Iva al 21%? L'aumento lo pagherà Honda

La casa giapponese, con un tempismo invidiabile, ha trasformato l'aumento dell'Iva appena varato in un'iniziativa promozionale a favore dei clienti

16 settembre 2011 - 17:22

Uno dei provvedimenti più chiacchierati (e detestati) della manovra finanziaria appena approvata dal governo è l'aumento dell'aliquota Iva al 21% per tutti i beni e i servizi che finora erano assoggettati al 20%. La misura scatterà dalla mezzanotte di questa sera, quindi gli acquisti del weekend saranno gravati dalla nuova aliquota.

CONTA LA FATTURA, NON IL CONTRATTO – Per quanto riguarda il mondo dell'auto, l'aumento andrà in vigore per tutte le vetture per le quali la fattura non è stata ancora emessa, anche se sono state acquistate in precedenza. In pratica, chi ha già comprato l'auto nuova (o una usata fatturabile) ed è in attesa della consegna dovrà pargarsi l'1% agguntivo. A questo proposito, i moduli contrattuali delle case parlano molto chiaro: le tasse da versare sono quelle in vigore al momento della fatturazione, e non alla data del contratto.

HONDA VELOCISSIMA – Tuttavia, con un tempismo degno di uno scattista, Honda Italia ha pensato di trarre qualche vantaggio pubblicitario-commerciale dal detestato aumento e ha emesso oggi un comunicato in cui dichiara che si accollerà l'aumento per tutti i contratti già stipulati, ma per i quali i clienti non hanno ancora saldato e ritirato la vettura. Inoltre, farà lo stesso anche per i contratti firmati entro il 30 settembre, il che certo frutterà qualche vendita in più proveniente dagli indecisi che pensavano di acquistare una Honda, ma che ancora non hanno perfezionato l'accordo. In ogni caso l'agevolazione, che equivale a uno sconto aggiuntivo, si applicherà a tutte le vetture prenotate entro la fine di settembre e immatricolate entro la fine dell'anno. A scanso di equivoci, il beneficio sarà cumulabile con tutte le altre agevolazioni previste questo mese (sconto del concessionario o campagne promozionali), quindi va considerato un regalo supplementare che Honda Italia ha calcolato di importo variabile da 150 a 400 euro, secondo il modello della vettura. In altre parole, i concessionari non dovrebbero diminuire dell'1% l'eventuale sconto solo perché la casa ha fatto ai clienti un regalo che vale altrettanto, quindi consigliamo i lettori eventualmente interessati a una Honda a vigilare sul rispetto dello spirito dell'iniziativa. La casa ha dichiarato inoltre che si accollerà il maggior importo dell'Iva anche per i ricambi originali acquistati dalla rete ufficiale e fatturati entro questo mese.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B