La Commissione Europea vuole agevolare l'immatricolazione intracomunitaria

Chi ha provato a importare da solo una vettura già immatricolata all'estero sa bene che la procedura non è per niente facile. Il commissario Antonio Tajani intende (finalmente) risolvere il problema

7 marzo 2011 - 14:00

La Commissione Europea per l'Industria e l'Imprenditoria ha deciso di indire una consultazione pubblica per comprendere meglio quali sono le difficoltà che le imprese e i cittadini comunitari incontrano nel trasferimento in un determinato Stato di una vettura acquistata e immatricolata in un altro. Dopo questa fase, che porterà all'identificazione dei problemi, ne partirà un'altra destinata a risolverli, mettendo a punto soluzioni per eliminare quelli che è a tutti gli effetti sono ostacoli alla libera circolazione delle merci.

OPERAZIONE COMPLICATA – “Acquistare un'automobile in uno Stato membro e poi trasferirla in un altro non dovrebbe essere un'operazione complicata. Lo scopo della consultazione è quello di risparmiare tenpo e denaro nell'interesse dei socnumatori e delle imprese”, ha dichiarato il commissario europeo Antonio Tajani. Chi ha provato a trasferire la sua automobile in un altro Stato, oppure ne ha acquistata personalmente una in uno Stato diverso da quello di residenza, comprende perfettamente che cosa intende dire il commissario. Chi si cimenta oggi in queste procedure incontra numerose difficoltà legate all'obbligo di fornire le informazioni o i documenti che non erano state presentate al momento dell'immatricolazione precedente o anche quelle già fornite come, per esempio, il certificato di conformità. Ciò implica una serie di formalità burocratiche che implicano un aggravio di spese sia per il cittadino, sia per gli uffici che devono provvedere alla nuova immatricolazione e a quelli fiscali. Secondo lo strumento online Solvit, ideato dalla commissione proprio per individeuare e risolvere i problemi legati alla libera circolazione delle merci, il 5% di tali problemi riguarda proprio l'immatricolazione dei veicoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Atti vandalici: come proteggere l’auto da danni e graffi sulla carrozzeria

Incidente auto e dolore al collo: 4 consigli per evitare il colpo di frusta

Area B a Milano funziona

Area B a Milano funziona: in 6 mesi -13% di auto inquinanti in transito