L'Europa investe nelle batterie: auto elettriche più economiche?

Con gli incentivi statali i Costruttori non dovranno più importare batterie dall'Asia: la strategia europea per lanciare l'auto elettrica

18 febbraio 2019 - 11:59

L'Europa sta attuando il piano che per anni ha incoraggiato l'industrializzazione di molti Paesi meno sviluppati in questo settore, ma stavolta lo fa per spingere la produzione interna di batterie. Un indirizzo che si intuisce dalle indiscrezioni che vorrebbero la Francia,  come la Germania, pronta ad investire soldi, sottoforma di incentivi per la costruzione di fabbriche di batterie. Ora si attende l'ondata di costruttori asiatici nell'Unione Europea che porterà a un abbassamento del costo di produzione e quindi del prezzo delle auto elettriche.

LA GERMANIA CAPOFILA Oltreoceano sembra aver dato i suoi frutti la campagna protezionistica del Presidente USA, e l'Europa ne prende ad esempio solo la carota per spingere le aziende a trasferire nel vecchio continente le fabbriche di batterie. Lo ha già fatto la Germania varando 1 miliardo di euro di investimenti e la Francia è vicina a seguire la stessa strada con l'obiettivo comune di contrastare il controllo dei Costruttori asiatici sulla produzione delle batterie. Ad oggi infatti il costo di una batteria può arrivare a pesare anche un terzo del valore dell'auto, mentre entro il 2025 si punta a raggiungere un costo di 50 dollari per kWh.

PER I COSTRUTTORI E' UN SALTO NEL BUIO La Francia pare voglia portare in casa la produzione delle batterie mettendo sul piatto un piano di investimenti industriali per 700 milioni di euro. A più riprese, infatti, molti Costruttori hanno testimoniato che produrre da sé le batterie per le auto elettriche comporta un rischio elevatissimo senza il sostegno dei governi. Molti altri Costruttori invece hanno già iniziato a prendere accordi per l'assemblaggio delle batterie in Europa, ma resta comunque fuori – in Cina e Corea – la produzione dei moduli che sono il cuore degli accumulatori.

I GIGANTI DELLA PRODUZIONE DI BATTERIE Tra i principali produttori di batterie per auto elettriche le aziende cinesi hanno in mano gran parte dell'industria estrattiva e di raffinazione dei materiali impiegati come il cobalto e altri ossidi tra le terre rare. Questi ingredienti fondamentali per la produzione di celle al litio vengono poi venduti ai Costruttori di batterie nel mondo, tra cui Samsung, Panasonic, LG Chem, BYD, Basf, CATL e poi c'è Tesla che è la voce fuori dal coro con la sua Giga Factory USA, che ha dato ispirazione anche a CATL per un progetto altrettanto ciclopico ma in territorio tedesco. Tutto questo si spera, ridurrà gran parte dei costi di acquisto di un'auto elettrica, ad oggi sobbarcabili principalmente da aziende, mentre il privato inizia già ad avvicinarsi con più coraggio alle auto ibride elettriche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Auto usate: gli italiani hanno speso 7 mila euro in più nel 2018

Consiglio acquisto crossover: budget fino a 15.000 euro