Semaforo rosso per il ministro Tremonti: sacrifici necessari, ma non per le auto blu

Il ministro Tremonti vara una manovra da 25 miliardi e dichiara "irriducibile" la spesa del governo. Ma gli onorevoli continuano a girare con macchinone blu dalla cilindrata stratosferica

2 luglio 2010 - 10:00

Nei giorni scorsi tivù e giornali non ci hanno risparmiato notizie e approfondimenti sul Decreto Legge n° 78, cioè sulla manovra finanziaria 2010 che nel biennio 2011-2012 dovrebbe portare nelle casse dello Stato circa 25 miliardi di euro, di cui solo 7 ottenibili dal taglio della spesa pubblica.

Un tigì serale del 23 giugno ha ripreso una dichiarazione del ministro Giulio Tremonti, il padre del decreto, che in merito al provvedimento ha sostenuto che “la spesa del governo centrale non è riducibile dal momento che è stata già oggetto di tagli negli anni passati. Un taglio ulteriore non è sostenibile”.

Insomma, il ministro voleva evidentemente giustificare agli occhi degli italiani (che sopporteranno la maggior parte dei sacrifici) una manovra da molti ritenuta poco equa. Contemporaneamente alle dichiarazioni di Tremonti, però (quando si dice il caso!) sui teleschermi è apparso un filmato in cui il suo collega alla Difesa, on. Ignazio La Russa, scendeva di fronte a Montecitorio da una fiammante Audi A8 blu ministeriale. Sulla coda della vettura le telecamere hanno ripreso la scritta “4.2” che, come tutti sanno, identifica la cilindrata. Insomma, la berlinona tedesca era dotata del V8 Audi di 4,2 litri a benzina da 257 kW-350 CV.

Chissà se il ministro Tremonti è a conoscenza del fatto che nella gamma Audi A8, oltre alla “4.2” da 88.700 euro, c'è anche la più modesta (si fa per dire) e meno assetata “3.2” da 191 kW-260 CV, che oggi è a listino a 76.300 euro, e addirittura una versione per “indigenti”, la “2.8” da 70.100 euro.

Anzi, a pensarci bene i nostri onorevoli, pur restando in casa Audi, con un piccolo sforzo forse si potrebbero anche accontentare della A6, una più che rispettabile “utilitaria” che costa assai meno della A8 e offre prestazioni non proprio disprezzabili.

Qualcuno potrebbe obiettare che, per le auto blu, quella dei motori di cilindrata gigantesca è una scelta dettata dalla necessità di acquistarle in versione blindata, cosa che ne aumenta di molto il peso riducendone le prestazioni. Sbagliato: Audi offre la A8 in versione “Security” solo con il motore “6.0” a 12 cilindri a W, quindi la “4.2” del filmato era un'auto normale, senza blindatura.

In altre parole, l'esigenza di acquistare, per il parco auto ministeriale, macchinone con propulsori da carro armato non sembra motivata dalla necessità di proteggere gli illustri occupanti, ma è semplicemente un monumento allo spreco di Stato. Proprio quello spreco che non si possono più permettere moltissimi italiani ai quali oggi vengono richiesti sacrifici e che già da tempo acquistano auto meno opulente che in passato.

Domanda: e se il ministro Tremonti, prima di avventurarsi in dichiarazioni incaute sull'irriducibilità della spesa pubblica, provasse a incentivare il “downsizing” e il “low cost” automobilistici anche nei garage del potere?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP

Incidenti con animali selvatici in Lombardia

Incidenti con animali selvatici in Lombardia: come chiedere il rimborso