione di un'auto pensata per accomodare l'uomo; in altre parole si tratta di un salottino mobile e soprattutto capace di volare per 130 km grazie ad una piattaforma  modulare con due motori elettrici da 60kWh complessivi.

LA MOBILITÀ 3D 

Certo bisogna andarci piano, tanto è vero che non sono state ancora rese note né le date di inizio test né tempistiche precise, ma gli esperimenti di Ingolstadt danno il via ad una nuova figura di trasporto. La terza dimensione è ovviamente il cielo e secondo Audi: "In un futuro lontano - aggiungeremmo molto - concetti come Pop.Up Next serviranno a trasportare le persone velocemente e comodamente sia sulle strade che in volo nelle grandi città, risolvendo così i problemi di traffico". Probabilmente dire "grandi" città è un'esagerazione (anche se in molti vorrebbero andare in ufficio), provate ad immaginare una capitale come Roma "coperta" da un tappeto di macchine volanti: non sembra una prospettiva così sicura. Ma ridimensionandola, magari a realtà di piccoli centri urbani, l'idea suona fattibile, peccato però che dovremo aspettare diversi anni per scoprirlo.

Pubblicato in Attualità il 22 Giugno 2018 | Autore: Redazione


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri