Fine della querelle fra Greenpeace e Volkswagen

La XL1, l'auto da un litro, e gli investimenti di 50,2 MILIARDI chiudono l'acceso confronto

2 aprile 2013 - 11:07

Altro che fumo! La XL1, l'auto da un litro, con consumi di 0,83 l/X100 km ed emissioni di C02 pari a 21 g/km ha in pratica azzerato la lunga querelle fra Greenpeace, l'organizzazione ambientalista indipendente, e il Gruppo Volkswagen. Al Salone di Ginevra, il Gruppo Volkswagen ha annunciato di voler ridurre il consumo della propria gamma di veicoli nuovi in misura molto più ampia di quanto precedentemente pianificato. Martin Winterkom, Ceo del Gruppo VW, ha ribadito questa decisione nel corso del primo incontro con il Direttore esecutivo di Greenpeace, Brigitte Behrens, lo scorso 15 marzo ad Hannover. Il confronto ha avuto come argomento principale l'impegno del Gruppo VW in tema di protezione dell'ambiente, Gruppo che entro il 2020 vuole raggiungere i 95 g/km fissati dalla UE a patto che i clienti accetteranno le innovative soluzioni di trazione. La Behrens si è detta soddisfatta per la salvaguardia del clima e dell'impegno di apportare soluzioni tecniche ecosostenibili nella futura produzione di serie.

CONFRONTO POLEMICO – Per due anni VW e Greenpeace sono stati protagonisti di un confronto molto polemico, acceso e in taluni casi spettacolare sulla riduzione delle emissioni medie della gamma veicoli. Rispetto al calcolo della media, sono state avanzate critiche relative ai cosidetti “supercredits” che consentono ai costruttori di conteggiare i veicoli elettrici e ibridi più volte in quanto veicoli a basse emissioni.

SIT-IN A BERLINO PER LA GOLF7 – A Berlino, in occasione dell'anteprima mondiale della Golf7, si era registrato un sit-in polemico di alcuni attivisti di Greenpeace. Un modello che ieri l'altro è stato eletto “Car of the Year 2013” al Salone di New York (a ritirare il premio c'era il responsabile del Design del Gruppo, l'italiano Walter dè Silva).

LE RASSICURAZIONI DI WINTERKON – Il presidente del Gruppo di Wolfsburg ha sottolineato a Ginevra che dei 50,2 miliardi di euro di investimenti complessivi pianificati entro il 2015, più di 2/3 saranno destinati allo sviluppo di tecnologie, di sistemi di trazione e di veicoli sempre più efficienti, oltre al sostegno di processi produttivi all'insegna della massima ecocompatibilità. Entro il 2018 i suoi 100 stabilimenti mondiali diventeranno il 25% più ecocompatibili. Negli ultimi due anni è stato già ridotto del 10% l'inquinamento ambientale per ogni veicolo prodotto, grazie al contenimento dei consumi di energia e acqua, della produzione dei rifiuti e dell'abbattimento di emissioni di C02 e di quelle derivanti dai solventi.

OGGI – Il Gruppo tedesco già oggi offre 245 veicoli con emissioni di C02 inferiori a 120 g/km, ben il 60% in più rispetto a due anni addietro. Sono ben 36 quelli con emissioni sotto i 100 g/km, quasi il 40% in più del 2011.

GIUGNO 2011, INIZIA LA CAMPAGNA GREENPEACE CONTRO VW – La campagna di Greenpeace contro VW è stata lanciata nel giugno del 2011 a livello globale ed ha ottenuto riscontri e reazioni molto differenti a seconda dei Paesi in cui VW opera e comunica a livello social. Le prime avvisaglie di una possibile soluzione alla crisi che ha visto scontrarsi VW e Greenpeace si hanno dal blog inglese eModeration, da sempre attento alle tematiche di comunicazione di crisi e marketing, analizzando un esempio di Social Media Crisis. In gennaio Greenpeace ha lanciato la sua campagna Darth Vader, una parodia della pubblicità che VW ha presentato al Superbowl, contro l'azienda, accusandola di “usare il suo enorme peso politico per fare pressioni contro le principali leggi in materia ambientale”. VW ha postato un invito sulla sua pagina Facebook chiedendo agli utenti di suggerire gli obiettivi che l'azienda avrebbe dovuto raggiungere nel 2012. Un paio di giorni dopo Greenpeace UK ha diffuso un messaggio su Facebook incoraggiando i suoi fan a “tendere un'imboscata” alla pagina VW. Gli ambientalisti in rivolta hanno invaso il wall dell'azienda. Ovviamente VW ha cancellato i commenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage