Chrysler: inizio d'anno con richiami

Le autorità statunitensi hanno disposto il richiamo di decine di migliaia di esemplari di Dodge Ram e Journey per difetti agli airbag, al piantone dello sterzo e al ponte posteriore

12 gennaio 2011 - 6:00

La casa americana inizia il 2011 con due notizie, una buona e l'altra cattiva. Quella buona è che Sergio Marchionne, amministratore delegato Fiat, ha annunciato ieri di aver aumentato la partecipazione del suo gruppo nel capitale azionario della casa americana, portandola dal 20 al 25%, e di essere pronto ad arrivare al 51%.

PIANTONE A RISCHIO – La cattiva notizia, invece (oltre a quella di qualche mese fa sulla mega-indagine avviata dall'NHTSA riguardante il pericolo d'incendio per oltre tre milioni di Jeep Grand Cherokee), è che il 9 gennaio è stato predisposto negli Usa un richiamo che interessa un modello di produzione Chrysler, il Dodge Ram in versione 2500, 3500 e 3500 Cab, il cui piantone dello sterzo, realizzato dalla società “Powers & Sons”, può rompersi compromettendo la governabilità del veicolo. Il problema riguarda 32.782 Ram costruiti tra il 2008 e il 2009 e destinati esclusivamente al mercato americano. Entro il prossimo 16 febbraio i concessionari daranno il via alle operazioni di richiamo, che prevedono la sostituzione di alcune parti del dispositivo sterzante.

RISANAMENTI A FEBBRAIO – Il richiamo del 9 gennaio segue di poco altri due provvedimenti simile, datati 24 dicembre 2010, che hanno interessato un'altra versione del Ram, la 1500, e un secondo modello Dodge, il Journey. Nel primo caso il problema riguarda 56.611 Ram prodotti tra il settembre 2009 e il dicembre 2010, nei quali l'assale posteriore potrebbe bloccarsi a causa della rottura di un cuscinetto che non presenta evidentemente i requisiti di robustezza e durata previsti. Fortunatamente, come spesso avviene in casi del genere, il cedimento del cuscinetto viene di solito preceduto da un avvertibile “gemito” proveniente dall'assale posteriore. Per quanto riguarda il Journey (si tratta di 65.180 esemplari costruiti tra il 1° novembre 2007 e il 7 settembre 2008), il difetto riguarda invece la scarsa resistenza di alcuni cavi elettrici, inseriti nelle portiere dei veicoli, che collegano gli airbag laterali ai sensori di rilevamento degli urti. In caso di interruzione del segnale, gli airbag laterali potrebbero non funzionare lasciando i passeggeri sprotetti durante un incidente. Anche negli ultimi due casi citati le operazioni di risanamento dei veicoli dovrebbero iniziare entro febbraio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’auto protegge dai fulmini di un temporale?

Milano, Area B: sino a 483 mila auto vietate dal 1° ottobre

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022