Massimo Nordio: per l'auto occorre il pay per view stile Tv

Il CEO di VW spazia a 360º: dal recente lancio della VW Golf7 all'attuale crisi del mercato auto, dal rinnovamento Seat al Motor Show di Bologna

26 novembre 2012 - 9:55

“Sono nato in Piemonte, a Chivasso, ma ho sempre vissuto a Roma dove mi sono laureato in Economia e Commercio”. A parlare è Massimo Nordio, 53 anni, uno dei manager dell'auto più in vista. Da luglio di quest'anno, è il CEO di Volkswagen Group Italia, la prima azienda veronese per volumi di affari (ha chiuso in crescita il 2011 con un fatturato di oltre 5 miliardi di euro ed un utile netto di 38,27 milioni, ottenuti con un migliaio di dipendenti). Dovrà gestire cinque marchi: Volkswagen, Audi, Skoda, Seat e veicoli commerciali. In questo Gruppo, Nordio era entrato nel 2009. Interessante il suo curriculum con esperienze professionali maturate come Direttore P.R., Direttore Marketing e come Direttore Vendite in Ford Italia, dal 1990 al 1997, anno in cui si è trasferito alla Toyota Motor Italia, dove ha ricoperto l'incarico di Amministratore Delegato. Nell'aprile del 2008 è passato alla Toyota Motor Europe a Bruxelles come Vice Presidente con la responsabilità per l'Europa per il Post-Vendita, Logistica Ricambi e la Soddisfazione del Cliente.

In occasione del recente lancio della VW Golf7, in Costa Smeralda, Nordio ha illustrato il nuovo ruolo che avrà l'ultimo modello tedesco:
“La nostra sfida alle premium nel segmento C, con la concorrenza agguerrita di Bmw Serie 1, Mercedes Classe A e Audi A3, la giocheremo con la qualità e con l'eccellente silenziosità della nostra vettura. Noi vogliamo venire incontro alle esigenze del consumatore che potrà contare su un alto valore residuo nel tempo. Due le iniziative che offriamo: il GolfGrade, che consente al cliente di acquistare versioni superiori a quelle d'ingresso, che ha un prezzo di 17.800 euro, pagando a rate sino ad un massimo di 5.000 euro con tasso zero e senza costi, versando 100 o 200 euro al mese. Ed ancora il Golf Value, pacchetto assicurativo furto-incendio, che permette, in caso di danno totale, di riavere una Golf nuova dopo 1, 2 o 3 anni”.

Formule innovative che mandano in pensione i soliti incentivi?
“Oggi i clienti sono più informati, ma posso loro assicurare che la Golf è un ottimo investimento a livello di prodotto e di servizi annessi”.

Il mercato italiano piange e si chiuderà l'anno con 1,4 milioni di vendite, forse anche meno, perchè questa preoccupante flessione?
“L'auto è troppo penalizzata da tasse, benzina, assicurazione, pedaggi autostradali e costi di gestione altissimi. Va poi sottolineato che, nel nostro Paese, per la prima volta siamo in una fase di demotorizzazione anche se ritengo che la stabilità del mercato arriverà nel 2013 e durerà almeno per tre anni. Il nostro è un mercato di sostituzione dove per la prima volta si è ridotto il parco circolante. Si avverte un disamore verso l'auto da parte dei giovani, sempre più attratti da voli low cost, dal treno veloce, dai social network, skype e smartphone. Giovani generazioni che sono più interessate all'utilizzo che alla proprietà del mezzo. Tutto ciò è l'esatto contrario del sistema d'acquisto di un automobile e per questo motivo anche nel nostro settore si deve ricorrere in fretta al “pay per view” stile tv, certamente una delle chiavi per superare l'attuale e preoccupante crisi”.

Quindi la rete dei concessionari deve cambiare sistema?
“Certo, i saloni sono deserti, il classico porte aperte non ha più senso come una volta. Oggi ci si informa sui siti, sui blog. E' on-line che si costruisce come si vuole l'auto, che si formula il preventivo. L'attuale organizzazione di vendita dovrà adeguarsi”.

E sul rinnovamento Seat, marchio che ha accusato una flessione del 32% nei primi sette mesi?
“La nuova Leon si è golfizzata visto che nasce sulla medesima piattaforma, condivide i motori e vanta una carrozzeria più leggera di 90 kg, rispetto a quella della seconda generazione: i commenti della stampa specializzata dopo il test stradale a Malaga sono risultati molto positivi. E' l'inizio di una svolta, arriverà a metà gennaio, prezzi da 17.370 euro: chi la prenoterà entro il 31 dicembre riceverà gratuitamente i proiettori full Led, l'unica della classe ad offrirli”.

VW, partner istituzionale e fornitore ufficiale della Roma calcio?
“Accordo che si inserisce nel trend di internazionalizzazione del marchio Roma. Con gli americani, la squadra giallorossa di Zeman ha così una dimensione multinazionale.”

Appuntamento, di rigore, al Motor Show di Bologna?
“E' una vetrina importante per venire a contatto con i giovani. Esporremo Volkswagen Golf 7 GTI concept, Golf 7 BlueMotion concept, Maggiolino Fender edition, Seat Leon e Skoda Rapid ed il resto delle nostre gamme”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

CO2: investimenti dei Costruttori impattano più dei Petrolieri

Citroën cambia Brand Identity: nuovo logo dal 2023