Noleggio auto: Sicily by Car maxi-multa Antitrust. Statene alla larga!

L'azienda di autonoleggio Sicily by Car addebitava sulla carta di credito danni non contestati al cliente, per lei 500.000 euro di multa

2 dicembre 2014 - 17:20

La società di autonoleggio Sicily by Car – Autoeuropa è stata sanzionata dall'Autorità Garante per la Concorrenza e del Mercato per aver addebitato negli ultimi anni importanti somme sulle carte di credito dei clienti per danni lievi o medi accertati molto tempo dopo la riconsegna dell'auto e in assenza del cliente. Il costo della riparazione dell'auto, sottratto alla somma bloccata come garanzia sulla carta di credito del cliente, sarebbe risultato quasi sempre gonfiato e calcolato a mezzo di un software dalla società A&C Broker cui Sicily by Car è legata. Nella stragrande maggioranza dei casi l'Antitrust ha accertato che dopo aver incassato i soldi per danni modesti, come retrovisori e/o cerchi graffiati, le auto non venivano neppure riparate realmente. Come i tanti consumatori che hanno segnalato la vicenda, anche SicurAUTO.it, dopo aver usufruito del servizio di Sicily by Car, ha dovuto far i conti ben due volte con un addebiti ingiustificati per danni non procurati ai veicoli noleggiati. Solo grazie alla nostra caparbietà di consumatori informati siamo riusciti ad ottenere il rimborso delle somme addebitate sulla carta, ma cosa sarebbe successo ad un consumatore meno informato e determinato? Pertanto, anche alla luce della recente maxi-multa dell'Antitrust vi consigliamo di stare assolutamente alla larga dalla Sicily by Car e della Auto Europa!

SENZA POLIZZE AGGIUNTIVE IL RISCHIO AUMENTA – Con il procedimento istruttorio PS8942 l'Antitrust ha dato seguito alle segnalazioni di numerosi consumatori e dello Sportello Europeo dei Consumatori di Trento avvenute tra il 7 giugno 2012 e il 19 novembre 2013 sul comportamento reiterato della società di autonoleggio Sicily by Car (SbC). Al termine del noleggio di un'autovettura, prenotata anche tramite i siti internet della società SbC, http://www.sbc.it e http://www.autoeuropa.it, i clienti si sono visti quantificare e addebitare somme significative per danni lievi o medi riscontrati sull'autovettura senza l'autorizzazione del cliente stesso. In pratica, molti dei clienti che non sottoscrivevano le polizze aggiuntive “Car Protection Plus” o “Pai Plus”, si sono visti recapitare a casa il preavviso di addebito sulla loro carta di credito, avendo dato disponibilità (preautorizzazione all'addebito – clausola “Delayed Charged”), come da condizioni di contratto, a una somma di garanzia (non superiore a 960 euro) in caso di danneggiamento dell'auto.

LA FRETTA DEI CLIENTI ALLA RICONSEGNA – Il problema è che molti clienti erano convinti di aver consegnato l'auto nelle stesse condizioni in cui l'avevano ricevuta (priva di presunti danni provocati durante l'uso) ma non potevano dimostrarlo per non aver assistito alla verifica, al ritiro o alla riconsegna dell'auto. Inoltre, nei casi di riconsegna del veicolo noleggiato oltre l'orario di ufficio non è possibile verificare la presenza di eventuali danni al veicolo e il cliente finisce per assumersi la responsabilità dei danni che l'agenzia accerterebbe solo il giorno seguente. Una situazione che, secondo l'Antitrust, ha permesso alla società SbC di incrementare significativamente le sue entrate a spese di alcuni consumatori, pochissimi dei quali poi hanno ritenuto conveniente intraprendere azioni giudiziarie.

IMPIEGATI SBC POCO ATTENTI – Dal procedimento istruttorio dell'Autorità sono emersi elementi che dimostrano la negligenza degli operatori della stazione di noleggio proprio in merito alla compilazione del verbale di riconsegna dell'auto e all'accertamento dei danni. Pare che la Direzione di SbC abbia inviato diverse email al personale delle stazioni per problematiche interne agli uffici operativi. L'Autorità rende noto che la società SbC avesse riscontrato nel tempo 1) assoluto mancato controllo della vettura al momento del check in (in alcune stazioni); 2) la mancanza di foto esaurienti in modo che l'ufficio sinistri potesse valutare bene l'entità del danno, in particolare riferimento alla foto della targa; 3) rientri fuori orario d'ufficio; 4) il mancato accurato controllo delle vetture alla consegna – check out. In molti casi il danno veniva addirittura aggiunto sul verbale di consegna (check in) senza prima averlo contestato al cliente, ma solo quando lo stesso si era già allontanato. Il rischio frequente era addebitare le spese di riparazioni per danni provocati in occasione di noleggi precedenti (non sono prontamente rilevati) al cliente sbagliato.  L'Antitrust avrebbe contestato alla società SbC anche la modalità di quantificazione del danno, affidata a un soggetto non terzo (A&C Broker) e per mezzo di una perizia esclusivamente virtuale.

L'ADDEBITO E' CALCOLATO SULLE FOTO DELL'AUTO – Le spese addebitate sulle carte di credito dei clienti, alle quali quasi mai è seguito il ripristino effettivo del veicolo tranne in casi di danni gravi, sarebbero state stimate da periti incaricati della società A&C Broker, che gestisce le pratiche di sinistro attive e passive di SbC, realizzando dal servizio un fatturato pari all'80%. I rapporti economici e personali tra le due aziende (l'amministratore unico della società A&C Broker S.r.l. è coniuge del presidente di Sicily by Car e anche membro del consiglio di amministrazione di SbC) conferma, secondo l'Autorità, la partecipazione e l'interferenza svolta da Sicily by Car nell'attività peritale affidata ad A&C Broker. Inoltre, il preventivo di riparazione addebitato poi sulla carta dei clienti veniva elaborato utilizzando un software (e non sulla base delle fatture delle riparazioni) che prende a riferimento valori dei pezzi di ricambio e della manodopera elevati, tratti dai listini delle case produttrici.

“QUEL DANNO NON L'HO FATTO” – I dettagli di una delle segnalazioni ricevute provengono da un consumatore, il quale sostiene di aver restituito l'auto, al termine del noleggio in data 9 marzo 2013, nelle stesse identiche condizioni in cui si trovava al momento del prelevamento. Il controllo delle condizioni dell'autovettura, in contradditorio con il personale di stazione, gli sarebbe stato inoltre impedito dallo stesso personale il quale, al termine della suddetta verifica, ha rilevato la presenza di una scheggiatura sul parabrezza. Al consumatore è stata successivamente addebitata, senza autorizzazione da parte dello stesso, una somma di 643,23 euro per la sostituzione dell'intero parabrezza. Un prezzo eccessivo per l'Autorità anche di particolari convenzioni (457 euro) che le società di autonoleggio, tra cui anche Sicily by Car, hanno normalmente con le officine di riparazione dei cristalli. E infatti l'esame delle numerose fatture fornite dalla stessa società e relative allo stesso identico tipo di intervento mostrano come l'importo pagato da Sicily by Car sia stato generalmente ancora inferiore e pari a circa 400 euro nel 2012 e circa 300 euro nel 2013 (nello specifico anche a noi la Sicily by Car aveva provato ad addebitarci delle scheggiature sul parabrezza, solo che l'auto ci era stata consegnata sporca e quindi sarebbe stato impossibile accorgersi delle precedenti scheggiature… anche per evitare ulteriori problemi vi consigliamo di leggere la nostra Guida al noleggio auto con tutto quello che serve sapere).

LA RISPOSTA DI SICILY BY CAR – La società di autonoleggio ha respinto ogni accusa replicando punto per punto alle motivazioni del procedimento istruttorio dell'Antitrust. SbC sostiene che, “in base alle condizioni generali di contratto il cliente ha facoltà di proporre reclamo scritto per far valere ogni eventuale contestazione relativa all'operato del locatore”, a patto però che il cliente riconosca una mancanza nell'operato dell'agenzia. SbC ritiene che la procedura di addebito ai clienti, sia assolutamente legittima, in quanto il cliente, debitamente informato, sottoscrive la clausola “Delayed Charge” che autorizza espressamente la società a rivalersi sulla disponibilità del cliente in caso di danni. Inoltre – secondo Sicily by Car – il cliente può opporsi all'addebito dimostrando la preesistenza dei danni e in tal caso Sicily by Car provvede all'immediato rimborso degli addebiti. Il problema è che il costo delle riparazioni più frequenti vengono stimate entro i 960 euro del deposito cauzionale e molti ritengono più conveniente cedere all'addebito per (presunto) danneggiamento piuttosto che opporsi ricorrendo a un avvocato pur non avendo certezza delle responsabilità. Lo dimostra il fatto che solo nel 2013 su 400 mila noleggi sono state aperte 30 mila pratiche di risarcimento danni e 10 mila si sarebbero concretizzate in addebiti ai clienti. Di queste, le azioni giudiziarie intraprese contro la società per l'addebito delle riparazioni sono state non più di 20. Riguardo alla mancata riparazione delle auto per le quali la società ha incassato il costo dell'intervento, Sicily by Car ha spiegato che tenere ferma l'auto fa perdere profitti, salvo però garantire la sicurezza, l'efficienza e il buono stato estetico dei veicoli. “SbC non sarebbe sempre in condizioni di far eseguire in breve tempo la riparazione del danno, soprattutto nel caso di danno che non comprometta l'integrità e la funzionalità del veicolo e che venga causato in periodi di alta stagione”.

500 MILA EURO DI MULTA – Sulla stima del danno (certo o presunto) è intervenuto anche lo Sportello Europeo dei Consumatori, da cui erano partite diverse segnalazioni. “Ciò che deve essere fornito a prova dell'ammontare del danno non è tanto la foto del danno, ma i costi sostenuti dal noleggiatore per porvi rimedio (materiali, manodopera) il che giustificherebbe l'ammontare dal punto di vista economico (perdita) e la conseguente richiesta di risarcimento al cliente.” Inoltre l'Autorità ritiene che la stima dei danni debba essere fatta da un soggetto indipendente da Sicily by Car, come invece non avviene, poiché la società A&C Broker è legata a Sicily by Car da vincoli economici e di parentela. Questa pratica, secondo l'Antitrust, “non mira a proteggere il valore dell'autovettura, ma a trarre indebitamente profitto da un anello debole del rapporto fra professionista e consumatore, con rilevante danno per questi ultimi”. L'accertata pratica commerciale appare alle risultanze del procedimento non conforme al livello di diligenza professionale in violazione degli artt. 20, 21 comma 1, lettera b), d), e), dell'art. 22, comma 4, lettera d) e degli artt. 24 e 25 del Codice del Consumo. Con provvedimento n. 25118  è stata determinata una sanzione amministrativa pecuniaria di 450 mila euro alla società di autonoleggio Sicily by Car S.p.a e di 50 mila euro alla società A&C Broker S.r.l..

Approfondisci su: Guida al noleggio auto con tutto quello che serve sapere prima di noleggiare un auto

11 commenti

giuseppe
22:58, 8 marzo 2018

Sono appena stato raggirato dalla sicily by car. Al momento della riconsegna mi è stato addebitato un graffio alla gomma anteriore sinistra che non ricordo assolutamente di aver fatto. Ho persocrso solo autostrade e non ho mai pargheggiato accanto a marciapiedi quindi sono più che sicuro di non aver fatto io il danno. Domani mattina andrò a denunciare ai carabinieri

Mauro
16:41, 29 marzo 2016

Dopo 5 mesi ho ricevuto un addebito su carta di credito per ? 50 da questi “Signori” che secondo loro sono i costi sostenuti per “volturare una multa”; in buona sostanza si tratta di comunicare ai vigili di Sant'Antioco chi aveva noleggiato l'auto. Quando sappiamo bene che una occhiata al terminale è stata sufficiente , in sostanza una banale multa per divieto di sosta me la ritrovo raddoppiata per l'appropriazione di questi personaggi.
Consiglio: anche se la trovate la più conveniente nei siti di comparazione costi, EVITATELA QANTO PIU' POSSIBILE!!! Prima di mettere in mano la carta di credito a costoro pensateci e ripensateci.

Patrizio
14:59, 25 maggio 2016

Eccoci qui nuova tentata truffa!!! Ho bloccato in tempo la carta di credito!!!! Io napoletano Doc!!!! La mia donna madrilena in viaggio per Positano, ,,,,dopo 4 mesi , mi arriva sul movimento conto 61? di multa!!!! Come??? A me no!!!! Una cosa, perché sempre 61? ????

Anna
16:19, 29 maggio 2016

EVITATELA!!!
Sconsiglio vivamente di avvalersi di questa compagnia di autonoleggio per evitare di pagare danni non effettuati!! Al ritiro dell'autovettura nessuno è presente nel parcheggio, mentre alla riconsegna si presentano 3 addetti di cui uno per prima cosa, si corica a terra quasi come sapesse già cosa cercare, rilevando un graffio in una zona del paraurti poco visibile attribuendo a noi la colpa e immediatamente addebitando l'importo sulla carta di credito. Gioca a loro favore il poco tempo a disposizione per non perdere il volo.

Vitaliano
12:24, 2 luglio 2016

Io si può dire che sono cliente fisso. Premetto che ho sempre sottoscritto le loro assicurazioni aggiuntive proprio per evitare questi problemi che altri utenti segnalano. Devo dire che 2 volte ho avuto dei problemi alla riconsegna con il loro modo di fare. Una volta ad Alghero nel 2013 e la settimana scorsa a Trapani alla riconsegna. Forse sarà solo una mia impressione ma ho notato che quando si consegna l'auto alla fine alcuni operatori e non dico tutti pare vogliano trovare per forza qualche danno e ti incolpano senza sentire ragione. A quel punto io sottolineo sempre di aver stipulato le loro assicurazioni e giustamente finisce tutto bene senza addebiti. Beh allora che dire? Queste assicurazioni extra sembrano quasi la salvezza per evitare situazioni spiacevoli e discussioni. Ad ogni modo la mia non vuole essere una polemica bensì una riflessione dato che comunque con loro mi sono sempre trovato la maggior parte delle volte molto bene.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidenti con animali selvatici in Lombardia

Incidenti con animali selvatici in Lombardia: come chiedere il rimborso

Car sharing Popgo: come funziona l’auto a noleggio condivisa tra privati

I 12 maggiori Costruttori di auto diesel Euro 5 e 6 in Europa