Il gruppo Volkswagen lancera' 100 modelli da oggi al 2015

Vendite record nel 2013 e da quest'anno potrebbe sfondare il muro dei 10 milioni di unità

20 marzo 2014 - 7:00

Investimenti per oltre cento miliardi in quattro anni per il Gruppo Volkswagen che naviga a vele spiegate. Nel 2013, con i suoi 12 marchi (Vw, Audi, Porsche, Skoda, Seat, Lamborghini, Bentley, Bugatti, Vw veicoli industriali, Man, Scania e Ducati) ha venduto 9,7 milioni di veicoli a quattro ruote, cioè moto a parte. “Un momento d'oro per Wolfsburg – ha evidenziato il Ceo Martin Winterkorn nella suggestiva location di Tempelhof, lo storico aeroporto del Ponte aereo di Berlino con cui nell'inverno 1948-1949 i piloti dei cargo americani e della Raf, un atterraggio ogni 50″, rifornirono la città di tutto salvandola dal blocco terrestre con cui Stalin voleva piegarla per fame – e quest'anno si potrebbe sorpassare Toyota se si arrivasse a 10 milioni di unità, anticipando così di quattro anni l'ambito traguardo”.

OFFENSIVA DI PRODOTTO CON 100 NUOVI MODELLI – Da oggi fino al 2015 saranno lanciati cento nuovi modelli. A Ginevra le anteprime mondiali erano numerose: TT, S1, S1 Sportback, S3 Cabriolet, Rs4 Avant Nogaro per Audi, Continental GT Speed, Flying Spur V8 per Bentley, Quarta Les Legendes per Bugatti, Huracan per Lamborghini, Macan S diesel, 919 Hybrid, 911 RSR per Porsche, Mii By Mango e Leon Cupra per Seat, Octavia G-TEC, Octavia Scout 4×4 e le concept cars VisionC, Fabia, Octavia Coupè per Skoda, Polo BlueMot TSI e TDI, Polo BlueGT, CrossPolo, Polo R, e Golf, Golf GTE, Golf Sportvan, Scirocco, XLR e T-Roc per Volkswagen.

SILENZIO E SPUNTO ENTUSIASMANTE PER L'ELETTRICA GOLF – Si gira la classica chiavetta sul piantone dello sterzo e un suono avverte che il motore è acceso. Leva del cambio dalla posizione P alla D, come una normale auto automatica. La e-Golf, prima versione a completa trazione elettrica, si avvia in punta di piedi con uno spunto entusiasmante. Il cuore è un motore elettrico da 115 cv, batterie agli ioni di litio con 264 celle che forniscono una capacità di 24,2 kWh, notevole accelerazione, cambio monomarcia, una spia calcola costantemente l'autonomia, quella massima dichiarata è di 190 km, la minima scende a 130 km. La vettura può raggiungere i 140 orari. La vettura si ricarica in tre modi: presa tradizionale di corrente a 220V (13 ore), sistema di ricarica veloce in garage (8 ore), in mezz'ora nelle apposite colonnine. Arriverà in Italia in giugno ad un prezzo che oscillerà intorno ai 37 mila euro e che scoraggerà molti utenti. “Occorre pensare l'auto di dopo domani – ha detto Winterkorn – e l'elettrica pura l'abbiamo realizzata.

PRIMO BIMESTRE, UN MILIONE E 467 MILA VENDITE – In gennaio e febbraio 2014 il Gruppo Volkswagen ha venduto 1 milione e 467 mila veicoli (+ 4,7%). L'utile di gestione è risultato record a 11,7 miliardi di euro, ricavi aumentati del 2,2%. Ventitremila posti di lavoro creati in più in tutto il mondo. Scendendo in dettaglio nel bimestre il Gruppo è cresciuto del 6,6%, Vw dell'8,8%, Audi del 4,2%, Seat dell'11,1%, Skoda del 12%, gli altri brand hanno totalizzato un incremento complessivo del 12,3%. Dopo il calo del 2% nel 2013 a 920.800 unità, Skoda è certa di ritornare a crescere nel corso del 2014. L'obiettivo è di oltrepassare la soglia di un milione di esemplari, tappa intermedia nel target a più lungo termine di raggiungere 1,5 milioni di veicoli entro il 2018. Il brand ha rinnovato fino al 2018 l'accordo di sponsorizzazione e auto ufficiale al Tour de France di ciclismo.

ALTRO OBIETTIVO, QUALITA' DELLA RICERCA TECNOLOGICA – Fra gli obiettivi primari per il Gruppo tedesco quello di diventare il primo della classe sia per ricerca tecnologica, sia per eliminare i difetti nella costruzione dei modelli.

6.200 EURO DI BONUS PREMIO AI DIPENDENTI – Da oggi al 2018 la forza lavoro del Gruppo tedesco salirà a 600 mila unità (attualmente sono 570.000). Quest'anno il bonus per i dipendenti sarà di 6.200 euro.

SVILUPPO DELLA PRODUZIONE MODULARE – Altri due elementi strategici del Gruppo Vw sono lo sviluppo della produzione modulare con componenti e piattaforme comuni e la valorizzazione al massimo dei marchi più competitivi. Piattaforma comune per Audi A3, Golf, Seat Leon e Skoda Octavia ed ancora quella per Passat, Tiguan e Touran. I marchi che sembrano avere le ali ai piedi sono Audi e Porsche (nel 2013 le consegne sono cresciute di un consistente 15% a 162.145 unità grazie anche al successo della nuova 911 che ha festeggiato il 50° anniversario con circa 30 mila unità. Bestseller del marchio rimane la Cayenne che ha superato gli 84 mila esemplari.

ANNO RECORD ANCHE PER AUDI IL 2013 – La casa dei quattro anelli ha immatricolato nello scorso anno 1.575.500 esemplari (+8,3%). Come ha ricordato a Ginevra il presidente Rupert Stadler, negli ultimi quattro anni, il brand ha conquistato altri 600 mila clienti. A sostenere le vendite la nuova A3 e la famiglia dei Suv firmati Q.

RIORGANIZZAZIONE CAPACITA' PRODUTTIVA – ll Gruppo Volkswagen sta riorganizzando la capacità produttiva della maggior parte dei propri impianti internazionali. Dal 2016, il modello del veicolo commerciale successivo al Crafter sarà prodotto in Polonia nel nuovo impianto di Wrz operativo nella seconda metà del 2016. Sempre nel 2016 la Tiguan sarà assemblata, oltre che a Wolfsburg, anche nella fabbrica di Hannover. La prossima generazione della Porsche Panamera sarà prodotta solo a Lipsia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Le migliori Case che sanno vendere meglio le auto nel 2019

Conversione patente estera

Conversione patente estera conseguita prima dei 18 anni: ok dal MIT

Patente a 18 anni: i problemi più frequenti di chi inizia a guidare l’auto